TimGate
header.weather.state

Oggi 02 ottobre 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Twitter sta testando diverse velocità per la riproduzione video
Twitter sta testando diverse velocità per la riproduzione video

- Credit: Ravi Sharma / Unsplash

SOCIAL NETWORK10 febbraio 2022

Twitter sta testando diverse velocità per la riproduzione video

di Samuele Ghidini

Con una nuova funzione che consente di impostare la velocità aumentandola o riducendola. Ecco perché

 

Twitter, dopo una sorta di pausa successiva al cambio di CEO, sta testando senza sosta diverse funzionalità, e dopo aver iniziato a sperimentare quella per gli articoli lunghi insieme ai “non mi piace” nei commenti e l’invio di DM dalla timeline, ora sta sperimentando anche una funzione che permette agli utenti di riprodurre con diverse velocità i video presenti sulla piattaforma. La novità, annunciata dal social nelle scorse con un tweet pubblico postato direttamente dal profilo del centro assistenza, al momento è utilizzabile solo per una ristretta cerchia di utenti che si collegano a Twitter da smartphone Android o da Web, anche se a breve inizieranno i test anche per iPhone e iPad (iOS e iPadOS).

 

La funzione permette all’utente di impostare diversi valori per la velocità di riproduzione dei video, partendo da un rallentamento a 0.25x fino alla velocizzazione di 2.0x, ovvero velocità doppia rispetto a quella originale. Per modificare la velocità di riproduzione nei filmati che interessano, basta selezionare la tradizionale icona a forma di ingranaggio posizionata in alto a destra del video, per poi scegliere l’opzione nel menu che si apre di conseguenza.

 

Un portavoce di Twitter, Joseph Nunez, ha chiarito che sarà possibile selezionare la velocità di riproduzione dei video veicolati dai tweet e dei messaggi diretti. Inoltre, sarà consentito fare lo stesso per i cinguettii vocali, i replay dei live e di altre funzionalità. Una novità che permetterà di fruire di contenuti particolarmente lunghi, per quanti non hanno tempo e vogliono andare “dritti al sodo”.