TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 15:30

 /    /    /  Twitter suggerirà “leggi davvero l'articolo prima di rItwittare”
Twitter chiederà a tutti: “Hai letto l'articolo prima di ritwittare”

- Credit: Jaap Arriens / IPA / Fotogramma

SOCIAL NETWORK29 settembre 2020

Twitter chiederà a tutti: “Hai letto l'articolo prima di ritwittare”

di Federico Bandirali

Testata da giugno, la "richiesta" punta a migliorare la qualità delle discussioni sul social

Twitter ha comunicato ufficialmente di essere al lavoro per rendere presto disponibile per tutti gli utenti il suggerimento “hai davvero letto l'articolo prima di ritwittare”. La piattaforma di microblogging, giova ricordarlo, lo scorso giugno aveva iniziato a testare il “suggerimento”, che compare quando le persone ritwittano qualcosa che non hanno letto davvero. La soluzione, secondo la società di Jack Dorsey, è pensata per “promuovere discussioni informate” sul social. Questo perché spesso i titoli di un articolo non corrispondono al contenuto dello stesso, e possono risultare fuorvianti.

 

Incoraggiare le persone a leggere prima di condividere qualcosa, è un modo intelligente per promuovere l’alfabetizzazione mediatica e fermare alcune delle reazioni istintive che possono rendere virale la disinformazione. Pertanto ora Twitter “sta lavorando per introdurre questa funzione per tutti gli utenti su scala globale”, spiegando che in futuro l’apposita finestra sarà di dimensioni ridotte e verrà mostrata solo una volta.

 

Inoltre, il social sta lavorando su altre soluzioni mirate a migliorare la qualità delle interazioni sulla piattaforma, tra cui una che avvisa gli utenti prima che rispondano a un cinguettio in modo offensivo e, non da meno, limitare la platea di chi può rispondere a un proprio tweet. Funzione già introdotta, invero, ma in fase di implementazione su scala globale.

 

- LEGGI ANCHE - Twitter, in arrivo i tweet vocali registrati per iPhone

- E ANCHE - Su Twitter in arrivo i messaggi vocali "privati"

 

A logica, le nuove funzioni dovrebbero essere una sorta di antipasto per il passaggio seguente, ovvero mostrare a tutti gli utenti un avviso prima che pubblichino un Tweet porprio su argomenti “delicati”, ma si tratta di pura deduzione non confermata dalla piattaforma se non in via ufficiosa.