Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
    • Ricette
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 17 giugno 2021 - Aggiornato alle 17:42
Live
  • 14:06 | Defibrillatore cardiaco per Eriksen: ritorno in campo lontano
  • 21:35 | È partita la sperimentazione del nuovo servizio satellitare di TIM
  • 18:09 | Frasi stato Whatsapp: idee per frasi belle da mettere
  • 16:41 | Cosa prevede il Decreto Legge Riaperture
  • 15:28 | Hamilton analizza i problemi della Mercedes
  • 15:16 | La politica internazionale dopo l'incontro tra Biden e Putin
  • 15:10 | Francia, mascherine non più obbligatorie quando si sta all’aperto
  • 14:47 | Rafa Nadal non giocherà né Wimbledon né le Olimpiadi
  • 14:47 | Lisa Kudrow oggi, che fine ha fatto la protagonista di Friends
  • 14:42 | Chi è Ryan Prevedel, una delle star di Tik Tok
  • 14:34 | Podcast e green: 5 podcast italiani che parlano di sostenibilità
  • 14:31 | Russia, Navalny è tornato alla colonia penale di Pokrov
  • 14:23 | Quali sono le città italiane in cui si respira meglio?
  • 14:17 | Il principe Harry è un padre perfetto
  • 14:15 | Età gatti: come calcolarla e come calcolarla in anni umani
  • 14:10 | Musica matrimonio: i generi più amati
  • 14:04 | Registe donne più famose al mondo
  • 13:03 | “Dune” in anteprima mondiale alla Mostra di Venezia
  • 13:00 | La storia di Zaky, studente a Bologna, incarcerato in Egitto
  • 12:40 | Orlando Bloom e Katy Perry in vacanza a Venezia
Basket, Serie A: Shields guida l’Olimpia Milano, Virtus ko 94-84 Shavon Shields - Credit: LM / DPPI / Javier Borrego / IPA / Fotogramma
BASKET LBA SERIE A 2020-2021 17 aprile 2021

Basket, Serie A: Shields guida l’Olimpia Milano, Virtus ko 94-84

di Federico Bandirali

L'ex Trento (35) lancia la fuga dei lombardi. Bologna prova a rimontare ma lascia il 2° posto all'Armani

Nell’anticipo del sabato della 28esima e terzultima giornata di regular season del campionato di basket Serie A 2020/2021 l’Olimpia Milano fa suo il derby d'Italia contro la Virtus Bologna imponendosi non senza penare 94-84 per il terzo successo stagionale con i felsinei, che vale anche la certezza del secondo posto in regular season (oltre al ritorno in vetta in attesa del posticipo che vedrà impegnata la capolista Brindisi contro Cremona), prima di iniziare la serie al meglio delle 5 in Eurolega con il Bayern Monaco puntando alle Final Four della massima competizione club continentale dopo 29 anni.

 

Decisivo Shavon Shields, al career high con 35 punti a referto (6/7 da due e 7/9 da tre, percentuale irreale che come "reale"  vale il 103%) , supportato dal solito LeDay (21+8) e dalle prove di sostanza del duo Delaney-Hines.

Per Bologna, ancora stordita in avvio di match dalla sconfitta in semifinale di EuroCup, non è bastata la reazione Alibegovic e Belinelli, con le Vu Nere tornate sul -2 a 3’ dal termine salvo soccombere nel finale pagando i problemi di falli di Pajola e diverse prestazioni sottotono degli uomini a roster in contumacia Markovic.

Olimpia Milano – Virtus Bologna 94-84

Al Forum di Assago le due squadre, nonostante momenti della stagione diametralmente opposti (Virtus eliminata in semifinale EuroCup dall’Unics Kazan e giù di morale, Milano attesa martedì 20 aprile dal primo atto dei quarti di finale di Eurolega contro il Bayern Monaco), approcciano il match con una persa per parte.

 

Belinelli sblocca gli ospiti dalla lunetta, Delaney e Shields replicano costruendo break per l’11-2 Armani dopo 5’ di gioco. Bologna fatica ma il “Beli” con un gioco da 3 punti tampona l’emorragia ritovando la via del canestro, Shields è in serata di grazia e replica allo stesso modo prima che un contropiede chiuso da LeDay condito da libero aggiuntivo regali il +12 ai lombardi (17-5).

La Segafredo prova a scuotersi, Teodosic e Hunter danno ossigeno ai felsinei con Abass e Alibegovic a imitarli per il -6 esterno, poi LeDay fissa il punteggio alla prima sirena sul 27-18 Olimpia.

