TimGate
header.weather.state

Oggi 25 maggio 2022 - Aggiornato alle 08:00

 /    /    /  YouTube Shorts permetterà di inserire una voce fuoricampo
YouTube Shorts permetterà di inserire una voce fuoricampo

- Credit: @cardmapr / Unsplash

SOCIAL NEWORK28 gennaio 2022

YouTube Shorts permetterà di inserire una voce fuoricampo

di Samuele Ghidini

La soluzione, già presente su TikTok, è stata recentemente scoperta da diversi siti Usa. Ecco come funzionerà

Poco dopo la presentazione dei dati da parte del CEO Susan Wojcicki a testimoniare il successo di YouTube Shorts, il format lanciato dalla piattaforma per fare concorrenza a TikTok e ai Reels di Instagram che consente di creare video della durata massima di 60 secondi, arrivano altre novità per la soluzione messa in campo da Google. Che, come raccontato, in meno di due anni ha raggiunto e superato i 5.000 miliardi di visualizzazioni, ragionando in termini di ore. Il sito Usa Xda-developers, infatti, riferisce come a breve Shorts potrebbe accogliere a breve una funzionalità già presente sull’app cinese: la possibilità di inserire nelle clip una voce fuori campo (voice over), dopo aver analizzato l’ultima versione beta dell’app di YouTube per dispositivi Android.

 

- LEGGI ANCHE - YouTube Shorts, superati i 5.000 miliardi di visualizzazioni

- E ANCHE - YouTube ha lanciato Shorts in India, inizia la sfida a TikTok

 

Il codice di programmazione permette di desumere come YouTube abbia intenzione di copiare sostanzialmente l’interfaccia grafica di TikTok, introducendo un pulsante apposito da utilizzare dopo aver girato i video e, quindi, nel montaggio degli stessi.

 

Al momento, gli utenti hanno facoltà di inserire altri suoni negli Shorts, a patto che siano contenuti nella libreria audio di Youtube. Di fatto, pertanto, risulta possibile aggiungere una voce fuoricampo in uno “Short”, ma solo con app terze dedicate che rendono il tutto complicato.

 

Attualmente, il pulsante per aggiungere voiceovers non è attivo nella Beta, e la fonte citata dal sito statunitense non ha avuto modo di attivarlo nemmeno agendo sul codice di programmazione.

 

Di conseguenza, in attesa di annunci ufficiali, la data di rilascio della nuova funzionalità resta avvolta nel mistero, considerando anche come le indiscrezioni spesso indicano solo che la società – in questo caso Google – è al lavoro per testare la soluzione, con la possibilità che non veda mai la luce del sole.

 

Anche se, visto che l’intenzione è far concorrenza a TikTok e Instagram, non rispondere alle richieste degli utenti potrebbe determinare uno svantaggio per YouTube, lasciando dedurre che presto o tardi la novità arriverà davvero, sia per dispositivi Android che per iPhone. Quando, però, non è dato sapere.