Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 17:15
Live
  • 16:48 | Che cosa succede se un alunno o un docente ha sintomi Covid
  • 16:43 | Basket, Serie A 2020/2021: il programma della prima giornata
  • 16:19 | MotoGP 2020, Catalogna: prima pole nella classe regina per Morbidelli
  • 16:09 | Genoa attende esito tamponi, gara con il Napoli alle 18
  • 16:01 | Zuppa di cipolle
  • 15:32 | Pioli: 'Colombo maturo, Ibra? Quando tornerà saremo più forti'
  • 15:11 | Gli Smashing Pumpkins sono tornati con nuove canzoni e una serie animata
  • 14:31 | Fonseca: 'Dzeko? Ci ho parlato, è motivato e domani gioca'
  • 14:30 | Selena Gomez mostra la sua cicatrice
  • 14:21 | "Better", il nuovo singolo di Zayn Malik è su TIMMUSIC
  • 14:17 | Pirlo: 'Dzeko è un pericolo, purtroppo sarà un avversario'
  • 14:05 | Ufficiale: Valentino Rossi ha firmato con la Petronas per il 2021
  • 14:01 | La playlist di TIMMUSIC con i brani dance più hot del momento
  • 14:00 | Un dipinto di Bansky all’asta
  • 13:52 | Playoff NBA: Boston stende Miami in Gara 5 e riapre la Finale a Est
  • 13:43 | Perin positivo al Covid, ha anche la febbre
  • 13:30 | Differenza tra House Music e Dance Music
  • 12:30 | Coronavirus: il punto sulla pandemia
  • 12:30 | Eugenie di York aspetta il primogenito
  • 11:47 | Il Milan stregato da Hauge, ala del Bodo Glimt
Whatsapp aiuterà gli utenti a Screenshot della nuova funzionalità - Credit: Blog ufficiale di WhatsApp
APP 5 agosto 2020

Whatsapp aiuterà gli utenti a "smontare" le bufale virali

di Federico Bandirali

Nuova funzione per verificare con una ricerca in Rete la veridicità di messaggi “sospetti”

 

WhatsApp sta lanciando una nuova funzionalità che consente agli utenti (più di due miliardi in tutto il mondo) di cercare rapidamente il contenuto dei messaggi virali per verificare se contengono informazioni false o fuorvianti, stando a quanto annunciato dalla società sul blog ufficiale.  Da martedì 4 agosto, infatti, nell’app di messaggistica comparirà, gradualmente, un’icona simile a una lente d’ingrandimento accanto ai messaggi inviati con una sorta di “catena” a cinque o più persone.

 

Toccandola, sarà possibile effettuare una ricerca sul contenuto del messaggio in questione su Internet, con l’idea che in questo modo qualsiasi teoria complottista e le informazioni manipolate nelle missive virtuali vengano così smascherate e catalogate come false.

 

- LEGGI ANCHE - Whatsapp contro le fake news sul coronavirus: ecco l’Information Hub

- E ANCHE - Gli ultimi aggiornamenti sul coronavirus

 

In uno screenshot della funzione rilasciato da WhatsApp, viene preso come esempio un messaggio virale che sostiene come “bere acqua bollita con aglio è una cura efficace per la Covid-19”.

Cliccando sull’opzione per cercare conferma in Internet, l’app rimanda a tre siti che fanno del fact-checking la loro ragione di esistere, che in questo caso segnalano l’informazione come falsa.

 

I tentativi di Menlo Park di vigilare sulla disinformazione nell’app di messaggistica, evidentemente, sono resi difficili da quello che è uno dei punti di forza del servizio, ovvero la crittografia end-to-end che impedisce a soggetti terzi di visualizzare i contenuti dei messaggi inviati e condivisi su WhatsApp.

 

Con la nuova opzione per le ricerche online, WhatsApp offre agli utenti la possibilità di verificare autonomamente le informazioni. Una soluzione potenzialmente più efficace rispetto alla ricerca da parte dei moderatori di messaggi contenenti teorie complottiste, a prescindere dall’argomento.

 

Menlo Park ritiene che ogni messaggio che gli utenti decidono di verificare attraverso le ricerche, verrà inoltrato direttamente al browser preimpostato “senza che WhatsApp lo abbia mai visto”.

 

A conti fatti si tratta solo e soltanto dell’ultima di una lunga serie di misure introdotte recentemente nell’app di messaggistica per antonomasia utile a frenare la diffusione di fake news e contenuti disinformativi sulla piattaforma, con la “spinta” della pandemia ad imporre la ricerca di soluzioni rapidamente anche ad altre piattaforme, sia social che di messaggistica.

 

Lo scorso aprile, ad esempio, WhatsApp ha introdotto nuovi limiti per l’inoltro di messaggi virali e fuorvianti, permettendo di “girarli” solo a una persona e non a cinque come deciso precedentemente. E, stando a quanto affermato da Menlo Park, la limitazione aveva ridotto del 70% la diffusione dei messaggi virali, senza però poter sapere se contenessero contenuti fuorvianti e falsi o altro.

 

Detto ciò, al momento la nuova funzionalità di ricerca è già disponibile - sia per iPhone che per Android (e per la versione desktop) - in Italia, Brasile, Irlanda, Messico, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti.

Leggi tutto su News