TimGate
header.weather.state

Oggi 16 agosto 2022 - Aggiornato alle 02:00

 /    /    /  Come si usa Pinterest errori

SOCIAL E INFLUENCER12 agosto 2021

Come si usa Pinterest: gli errori da evitare

di Francesca Ceriani

Meglio non usarlo, che usarlo male: vediamo insieme gli errori da evitare su Pinterest

Come si usa Pinterest

Pinterest è un social network dedicato ai contenuti visual. Molti, soprattutto in Italia, continuano a usarlo come se fosse Facebook o Instagram, ma così non è. Ci sono delle regole semplici da seguire per avere successo su Pinterest: seguendole, riuscirete a creare un traffico costante e di qualità di persone interessate ai vostri contenuti. Come per tutti gli strumenti lavorativi, e per i social network in particolare, è importante avere in mente una chiara strategia per ottenere i massimi risultati. Gli errori, quando si lavora con il profilo Pinterest della propria attività, possono essere tanti e possono avere conseguenzepericolose’, come la perdita di traffico e, quindi, di potenziali clienti. Ecco quindi gli errori da evitare per garantire successo alla vostra pagina Pinterest.

Come si usa Pinterest: gli errori da evitare

Innanzitutto, se dovete usare Pinterest per la vostra azienda, dovete aprire un profilo business e non uno privato: i profili business hanno a disposizione alcune caratteristiche, come i dati statistici, che i privati non hanno. Completate il profilo in tutte le sue parti e riempite la bacheca di contenuti: lasciare la bacheca vuota è un pessimo segnale. Ogni pin, però, deve essere corredato da descrizioni e keyword, altrimenti i vostri post non serviranno a nulla. Ma attenzione: evitare le descrizioni troppo tecniche. I contenuti devono essere di qualità e curati: per questo esistono parecchi siti online, gratuiti, che vi aiuteranno a creare le immagini perfette per il vostro brand. Non usate, poi, una sola immagine per tutti i social: ogni piattaforma è pensata per trasmettere un’idea, quindi differenziate. Rispondete sempre ai followers e studiate attentamente i dati statistici, in modo da capire se e cosa state sbagliando. Infine, Pinterest supporta anche i video: usateli!