TimGate
header.weather.state

Oggi 12 agosto 2022 - Aggiornato alle 08:00

 /    /    /  WhatsApp, in arrivo avatar animati per le videochiamate
WhatsApp, in arrivo avatar animati per le videochiamate

- Credit: WhatsApp

APP01 luglio 2022

WhatsApp, in arrivo avatar animati per le videochiamate

di Federico Bandirali

In una nuova beta dell'app per Android c'è una funzione che consente di usarli al posto del volto nelle videocall

Le videochiamate su WhatsApp, già popolari prima della pandemia, complice proprio la diffusione del coronavirus Sars-Cov-2 e della maggior disponibilità di traffico dati offerta anche e soprattutto dalle reti di casa, sono diventate la normalità tanto per conversazioni private quanto per quelle lavorative.

 

Stante questa premessa, non sorprende più di tanto che gli sviluppatori dell'app di messaggistica istantanea più popolare al mondo stiano sperimentando e sviluppando nuove opzioni utili a rendere questo aspetto del servizio sempre migliore e più efficiente, nonché 'user friendly'.

 

In questo senso, infatti, a breve nell'app saranno introdotti nuovi avatar animati che virtualmente parleranno al posto degli utenti reali nel corso delle videochiamate.

 

- LEGGI ANCHE - WhatsApp: ecco come si potranno lasciare i gruppi 'in silenzio'

- E ANCHE - WhatsApp, ecco come funzioneranno le Community

 

La funzionalità, invero, non è stata annunciata ufficialmente da Meta, ma quanto scovato dal solito sito usa WaBetaInfo nel codice della beta per dispositivi Android di WhatsApp (la numero 2.22.15.5) è indicativo ed elimina dubbi di sorta rispetto all'effettivo lancio, anche se manca una data per l'arrivo degli avatar nella versione stabile dell'app.

Stando a quanto rilevato, con la nuova funzione in questione nel corso di una videochiamata l'utente potrà scegliere se sostituire o meno il proprio viso con un avatar personalizzato, continuando altresì a decidere se attivare o disattivare la fotocamera del device utilizzato come accade già.

 

Per utilizzare l'avatar dovrebbe essere necessario solo premere sul pulsante dedicato, che tuttavia al momento non è ancora abilitato neanche per chi usa la beta in questione dell'app. Circostanza che impedisce di 'assaggiare' come funziona nella fase di test.

 

E comunque interessante rilevare come, anche per far fronte all'ascesa di Telegram, Meta abbia già proposto e stia lavorando a una gran mole di novità, sbarcate o in procinto di farlo sul servizio di messaggistica istantanea più famoso e utilizzato al mondo.