TimGate
header.weather.state

Oggi 13 agosto 2022 - Aggiornato alle 13:09

 /    /    /  Quali sono i social network che danno maggiore dipendenza?
Quali sono i social network che danno maggiore dipendenza?

Gruppo di ragazzi che guardano video sul cellulare- Credit: iStock

SOCIAL E INFLUENCER08 dicembre 2021

Quali sono i social network che danno maggiore dipendenza?

di Francesca Ceriani

In cima alla classifica dei social network che creano maggiore dipendenza c’è Instagram

La dipendenza da social network

Ormai è appurato, anche da studi scientifici, che i social network possono creare una vera e propria forma di dipendenza, legata a un uso smodato delle piattaforme. Si tratta di uno stato di dipendenza psicologica in cui gli utenti sono eccessivamente preoccupati per le attività svolte online e usano in modo incontrollato le piattaforme.

 

A soffrire di dipendenza dai social sono soprattutto gli adolescenti: l’uso delle piattaforme online sempre più spesso interferisce con le azioni della loro vita quotidiana. Non si tratta più solo di semplici passatempi, dunque: guardare i social è diventata ormai un’azione che scandisce le nostre giornate, che riempie i momenti liberi.

I social network che danno maggiore dipendenza

Ci sono social network che danno maggiore dipendenza di altri. In cima alla classifica delle piattaforme che tengono gli utenti incollati allo schermo c’è, manco a dirlo, Instagram. La ‘dipendenza’ per questo social riguarda soprattutto la fascia tra i 14 e i 24 anni.

 

TikTok potrebbe però scalzare Instagram: il colosso cinese, che ha fatto la sua fortuna grazie alla pubblicazione di brevi video, è ormai il più usato tra gli adolescenti, ma stenta ancora a decollare tra i giovani adulti e questo lo fa restare, almeno per ora, ancorato al suo secondo posto. A seguire ci sono Snapchat, Facebook, Twitter e YouTube.

 

Tra i social presi in considerazione manca What’sapp, la più utilizzata piattaforma di messaggistica istantanea: la forma di dipendenza è diversa dagli altri social, perché nell’utente non c’è l’ansia di ricevere like, ma molti, quando inviano i messaggi, non fanno altro che controllare di aver ricevuto o meno una risposta.