TimGate
header.weather.state

Oggi 03 agosto 2022 - Aggiornato alle 21:00

 /    /    /  Vamping: che cos'è e quanto è rischioso per gli adolescenti
Vamping: che cos'è e quanto è rischioso per gli adolescenti

Ragazzo che usa cellulare di notte- Credit: iStock

SOCIAL E INFLUENCER17 dicembre 2021

Vamping: che cos'è e quanto è rischioso per gli adolescenti

di Angela Pirri

Che cos’è il vamping? È una pratica che nasce negli Stati Uniti e che si sta diffondendo anche in Italia

Vamping: che cos’è

Il termine “vamping” si riferisce alla pratica sempre più diffusa da parte di ragazzi e adolescenti di restare connessi online fino all’alba, giocando e chattando sui social. Questo termine è stato utilizzato per indicare il fatto che i vampiri escono solo di notte: in questo caso i ragazzi, invece di andare a letto, restano svegli collegati a internet con conseguenze molto pericolose. Ecco perché bisogna stare attenti e cercare di dare delle regole ai ragazzi che si connettono online: è bene controllarli e cercare di regolare il tempo e i momenti in cui vogliono navigare in rete.

Quali rischi si corrono

Rimanendo svegli di notte, si scombussolano tutti i ritmi e questo comporta, oltre alla perdita di sonno, una maggiore irascibilità ma anche stanchezza, ansia, e nei casi più gravi, depressione. Questo bisogno di isolarsi e, allo stesso tempo, intrattenere relazioni online, si è aggravato con il lockdown del 2020 dove milioni di ragazzi sono stati costretti a stare in casa senza intrattenere alcuna relazione.

 

Ecco perché il rifugio online li ha portati a non essere completamente soli ma si tratta ovviamente di una soluzione temporanea. È bene quindi lasciare liberi i ragazzi di connettersi in rete ma con delle regole e soprattutto evitare che lo facciano in piena notte quando bisogna riposare.