Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 27 luglio 2021 - Aggiornato alle 15:00
Live
  • 14:35 | Camila Giorgi non si ferma più: è ai quarti di finale!
  • 14:14 | Covid, così aumenta il rischio per i non vaccinati
  • 13:55 | In che senso le due Coree hanno ripreso a parlarsi
  • 13:41 | Scuola, l'obbligo vaccinale è sempre più verosimile
  • 13:04 | Ancora un successo per le azzurre del volley
  • 11:49 | Lazio, c’è l’autocandidatura di Shaqiri
  • 11:30 | La concorrenza nei servizi pubblici: ancora una riforma del governo Draghi
  • 11:13 | Caos Tunisia, il presidente Saied: 'Questo non è colpo di Stato'
  • 10:15 | Pallanuoto, grande rimonta del Settebello con la Grecia
  • 10:09 | Pellegrini nella storia: quinta finale olimpica come Phelps
  • 10:03 | Naomi Osaka perde a sorpresa, eliminata dalle Olimpiadi
  • 01:00 | I vaccini obbligatori per i docenti e le altre notizie sulle prime pagine
  • 22:10 | Aperta la Bourse de Commerce - Collection François Pinault a Parigi
  • 20:30 | Covid, i dati del 26 luglio: il tasso di positività è al 3,5%
  • 20:02 | Tunisia, il Parlamento: le decisioni del presidente sono 'nulle'
  • 18:43 | Scherma: chi è Daniele Garozzo, medaglia d’argento nel fioretto
  • 17:20 | Francia, i vaccini obbligatori per il personale sanitario
  • 16:20 | Perché in Tunisia è stato sospeso il Parlamento
  • 15:37 | Basket, Doncic incanta subito, 48 punti e Argentina stesa 118-100
  • 15:11 | L'obiettivo del 60% di vaccinati entro fine luglio
L’Efes Istanbul ha vinto l’Eurolega 2021, Barcellona ko 81-86 in finale Vasilije Micic - Credit: Anatoliy Medved/SIPA / IPA / Fotogramma
BASKET FINAL FOUR EUROLEGA 2021 31 maggio 2021

L’Efes Istanbul ha vinto l’Eurolega 2021, Barcellona ko 81-86 in finale

di Federico Bandirali

Micic e Larkin regalano ai turchi la prima vittoria nella competizione. Al Barça non basta il trio Higgins-Kuric-Davies

L’Efes Istanbul ha vinto l’Eurolega 2021 battendo in finale il Barcellona 81-86 al termine di un match emozionante, con Micic (25 e MVP delle Final Four di Colonia) e Larkin assoluti dominatori offensivi ben supportati da Sanli e dal trio Moerman-Dunston-Pleiss, reattivo quando chiamato in causa dalle due “bocche da fuoco”.

Primo successo nella massima competizione europea per la squadra guidata dall’ex coach di Siena Ergin Ataman e seconda nella storia per una squadra turca dopo quella vinta dai rivali del Fenerbahçe, con il Barcellona avanti solo nelle fasi inziali e poi sempre costretto ad inseguire nonostante le prove offensive di Higgins (23), Kuric (18) e Davies (17).

 

Alla truppa di coach Jasikevicius è però mancato l’apporto delle “second unit” e di Abrines, con Mirotic autore di una prestazione altalenante e Gasol lontano parente del fenomeno ammirato per 10’ buoni nella semifinale vinta contro Milano. Presente ma assente Calathes, nei 12 e in campo ma evidentemente limitato dopo l’infortunio patito nella sfida con l’Olimpia.

 

Barcellona – Efes Istanbul 81-86

Claver dopo la virgola in semifinale mette i primi due delle sue Final Four, Davies inchioda in contropiede ma Sanli su assist di Micic chiude il mini-parziale Barça con 4 punti consecutivi ristabilendo la parità. Le due difese sono a dir poco intense, Higgins non trema dalla linea della carità ma Sanli è inarrestabile e firma da solo il 6-8 turco a 4’ dalla prima sirena. Davies trova e converte un gioco da tre punti per il controsorpasso blaugrana, il lungo statunitense spadroneggia nel verniciato (7 e 3 rimbalzi) ma perde banalmente palla con Simon a realizzare comodamente in contropiede per il -1 Efes: timeout Jasikevicius.

