TimGate
header.weather.state

Oggi 20 maggio 2022 - Aggiornato alle 22:00

 /    /    /  WhatsApp sta sviluppando un’app nativa per Mac
WhatsApp sta sviluppando un’app nativa per Mac

- Credit: Marek Levák / Unsplash

APP13 maggio 2022

WhatsApp sta sviluppando un’app nativa per Mac

di Samuele Ghidini

Confermando indiscrezioni emerse sul finire del 2021, ma con tempistiche ignote

Quando Microsoft ha rilasciato in versione beta l’app “Universal Windows Platform” (UWP) per i propri sistemi operativi, il sito Usa WaBetaInfo diede notizia di come gli sviluppatori di WhatsApp stessero lavorando per realizzare un’applicazione sostanzialmente identica ma per sistemi operativi Apple (MacOS).

 

Lo stesso sito, recentemente, ha confermato l’indiscrezione emersa a novembre del 2021, mostrando uno screenshot che chiarisce come il progetto sia progredito. Come spiegato da WaBetaInfo, per la realizzazione dell’app in versione Mac è stato usato il medesimo approccio. Ovvero, codice “scritto” partendo da zero, come – con l’ausilio di Catalyst – pare stia accadendo per i sistemi operativi di Cupertino.

 

La conferma, tuttavia, presenta un lato negativo rispetto alle tempistiche per il lancio. Infatti, il continuare a lavorare sul progetto da parte di WhatsApp dallo scorso novembre (almeno), implica come deduzione logica tempi ancora dilatati prima della realizzazione di una versione Mac completa dell’app UWP.

 

Anche perché la novità rappresenta una sorta di svolta, che gli utenti dovranno “digerire” gradualmente dopo accurata presentazione. Ad ogni modo, dallo screenshot il percorso sembra essere a buon punto, quindi non è escluso che la versione nativa per macOs dell’app possa arrivare prima del previsto.

 

- LEGGI ANCHE - WhatsApp lancerà una versione dell’app per iPad

- E ANCHE - In arrivo una versione nativa di WhatsApp per iPad

 

Se le molteplici indiscrezioni vanno in questa direzione, giova tuttavia ricordare come le versioni native di WhatsApp per iPad e Mac, nonostante una lunga attesa, non sono ancora disponibili. Meta, pertanto, potrebbe decidere di lanciarle contemporaneamente, andando così incontro alle richieste degli utenti del servizio di messaggistica istantanea più popolare al mondo.