TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 00:00

 /    /    /  YouTube, vietata la disinformazione sui vaccini
YouTube, vietata la disinformazione sui vaccini

- Credit: CardMapr / Unsplash

SOCIAL NETWORK29 settembre 2021

YouTube, vietata la disinformazione sui vaccini

di Federico Bandirali

Per tutti i vaccini già usati da decenni, come parte di uno sforzo iniziato nel 2019

In un nuovo tentativo di arginare il flusso di disinformazione anti-vaccinazioni, YouTube ha annunciato che non consentirà di pubblicare video nei quali si afferma che i vaccini approvati dalle autorità sanitarie sono pericolosi o non funzionano. La piattaforma sta anche vietando importanti account di personalità, anche rilevanti e in tutto il globo, contrarie alla vaccinazione. YouTube ha ritirato gli annunci dai contenuti anti-vaccinazione nel 2019 e ha affermato nell'ottobre 2020 che avrebbe rimosso i video che diffondevano disinformazione sui vaccini contro la COVID-19.

 

- LEGGI ANCHE - YouTube, stretta contro le fake news su Covid e vaccini

- E ANCHE - Covid, YouTube ha lanciato diversi spot per promuovere le vaccinazioni

 

La nuova politica si espande per bloccare la disinformazione su altri vaccini, tra cui il vaccino antinfluenzale, il vaccino HPV e il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia. I video che affermano in modo impreciso che il vaccino per la rosolia causa autismo o che il vaccino antinfluenzale provoca infertilità, ad esempio, non saranno consentiti secondo le nuove regole.

 

Tuttavia, vi sono alcune eccezioni: YouTube accetterà i video che includono persone che condividono le loro esperienze personali con la vaccinazione e rimuoverà questi contenuti solo se i canali su cui si trovano “palesano un modello di promozione della disinformazione sui vaccini”.

 

Secondo le nuove linee guida la piattaforma consentirà anche video con informazioni che violano la politica se la clip è inserita in un altro contesto, come ad esempio dichiarazioni di esperti medici.

 

YouTube ha aggiornato le regole sui vaccini dopo aver rilevato che la disinformazione sugli stessi – di tutti i tipi – potrebbe contribuire a generare sfiducia verso quello per la Covid-19, come dichiarato al Washington Post da Matt Halprin, vicepresidente per la fiducia e la sicurezza globali della piattaforma.