 

Alibegovic prova a prendere possesso del verniciato, Bologna entra definitivamente in partita e torna a -6 (29-23) ma Shields è rovente e con altri due centri dalla lunga riporta l’Armani sul +11. Hunter spezza il break, il danese non si ferma e sale a quota 22 con Adams e Alibegovic a ricucire riportando le Vu Nere sul -11, prima di un altro 7-0 interno chiuso da una tripla dell’ex Roma per 53-39 Olimpia alla pausa lunga.

 

Al ritorno sul parquet del Forum di Assago la Virtus piazza uno 0-5 firmato da Gamble e Ricci, poi un antisportivo di Hines ai danni di Gamble frutta 5 punti ospiti per un parziale di 2-11 che riapre il match.

Lo stesso Hines non capitalizza un antisportivo di Belinelli con un 1/2 ai liberi, ma dopo aver lavorato bene a rimbalzo offensivo l’ex CSKA firma il nuovo +8 milanese. Djordjevic allunga la difesa, Weems accorcia, ma Shields riprende il filo del discorso con la tripla del 61-51 prima di un altro gioco da tre punti del “Beli” per il -7 bolognese.

 

Biligha sale in cattedra e dopo due gite in lunetta proficue apre un contropiede con Rodriguez a servire LeDay per l’appoggio condito da un libero supplementare che vale il +12 Olimpia. Bologna non si scompone e, guidata dal solito Teodosic e da Hunter, riapre il discorso alla penultima sirena tornando sul -5 (70-65) grazie a un parziale nel quarto di 17-26.

 

LeDay dall’angolo apre i 10’ finali con una tripla, Belinelli risponde con la stessa moneta poi Alibegovic servito da Pajola sale a quota 18 per il 75-70 interno a 8’ dal termine. Alla Virtus manca sempre qualcosa per fare 31 nonostante attacchi non impeccabili dell’Olimpia, che sbaglia davvero tanto ma non paga dazio grazie alla difesa. Shields insite trovando i due del +7 milanese a 6’ dall’ultima sirena (77-70).

 

Gamble trema dalla lunetta ma Hunter lavora bene a rimbalzo offensivo dando il là a una magata di Teodosic, Delaney punto nell’orgoglio replica con jumper dalla media ma Belinelli servito dall’asso serbo trova l’ennesimo gioco da tre punti di serata per il 79-75 Milano a metà frazione. Bologna difende bene ma non capitalizza in contropiede, con due gite in lunetta dell’esterno ex Barcellona a restituire il +6 all’Olimpia.

 

Teodosic non ci sta e riapre la partita con la tripla del -3 dopo una clamorosa stoppata di Abass, Cinciarini esegue un palleggio arresto e tiro da manuale e tampona l’emorragia ma tre liberi dell’asso serbo valgono il -2 Virtus (83-81) a 3’07” dalla conclusione. LeDay ne mette subito due con facilità disarmante: timeout Djordjevic.

 

Messina decide di pressare a tutto campo, si segna poco e tocca a LeDay correggere un runner di Rodriguez per l’87-81 Ax con 90” sul cronometro. Weems dall’arco risponde subito per il -3 Segafredo, poi un gioco da quattro punti di Shields (career high a quota 33) e un libero di LeDay valgono il 92-84 meneghino.

 

Belinelli sbaglia la tripla per riaprire la partita con 40” da giocare, l’ex Trento aggiorna il record personale con il 35esimo punto della sua partita per il +10 Armani a 20” dal termine, poi l’Olimpia Milano amministra e batte la Virtus Bologna 94-84 assicurandosi almeno il secondo posto al termine della regular season dopo aver battuto per la terza volta su tre in stagione gli storici rivali.

 

A|X Armani Exchange Milano – Segafredo Virtus Bologna: i tabellini

(27-18, 26-21, 17-26, 24-19)

 

Milano: Delaney 11, Rodriguez 2, Shields 35, Hines 7, LeDay 21, Moraschini, Datome 3, Brooks 2, Cinciarini 5, Punter 4, Biligha 4, Wojciechowski ne. All.: Messina.

 

Bologna: Gamble 9, Belinelli 15, Ricci 3, Weems 6, Teodosic 15, Deri ne, Hunter 9, Nikolic ne, Adams 2, Abass 5, Alibegovic 18, Pajola 2. All.: Djordjevic.

I più visti

Leggi tutto su Sport