TimGate
header.weather.state

Oggi 09 agosto 2022 - Aggiornato alle 20:00

 /    /    /  WhatsApp, in arrivo gli stickers personalizzati: ecco come usarli
WhatsApp, in arrivo gli stickers personalizzati: ecco come usarli

- Credit: Pxhere.com

APP24 novembre 2021

WhatsApp, in arrivo gli stickers personalizzati: ecco come usarli

di Simone Colombo

Disponibili limitatamente per la versione Web dell’app, sono un modo per evitare l’utilizzo di soluzioni terze

WhatsApp si prepara ad introdurre un’altra novità, ovvero consentire agli utenti - qualora lo desiderino - di creare sticker personalizzati realizzati autonomamente direttamente dalle chat senza dover quindi utilizzare servizi terzi. L’obiettivo del servizio di messaggistica istantanea di Meta, consiste nell’implementare una funzionalità esclusiva, creando una sorta di rapporto di fedeltà con gli utenti in modo che non virino verso le alternative proposte dai competitor.

 

Per ora, la novità è disponibile limitatamente e solo utilizzando la versione Web di WhatsApp, ovvero quella raggiungibile tramite browser all’indirizzo web.whatsapp.com. Quando verrà lanciata per tutti, attivarla però sarà semplicissimo con una sezione dedicata agli sticker a cui accedere cliccando sull’apposito nuovo pulsante “+ Crea”.

 

Una volta pigiato, l’app chiede di caricare un’immagine presente nella memoria del dispositivo, poi apre un editor dal quale è possibile gestirne le proporzioni, scontornare, inserire eventualmente emoji o addirittura un secondo “adesivo” all’interno di quello primario, nonché un contenuto scritto o un disegno personale.

 

- LEGGI ANCHE - WhatsApp: chat di gruppo "accessibili" da Google

- E ANCHE - Tutte le novità di WhatsApp

 

Come sempre, non ci sono notizie rispetto alla disponibilità globale della funzionalità e nemmeno della data in cui sbarcherà anche nella versione Desktop di WhatsApp. Per ora, sia la sincronizzazione degli sticker creati con quelli accessibili da smartphone che l’opzione per cancellarli dall’archivio, non compaiono nel servizio. Occorre dunque portare pazienza, peraltro virtù e non limite se non “stressata” all’inverosimile...