Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 18 aprile 2021 - Aggiornato alle 12:15
Live
  • 11:16 | Alexei Navalny sta morendo?
  • 11:15 | Bob Dylan compirà 80 anni, bio e canzoni del cantautore
  • 11:05 | Il pazzo 4-3 tra Cagliari e Parma
  • 11:00 | Ricette regionali: la Toscana e gli gnudi di ricotta e spinaci
  • 10:18 | Riaperture: che cosa succede in Italia dal 26 aprile
  • 10:15 | Bruno Mars età, vita privata e curiosità
  • 10:00 | Maiale alle nespole, vi assicuriamo che è buonissimo!
  • 10:00 | Se volete darvi al giardinaggio ecco cosa dovete avere
  • 09:45 | Gli esami più difficili di Filosofia
  • 09:00 | Che fine ha fatto Valentina Vernia, la ballerina hip hop di Amici
  • 09:00 | Come risparmiare acqua in estate
  • 08:50 | Come vincere bici, monopattini e giardini idroponici con TIM Party
  • 06:00 | Il record di vaccini di ieri e le altre notizie sulle prime pagine
  • 05:35 | Economia italiana, la scommessa di Draghi sulla crescita
  • 01:43 | Martina è l'eliminata della quinta puntata del Serale
  • 00:40 | Di cosa parla la nuova serie di Courteney Cox
  • 00:07 | Un live action dedicato alle sorellastre cattive di Cenerentola
  • 23:35 | Hugh Jackman e Laura Dern protagonisti di “The Son”
  • 23:17 | “A very english scandal”, una miniserie con Hugh Grant su TIMVISION
  • 23:01 | Basket, Serie A: Shields guida l’Olimpia Milano, Virtus ko 94-84
Come è cambiato Twitter da quando non c'è più Trump Donald Trump - Credit: Pool / ABACA / IPA / Fotogramma
internet 20 gennaio 2021

Come è cambiato Twitter da quando non c'è più Trump

di Federico Bandirali

Crollate le fake news sulle elezioni Usa. Ma non è tutto oro quel che luccica

La sospensione a vita del Tycoon dalla piattaforma - strenuamente difesa anche dal fondatore e CEO Jack Dorsey - ha infatti determinato nel volgere di pochi giorni un crollo delle fake news pubblicate su Twitter e relative alle elezioni presidenziali dello scorso 3 novembre, diminuite del 73%.

 

 

I dati, processati ed elaborati da un team di ricercatori della società Zignal Labs appositamente per il WP, sono abbastanza chiari e non si prestano ad interpretazioni di sorta. In primo luogo l’hashtag #StopTheSteal (fermate il furto), usato per post su presunte frodi nella votazione a favore di Biden macchiando la sua vittoria sul social, è stato utilizzato quasi 690.000 volte nel periodo compreso tra il 9 e il 15 gennaio - ovvero dal giorno successivo al ban di Trump - rispetto ai 2,5 milioni registrati in precedenza.

 

Da evidenziare come Twitter sia solo la punta dell’iceberg, con altre piattaforme che in un modo o nell’altro hanno smesso di dar voce a Trump e ai suoi sostenitori non condividendo nulla di quanto affermato dal presidente statunitense uscente dopo la sconfitta.

 

La lunga lista include, sebbene con modalità differenti, Facebook, YouTube e Reddit, dando vita ad una sorta di fuga dalle piattaforme digitali. Un fenomeno che incide in negativo sugli stessi social e sul pubblico potenzialmente raggiungibile, oltre a far diventare sempre più “estremi” quanti precedentemente erano dediti alla diffusione disinformazione e contenuti fuorvianti.

 

Due prospettive diverse unite solo dal motivo scatenante: la cacciata di Trump dalle varie piattaforma ha sortito gli effetti sperati, ma il prezzo da pagare è la radicalizzazione delle persone già propense a sostenere teorie del complotto rispetto alle presidenziali Usa.

 

- LEGGI ANCHE: Airbnb: niente prenotazioni a Washington per l’insediamento di Biden

- E ANCHE: Stati Uniti, l’attacco alla democrazia dei seguaci di Trump

 

Gli effetti, come visto in occasione dell’attacco al Congresso statunitense, non sono dei migliori. Ed è anche per questo che durante il suo mandato il Tycoon ha potuto pubblicare senza sosta tutto ciò che gli passava per la testa evitando la stingente moderazione dei social.

I più visti

Leggi tutto su News