TimGate
header.weather.state

Oggi 13 agosto 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  WhatsApp, in arrivo una nuova funzione di sicurezza: ecco a cosa serve
WhatsApp, in arrivo una nuova funzione di sicurezza: ecco a cosa serve

- Credit: Dmitry Feoktistov / IPA / Fotogramma

APP06 agosto 2022

WhatsApp, in arrivo una nuova funzione di sicurezza: ecco a cosa serve

di Samuele Ghidini

Gli utenti dovranno confermare la migrazione dell'account da un dispositivo a un altro, evitando gli scammer

La versione beta 2.22.17.22 di WhatsApp per Android – una delle tante sfornate dagli sviluppatori di Meta - è attualmente in fase di distribuzione per i tester e, come sottolineato dall'ineffabile sito Usa WaBetaInfo, porta con sé una novità utile ad aumentare ulteriormente gli standard di sicurezza dell'app di messaggistica istantanea più popolare al mondo.

 

Venendo al sodo, quando qualcuno tenta di effettuare il login al proprio account da un nuovo dispositivo, quello vecchio mostrerà una nuova finestra dalla quale sarà possibile confermare o meno la decisione di trasferire l'account da un device all'altro.

 

Inoltre, la predetta finestra mostra anche l'orario della richiesta e il dispositivo che l'ha inviata, offrendo all'utente una panoramica a 360° su quanto sta avvenendo. La soluzione, evidentemente, permetterà di evitare che, in caso di condivisione involontaria del codice a sei cifre necessario per il login, l'utente si trovi impossibilitato a bloccare il proprio account.

 

- LEGGI ANCHE - WhatsApp, gli amministratori dei gruppi potranno rimuovere i messaggi

- E ANCHE - WhatsApp, anche da Android si potrà nascondere lo 'stato online'

 

Ad onor del vero, la funzione anche una volta introdotta in pianta stabile e ufficialmente non sarà molto sfruttata dalla maggior parte degli utenti di WhatsApp, ma considerando come l'app di Meta abbia oltre due miliardi di utilizzatori abbondanti, è evidente che non saranno pochi quelli che eviteranno di finire nelle grinfie degli scammer che, come noto, 'lavorano' per prendere possesso dei profili di diversi malcapitati.

 

Una novità relativa a privacy e sicurezza, dunque, dopo che ultimamente il team di sviluppatori di WhatsApp si è dedicato a gruppi e altre funzionalità. Al solito, essendo la funzione descritta in versione beta, non è dato sapere quando la stessa sarà disponibile per tutti gli utenti in attesa di comunicazioni ufficiali nel merito di Meta.