TimGate
header.weather.state

Oggi 14 agosto 2022 - Aggiornato alle 07:45

 /    /    /  I social del passato che hanno avuto successo
I social del passato che hanno avuto successo

Uno smartphone con le icone delle app più famose- Credit: Pexels

SOCIAL E INFLUENCER19 maggio 2022

I social del passato che hanno avuto successo

di Francesca Ceriani

Alcuni social del passato che, pur avendo avuto successo, oggi non esistono più

I social del passato

Il mondo dei social network è in continua evoluzione e, rispetto al passato, oggi esistono molte più piattaforme. Al di là di alcune molto note, che hanno conquistato miliardi di persone, come Facebook, Twitter e Pinterest, ce ne sono altre che, pur avendo avuto successo in passato, oggi non esistono più. Questo perché le nuove piattaforme, più moderne e al passo con i tempi, le hanno ‘cannibalizzate’.

 

Fin dai primi anni Duemila ci sono stati diversi tentativi di creare piattaforme social: alcuni hanno avuto successo e hanno resistito per qualche anno, prima di scomparire del tutto o di perdere popolarità. Scopriamo quali sono. 

I social del passato che hanno avuto successo

Nato nel 2007, Tumblr è un social network del passato che continua a restare in piedi. Questo storico social di Yahoo, piattaforma di microblogging che punta tutto sui contenuti visuali, ha saputo adattarsi alle nuove tendenze e non è ancora passato di moda.

 

Al contrario, altri social sono finiti nel dimenticatoio. Friendster, nato nel 2002, all’apice del successo contava oltre 90 milioni di utenti: è stato chiuso nel 2015. C’è stato poi Friendfeed, che consentiva di pubblicare post: lanciato nel 2007, nel 2009 fu acquistato da Facebook e nel 2015 ha chiuso i battenti.

 

MySpace ebbe un successo incredibile non appena lanciato (nel 2003). Gli utenti potevano utilizzarlo per creare blog, profili personali, pubblicare foto e musica. Ha tentato di sopravvivere trasformandosi in un social musicale, ma senza successo.