TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 18:15

 /    /    /  Su Zoom disponibili nuovi filtri per modificare il proprio volto
Su Zoom disponibili nuovi filtri per modificare il proprio volto

- Credit: Sven Kanz/Geisler-Fotopress / IPA / Fotogramma

APP10 febbraio 2021

Su Zoom disponibili nuovi filtri per modificare il proprio volto

di Redazione

Soluzioni “divertenti” grazie alla funzione “Studio Effects”. Cos'è e come funziona

Sebbene Zoom sia stato originariamente creato come una seria applicazione per riunioni per le aziende, con la pandemia è diventato uno dei servizi più utilizzati al mondo da tutti coloro che desiderano conversare virtualmente “faccia a faccia”. Di conseguenza, la società ha iniziato ad aggiungere al servizio elementi divertenti, come sfondi a dir poco strani, da usare per riunioni di tutti i tipi, incluse quelle lavorative.

 

- LEGGI ANCHE: Zoom, in arrivo un servizio email e un'app ‘calendario’?

- E ANCHE: Zoom: entrate quadruplicate nel terzo trimestre del 2020

 

In quest'ottica su Zoom ora è disponibile una nuova funzionalità, ribattezzata “Studio Effects”, che permette all’utente di scegliere sopracciglia, barba e colore delle labbra in modo da modificare l’immagine video durante le riunioni.

 

Ancora in versione beta, la funzione non è esattamente nuova visto che la società l’aveva annunciata nel settembre 2020, ma per molti utenti di Zoom si tratterà di una nuova scoperta. Che, peraltro, è abbastanza facile da trovare. Infatti, è sufficiente avviare una sessione di Zoom, andare su “impostazioni video” (premendo la freccia accanto a “interrompi video” nella parte bassa del display), per poi selezionare “Sfondo e filtri” e cercare “Studio Effects (Beta)” nell’angolo in basso a destra.

 

Seguita la procedura, diventa "improvvisamente" possibile modificare l’aspetto secondo i propri desideri, dal pizzetto alle sopracciglia fino a un colore di rossetto stravagante. L’utente, poi, può scegliere se utilizzare gli effetti in questione solo per una riunione o per tutte quelle a cui partecipa.

 

Al momento non è chiaro quanti utenti possono già beneficiare della novità visto l’ermetismo di Zoom, ma è facile credere che – ulteriormente implementati – i filtri in questione saranno utilizzabili da tutti in tempi abbastanza ristretti.