TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 17:35

 /    /    /  Twitter, in arrivo l’iscrizione alle newsletter da un tweet
Twitter, in arrivo l’iscrizione alle newsletter da un tweet

- Credit: MATHIEU PATTIER / SIPA / IPA / Fotogramma

SOCIAL NETWORK23 ottobre 2021

Twitter, in arrivo l’iscrizione alle newsletter da un tweet

di Federico Bandirali

Basterà un semplice click sul cinguettio. Ecco come funziona la novità

Twitter ha acquistato il servizio di newsletter via email, Revue, all’inizio del 2021, cercando di coinvolgere nel progetto giornalisti e scrittori desiderosi di condividere contenuti di lunga durata senza sentirsi limitati ai tradizionali 280 caratteri per singolo tweet. Adesso, come annunciato via cinguettio dalla piattaforma fondata e gestita da Jack Dorsey, il servizio integrato di newsletter sul social sta ricevendo un nuovo aggiornamento.

 

Con un post dal proprio account ufficiale, Revue ha infatti spiegato che ora gli utenti possono iscriversi a una newsletter semplicemente facendo clic su un collegamento in un tweet. E - se l'indirizzo email di un utente è collegato al proprio account Twitter - ora la persona in questione può iscriversi con un solo clic, senza che sia richiesta la verifica dell’indirizzo di posta elettronica.

 

Revue ha quindi precisato che mentre la funzione è attualmente disponibile per gli utenti che si collegano da PC o via Web, la soluzione è comunque destinata ad arrivare su Android e iOS nel prossimo futuro.

 

Tutto ciò dopo che lo scorso agosto Twitter ha testato un pulsante di iscrizione alla newsletter sui profili degli utenti. L'acquisizione di Revue pone il social “testa a testa” in una sorta di duello con Substack, servizio di newsletter a pagamento che aiuta gli utenti ad acquisire un seguito di lettori.

 

- LEGGI ANCHE - Su Twitter ci si potrà iscrivere alle newsletter dal profilo

- E ANCHE - Twitter, a breve l'integrazione delle newsletter di Revue

 

Con Revue che diventa ancora più radicato nell'interfaccia di Twitter, si può solo immaginare l'effetto che questo potrebbe avere sugli utenti di Substack. I creatori potrebbero invece sentirsi più inclini a utilizzare Revue, grazie alla sua praticità e al fatto che si integra perfettamente nei loro tweet e profili.