Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 18 aprile 2021 - Aggiornato alle 13:00
Live
  • 13:18 | Riaperture: che cosa succede in Italia dal 26 aprile
  • 11:15 | Bob Dylan compirà 80 anni, bio e canzoni del cantautore
  • 11:05 | Il pazzo 4-3 tra Cagliari e Parma
  • 11:00 | Ricette regionali: la Toscana e gli gnudi di ricotta e spinaci
  • 10:15 | Bruno Mars età, vita privata e curiosità
  • 10:00 | Maiale alle nespole, vi assicuriamo che è buonissimo!
  • 10:00 | Se volete darvi al giardinaggio ecco cosa dovete avere
  • 09:45 | Gli esami più difficili di Filosofia
  • 09:00 | Che fine ha fatto Valentina Vernia, la ballerina hip hop di Amici
  • 09:00 | Come risparmiare acqua in estate
  • 08:50 | Come vincere bici, monopattini e giardini idroponici con TIM Party
  • 07:35 | Economia italiana, la scommessa di Draghi sulla crescita
  • 06:46 | Alexei Navalny sta morendo?
  • 06:45 | Come sarà la riapertura di cinema, teatri e musei
  • 06:00 | Il record di vaccini di ieri e le altre notizie sulle prime pagine
  • 01:43 | Martina è l'eliminata della quinta puntata del Serale
  • 00:40 | Di cosa parla la nuova serie di Courteney Cox
  • 00:07 | Un live action dedicato alle sorellastre cattive di Cenerentola
  • 23:35 | Hugh Jackman e Laura Dern protagonisti di “The Son”
  • 23:17 | “A very english scandal”, una miniserie con Hugh Grant su TIMVISION
YouTube, multa fino a 200 milioni per aver violato la privacy dei minori
PRIVACY 31 agosto 2019

YouTube, multa fino a 200 milioni per aver violato la privacy dei minori

di Federico Bandirali

Patteggiamento tra Google e FCT statunitense. La privacy non è più un optional

La Federal Trade Commission (FTC) statunitense prosegue nella sua lotta a tutela della privacy, e dopo aver patteggiato con Facebook una sanzione da 5 miliardi di dollari in relazione allo scandalo “Cambridge Analytica”, questa volta a pagare sarà Google.

Motivo? Le presunte (e accertate) violazioni della legge sulla privacy online per i minori (Children’s Online Privacy Protection Act) da parte di YouTube, con Big-G (propietaria della piattaforma) finita nell’occhio del ciclone e prossima, secondo quanto riportano i media statunitensi, a patteggiare una “multa” che oscillerà tra i 150 e i 200 milioni di dollari.

Per Google è la seconda sanzione della FCT in breve tempo relativa alla privacy, dopo quella per aver raccolto dati sensibili via wi-fi con Street View costata 13 milioni.

Multa record rispetto alla privacy dei minori

Il patteggiamento, nelle linee generali, era già stato concordato a luglio, ma la conferma della FCT è arrivata negli ultimi giorni, con l’autority statunitense che ha votato a maggioranza (3 favorevoli, 2 contrari) l’approvazione dell’accordo.

 

Spetta ora, come da prassi, al Dipartimento di Giustizia convalidare o meno la sanzione, ma non ci sono grossi dubbi nel merito. Per quanto riguarda i minori e la loro privacy online, questa è di gran lunga la multa più salata, ben lontana dai 5,7 di sanzione inflitti al portale Musical.ly che aveva eluso la richiesta dell’età degli utenti per ben 3 anni.

Le sanzioni collegate

L’accordo, esattamente come avvenuto per Facebook, oltra alla sanzione economica prevede drastici cambiamenti della piattaforma dei video per eccellenza, che dovrà dare un giro di vite rispetto ai contenuti indirizzati ai bambini.

Le colpe di YouTube

Il patteggiamento pone quindi fine ad un caso aperto nel 2017, quando diversi attivisti per la difesa dei minori e della loro privacy aveva presentato una sorta di denuncia alla FTC, chiarendo come YouTube avesse deliberatamente raccolto i dati sensibili di bambini e ragazzi di età inferiore ai 13 anni. Scopo? Nulla di nuovo, ossia migliorare la profilazione per fini pubblicitari, ovviamente senza il consenso dei genitori.

 

Un caso che nel 2018 aveva assunto proporzioni enormi, al punto che 23 tra associazioni di difesa dei consumatori e studi legali Usa avevano sollecitato ulteriormente la FTC affinché prendesse i debiti provvedimenti.

La stretta sulla privacy

Un altro capitolo legale con annessa sanzione rispetto alla tutela della privacy si chiude, ma ormai la stretta è tale che, tra migliaia di procedimenti avviati non è difficile desumere che i colossi del web vengano di nuovo sanzionati dalle autorità. Troppi gli anni in cui la privacy era uno scomodo “optional” da violare deliberatamente, senza una regolamentazione precisa nel merito.

 

Foto: iStock

I più visti

Leggi tutto su News