TimGate
header.weather.state

Oggi 25 settembre 2022 - Aggiornato alle 12:31

 /    /    /  Twitter sta testando l’invio dei DM direttamente dalla timeline
Twitter sta testando l’invio dei DM direttamente dalla timeline

- Credit: MATHIEU PATTIER / SIPA / IPA / Fotogramma

SOCIAL NETWORK08 febbraio 2022

Twitter sta testando l’invio dei DM direttamente dalla timeline

di Samuele Ghidini

La funzione permetterebbe di inviare messaggi privati senza di visitare il profilo dell’interlocutore. Ecco come

Twitter dopo il cambio di CEO ha iniziato a sperimentare novità sostanzialmente senza sosta, così dopo aver avviato i test per una funzione che consentirà di scrivere veri e propri articoli lunghi superando il limite dei 280 caratteri e del pollice verso per i commenti ai cinguettii, a quanto si apprende sta testando anche l’invio dei DM dalla timeline. Una novità importante, che consentirebbe agli utenti di avviare chat private senza dover prima andare sul profilo della persona con cui si intende interagire, in modo da velocizzare e rendere “immediate” le conversazioni e, contestualmente, semplificare l’accesso ai messaggi privati.

 

- LEGGI ANCHE - Twitter sta testando su scala globale i “non mi piace”

- E ANCHE - Twitter permetterà di scrivere articoli “lunghi”

 

Inoltrare messaggi diretti (DM) dalla timeline del social risulta infatti davvero facile. È sufficiente, infatti, pigiare sul pulsante dedicato presente in un tweet postato da un altro utente, e la conversazione privata ha inizio. Una soluzione che, di fatto, ripropone gli stessi passaggi necessari per pubblicare un messaggio pubblico.

 

La novità presenta però anche aspetti critici, visto che semplificherebbe e potrebbe addirittura incentivare le odiose molestie in Rete, proprio per via della facilità nell’avviare conversazioni private.

 

Affrontando marginalmente il possibile rischio, Twitter ha tuttavia comunicato che, se la funzione dovesse diventare realtà e non una sperimentazione entrando a pieno titolo nei servizi offerti dal social, lascerà sempre agli utenti il massimo controllo per la gestione autonoma relativa alle impostazioni della privacy. Bloccando così l’invio di messaggi diretti da parte di tutti gli utenti come, invece, succede al momento.