Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 25 maggio 2020 - Aggiornato alle 21:15
Live
  • 21:15 | Il costo di Harry e Meghan ai britannici
  • 20:44 | La Spagna riaprirà ai turisti da luglio
  • 20:13 | Brasile, Bolsonaro e la passeggiata con hotdog e Coca-cola
  • 19:39 | Google Messaggi userà la crittografia end-to-end per gli RCS
  • 19:25 | Ad Hong Kong sono ricominciate le proteste
  • 19:22 | Luca Zaia conferma la Mostra del Cinema di Venezia 2020, ecco come sarà
  • 19:11 | Zoom: sospesa “temporaneamente” l’integrazione con Giphy in chat
  • 19:03 | Brian May ha avuto un infarto: "Sono stato a un passo dalla morte"
  • 19:00 | La confusione amorosa di Elena Morali
  • 18:52 | OneRepublic e Negramaro insieme in "Better Days-Giorni Migliori"
  • 17:45 | La Milano Digital Week online edition
  • 17:43 | "Bella così", l'inno per le donne di Chadia Rodriguez e Federica Carta
  • 17:36 | Coronavirus: l’app Immuni sarà disponibile a inizio giugno
  • 17:34 | Ricetta canederli
  • 17:05 | Le 50 canzoni più ascoltate della settimana su TIMMUSIC
  • 16:55 | Purè di patate con bimby
  • 16:46 | Covid-19 alle spalle, Coverciano torna completamente alla Figc
  • 16:33 | Positivo al Covid-19 giocatore del Torino, ora è guarito
  • 16:30 | Basket, stop alle coppe: cancellate ufficialmente EuroLega ed EuroCup
  • 16:28 | Euro 2020 virtual, l'Italia è campione d'Europa
WhatsApp: si potranno aggiungere nuovi contatti con codici QR - Credit: iStock
APP 23 maggio 2020

WhatsApp: si potranno aggiungere nuovi contatti con codici QR

di Federico Bandirali

Opzione già disponibile nella versione beta


WhatsApp sta testando una nuova funzionalità: aggiungere i contatti altrui alla propria rubrica semplicemente scansionando il QR code.

Già disponibile con l’ultima versione beta sia per iPhone che per device Android, l’opzione va attivata, per ora, dal menu impostazioni dell’app, con differenti sezioni dedicate alla visualizzazione del proprio codice QR e, ovviamente, scansionare con la fotocamera quello altrui.

 

Inoltre se per errore o per di un successivo problema  si condivide il proprio recapito telefonico in questo modo e si desidera "tornare indietro", basterà annulare il codice e, magia, il numero sparirà dalla rubrica della persona in questione.

Ovviamente non si tratta di un aggiornamento “importante” per WhatsApp dopo quello, attesissimo, della modalità scura, ma risulta sicuramente utile per risparmiare un po’ di tempo ogni qualvolta si voglia aggiornare il proprio elenco dei contatti.

 

- LEGGI ANCHE - WhatsApp: videochiamate di gruppo “allargate” a otto persone

- E ANCHE - WhatsApp ha più due miliardi di utenti in tutto il mondo

 

Un limite attuale, che potrebbe e dovrebbe sparire con il lancio della versione ufficiale, è relativo al fatto che il numero di telefono e altri recapiti come e-mail e indirizzo devono essere stati aggiunti nella rubrica “generale” dello smartphone prima di passare al codice QR.

Circostanza che determina una serie di “fastidiosi” e inutili passaggi extra quando, in realtà, l’obiettivo della funzionalità dovrebbe solo abilitare l’invio di messaggi e chiamate (o videochiamate) dalla piattaforma di messaggistica più utilizzata al mondo il più semplicemente possibile.

 

E tuttavia, pare evidente come i codici QR rappresentino un sistema rapido per aggiungere un contatto quando lo si fa di persona usando, logicamente, lo smartphone, con tanto di distanziamento sociale assicurato. Mentre usando l’app da PC, chiaramente, la semplificazione non ha un impatto reale, ma è pur vero che nessuno o quasi usa la piattaforma desktop per gestire la propria rubrica.

 

Sui tempi del rilascio per tutti gli utenti, al momento, permane il mistero, ma la certezza è che la versione beta è disponibile per chi si è registrato al programma dedicato di Google per Android, mentre per i possessori di iPhone la “selezione” dei tester è stata già ultimata e non resta che attendere la release ufficiale.

Leggi tutto su News