Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 02 marzo 2021 - Aggiornato alle 20:12
Live
  • 23:08 | Tim nel Nasdaq Sustainable Bond Network
  • 20:26 | Sanremo 2021, le pagelle della prima serata - DIRETTA
  • 18:49 | La colazione preferita del piccolo Archie
  • 18:23 | Un nuovo “Superman” firmato J.J. Abrams
  • 18:17 | Christian Bale in un poliziesco (con Edgar Allan Poe)
  • 18:15 | Google integrerà Assistant nella suite Workspace
  • 17:51 | Microsoft Teams supporterà la crittografia end-to-end
  • 17:51 | Come partecipare al concorso TIM Unica e vincere un viaggio di 365 giorni
  • 17:30 | Covid, in Italia altri 343 morti
  • 17:28 | Apple ha riaperto tutti i suoi negozi fisici negli Usa
  • 17:10 | I patrimoni di Harry e Meghan
  • 17:00 | La storia di Zaky, studente a Bologna, incarcerato in Egitto
  • 16:56 | Gal Gadot aspetta il terzo figlio
  • 16:15 | Recovery, Gentiloni ottimista: i primi fondi prima della pausa estiva
  • 16:09 | Al carcere di Reading un’opera in perfetto stile Banksy
  • 16:00 | Festival di Sanremo 2021 al via, tutto quello che c'è da sapere
  • 16:00 | Recovery Plan, il lavoro di Draghi e Franco
  • 15:52 | Arte in digitale: gli appuntamenti online di marzo, la danza a Mantova
  • 15:33 | Il Myanmar a un mese dal golpe
  • 15:25 | Roger Federer non giocherà il Masters di Miami
Trump: i
TECNOLOGIA 7 agosto 2019

Trump: i "videogame violenti" responsabili delle stragi (non le armi!)

di Federico Bandirali

Dai tempi di Columbine i videogiochi capro espiatorio

Le due stragi “suprematiste” di Dayton e El Paso hanno riaperto il dibattito su come sia possibile arrivare a simili estremi.

Svelato il luogo deputato alla discussione e alla divulgazione di contenuti razzisti, suprematisti, neo-nazisti, misogini incitanti all’odio, ovvero il forum "feccia"  8chan, attualmente offline, la discussione si è spostata su alcune parole del Presidente statunitense Donald Trump nel discorso alla nazione successivo alle tragedie.

Trump: “fermare i videogiochi violenti”

Più precisamente Trump ha detto - all’interno di un discorso più ampio nel quale ha additato responsabilità anche ai social media al web - che: “È necessario porre fine alla glorificazione della violenza nella nostra società. Questo include i videogiochi violenti che sono ora molto comuni”. Paventando così un legame tra le diverse tragedie e i videogames.

ESA: “nessuna connessione videogame-violenza”

L’Entertainment Software Association (ESA, associazione che riunisce le case che producono videogames) ha replicato al Tycoon diramando un comunicato, nel quale si rammenta che numerosi studi scientifici, come già chiarito nel 2018, non hanno trovato connessioni casuali tra videogame. Sottolineando anche come se più di 150 milioni di americani giocano coi videogames, nel mondo si sale a miliardi, ma nelle altre società non si registrano tracce di violenza paragonabili a quelle statunitensi.

Una “colpa” di lunga data

I videogiochi sono stati al centro del dibattito politico già dai tempi della strage di Columbine, e ad ogni strage sono stati tirati in ballo. Titoli come “Counter-Strike”, “Call of Duty” e “Grand Theft Auto” sono stati oggetto di pesanti critiche. E nel 2018 Trump aveva già puntato il dito contro i videogiochi dopo la sparatoria di Parkland, Florida, dove il razzista e islamofobo Nikolas Cruz il 14 febbraio entrò sparando alla Marjory Stoneman Douglas High School, mietendo 17 vittime.

Guardare il dito e non la luna

La ricerca non è mai riuscita a trovare relazioni tra videogiochi e sparatorie di massa. Già nel 2011 una sentenza della Corte Suprema stabili che non era possibile collegare comportamenti violenti e videogiochi. E in seguito le cose non sono mai mutate, anzi. Studi hanno determinato che riducono la criminalità.

 

Improbabile, ma resta il fatto che i videogames sembrano un capro espiatorio, tra i tanti, per deviare l’attenzione da quello che è un problema reale, ovvero il controllo sulla vendita e la detenzione di armi da fuoco, la “radicalizzazione”, le responsabilità della stessa politica e altri fattori che sicuramente concorrono a creare un contesto socio-culturale fertile per questo tipo di tragedie.

I più visti

Leggi tutto su News