 

Davies manda a bersaglio solo un libero, tecnico per il coach lituano e con tre gite in lunetta la truppa di Ataman mette la freccia e sorpassa ancora, l’ex Varese è incontenibile e sale in doppia cifra poi Higgins dall’arco spara la tripla del 17-13 Barcellona con 2’ sul cronometro del quarto. La difesa catalana morde, Ataman protesta a sua volta e si becca un tecnico e Kuric ne approfitta attaccando il ferro per il +7 Barça: il primo quarto va in archivio con i catalani avanti 22-15.

 

Bolmaro apre il secondo quarto con un gioco da tre punti per il primo tentativo di fuga blaugrana, Larkin prova a sbloccarsi ed “entrare” nelle Final Four con rubata e conseguente antisportivo subito che frutta cinque punti ai turchi grazie a una tripla di Pleiss per il 25-22 catalano a 7’30” dalla pausa lunga. Simon alimenta il parziale di 0-9 Efes, Abrines lo chiude con due liberi a bersaglio imitato poco dopo da Higgins per il 29-24 Barça a 5”45 dalla pausa lunga.

 

Pleiss è una sentenza dall’angolo, Larkin non trema a cronometro fermo e ne piazza altri 4 per il controsorpasso turco, la tempesta non si ferma e vede aggiungersi anche Micic e Sanli ma Kuric dalla lunga realizza e poi aggiunge due liberi con Beaubois che chiude la prima metà di gara realizzando il libero del 36-39 Efes all’intervallo.

 

Dunston si iscrive a referto al ritorno sul parquet della Lanxess Arena di Colonia, Higgins non sbaglia dai 6,75 ma Micic replica con 5 punti in un amen per il +7 turco, che resta tale (41-48) dopo il primo canestro dal campo di Larkin: timeout Jasikevicius. Micic estrae dal cilindro un gioco da 4 punti, Kuric si inventa letteralmente una tripla ma Larkin lo imita autografando il 44-55 Efes.

 

Il Barça ci prova, l’esterno serbo imperversa ma Higgins prova a tenere in scia i suoi caricandosi l’attacco sulle spalle e con due triple riporta in scia i catalani (54-61) a 1’40” dalla penultima sirena. La formazione di coach Ataman, pur controllando, non riesce a dare un altro strappo ma entra comunque nei 10’ decisivi conservando sette lunghezze di vantaggio (58-65).

 

Mirotic attacca Sanli che commette il quarto fallo, poi sbaglia dalla lunetta ma ne cava comunque due punti per un’interferenza sul secondo libero, Bolmaro completa l’opera e i blaugrana tornano a un possesso pieno di distanza (62-65). Gasol “cancella” Sanli che si rifà con gli interessi su alzata di Larkin, l’ex Bulls lavora bene a rimbalzo offensivo e Davies ne aggiunge cinque filati per il 69 pari a 5’ dalla fine.

 

Micic è implacabile dai 6,75, Higgins anche e converte un gioco da tre punti ma Larkin replica allo stesso modo nell'altra metà campo, poi il serbo attacca con profitto il ferro per il 74-79 turco con 2’30” da giocare: timeout Jasikevicius. Higgins lucra due liberi che tengono a contatto il Barça, Micic è semplicemente fenomenale e Larkin glaciale dalla lunetta per il +7 turco a 33” dalla fine.

 

L’Efes trema, incassa un 4-0 ma batte in finale il Barcellona 81-86 con due liberi di Micic (MVP delle Final Four) a suggellare la vittoria e conquista l’Eurolega 2021, la prima della sua storia dopo averla solo accarezzata nel 2019 perdendo in finale contro il CSKA e la seconda per una squadra turca dopo quella vinta dal Fenerbahçe di Obradovic e Datome.

 

FC Barcellona – Anadolu Efes Istanbul 81-86 il tabellino

(22-15, 14-24, 22-26, 23-21)

 

Barcellona: Davies 17, Hanga, Bolmaro 7, Smits, Gasol 1, Oriola ne, Abrines, Higgins 23, Kuric 18, Claver 2, Mirotic 11, Calathes. All.: Jasikevicius.

 

Efes Istanbul: Larkin 21, Beaubois 3, Singleton 4, Balbay, Sanli 12, Moerman 6, Tuncer ne, Pleiss 5, Micic 25, Anderson, Dunston 6, Simon 4. All.: Ataman.

I più visti

Leggi tutto su Sport