Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 21 aprile 2021 - Aggiornato alle 14:37
Live
  • 14:30 | Facebook: ecco le Live Audio Room per sfidare Clubhouse
  • 14:00 | Come vincere bici, monopattini e giardini idroponici con TIM Party
  • 14:00 | Le grandi mostre che riaprono il 26 aprile
  • 13:45 | “E dentro sono blu” è il nuovo singolo di Francesco Arpino, l’intervista
  • 13:44 | Covid, quali paesi hanno applicato il coprifuoco
  • 13:15 | Quali sono gli stili di arredo più amati
  • 12:48 | Deddy, inediti e testi del cantante di Amici 20
  • 12:38 | Coltivazione della soia e impatto ambientale, cosa dobbiamo sapere
  • 12:25 | Quali sono gli uccelli più rari?
  • 12:15 | La Cappella degli Scrovegni su Haltadefinizione
  • 12:14 | Setter irlandese: info e carattere di questa razza
  • 12:10 | Tutto su "Anna", la serie tv di Niccolò Ammaniti
  • 12:04 | 5 curiosità su Napoleone Bonaparte
  • 11:34 | Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas festeggiano la figlia
  • 11:29 | Usa, condannato l'agente che uccise George Floyd
  • 11:18 | Il Borussia Dortmund vuole André Silva
  • 11:15 | Barbabietola al forno per un contorno light
  • 11:05 | L’ok dell’Ema al vaccino Johnson&Johnson
  • 10:49 | La vittoria della Fiorentina a Verona
  • 10:31 | Da maggio studenti in classe al 60 per cento
Eurolega: vendetta russa per l’Olimpia, Milano batte il Khimki 84-74 Kaleb Tarczewski - Credit: Simone Lucarelli / Fotogramma
BASKET EUROLEGA 2020-2021 26 febbraio 2021

Eurolega: vendetta russa per l’Olimpia, Milano batte il Khimki 84-74

di Federico Bandirali

L’Ax riscatta il ko con lo Zenit guidata dai 17 di Shields e consolida il 3° posto. Ai moscoviti non basta Mickey (23)

Nella sfida valida per la 26esima giornata di Eurolega l’Olimpia Milano - reduce dalla sconfitta patita a San Pietroburgo nel match rinviato due volte causa Covid- confeziona la vendetta russa e batte agevolmente il Khimki Mosca 84-74 consolidando il 3° posto in classifica (17 vinte e 9 perse) stante il successo di un solo punto del CSKA in casa dell’Olympiacos Pireo.

Vittoria abbastanza agevole per l’Armani complici le sontuose percentuali al tiro dalla lunga nella prima metà di gara (8/12) grazie alle mani fatate di Datome (14) e Shields (17), con le assenze di Shved, Timma (mancato pagamento dello stipendio), Jovic e Valiev a peggiorare la situazione per i moscoviti, ultimi in classifica e peggior difesa della competizione dominati anche a rimbalzo.

 

Buona prova anche di un redivivo Delaney, bravo nel mettersi in proprio e armare le mani altrui (8 e 7 assist), con Rodriguez (13, 5 assist e altrettanti rimbalzi) puntuale nell’ergersi protagonista alla bisogna e Tarczewski (10+4) sconfitto ma non demolito da Mickey (23 e 11 rimbalzi) nel verniciato al pari di Hines (12+10).

 

Olimpia Milano – Khimki Mosca 84-74

Messina parte con Datome in quintetto in spot 4, Mickey fa subito la voce grossa in attacco senza che Tarczewski (efficace in attacco) riesca a prendergli nemmeno la targa una volta portato fuori dal pitturato e il Khimki ne approfitta per volare sul 2-6 costringendo Messina a chiamare timeout dopo meno di 2’.

Shields tampona subito l’emorragia in svitamento dalla media, Datome firma il sorpasso con una tripla dall’angolo e si ripete immediatamente dopo la replica di Monia per il 10-9 Milano.

 

Punter si iscrive a referto e autografa il +3 interno, la difesa dell’Olimpia sale di tono coi moscoviti in difficoltà anche solo nel costruire tiri, poi l’ex Trento ne mette 5 in un amen per il primo strappo Armani (19-11). Mickey e McCollum ricuciono subito ma la guardia canadese è indemoniata e non trema dalla lunetta (21-15).

 

Il lungo ex Celtics e Real domina nel verniciato, Shields resta un rebus irrisolvibile per la difesa dei russi che trovano comunque le risorse per tornare in scia e Milano archivia il primo quarto con 3 lunghezze di vantaggio (29-26) nonostante un’inusuale difesa “soft”.

 

L’Olimpia fatica in attacco complice una circolazione di palla rivedibile, Monia dalla lunga impatta a quota 29 dopo 1’30”. Rodriguez replica e piazza una tripla frontale, arma con profitto la mano di Datome e Tarczewski che affonda per il 36-29 interno.

 

Datome dilata il parziale fino al 10-0 trovando il fondo della retina dall’arco, Vialtsev dà ossigeno al Khimki mentre Tarczewski si mangia 4 punti comodi ma l’Ax resta sul +7 dopo un libero di Delaney, che subito dopo imbuca la tripla del 45-35.

 

Bertans, ex di turno, risponde allo statunitense, Hines lavora egregiamente a rimbalzo offensivo ma i russi, nonostante le assenze a dir poco pesanti di Shved e Timma, provano a restare in partita. Datome (14) imbeccato dal sesto assist di Delaney non sbaglia nulla e imbuca la quarta tripla del suo match per il +10 Milano a 45” dalla pausa lunga.

Vantaggio che sale a 13 punti (56-43) all’intervallo dopo l’ennesima tripla di Shields (8/12 complessivo da 3 per i lombardi a metà gara).

 

Al ritorno sul parquet l’ex Trento riprende subito il filo del discorso con 4 punti in 60” per il +17 Milano (60-43) alimentando il parziale di 10-0 a cavallo dei quarti centrali. Datome capitalizza il libero regalato dai moscoviti causa fallo tecnico, Hines ne mette altri 4 e chiude il parziale di 15-0 per il 64-43 Armani.

 

Messina getta nella mischia il neo acquisto Jeremy Evans – fermo da 13 mesi causa infortunio e all’esordio in biancorosso contro la sua ex squadra, Milano fatica a trovare la via del canestro ma conserva 17 lunghezze di margine a 4’ dalla penultima sirena dominando a rimbalzo.

 

Il Khimki abbozza una reazione tornando sul -12 (68-56) con uno 0-8 sfruttando un passaggio a vuoto dei lombardi, Rodriguez decide di mettersi in proprio e chiude il break ma sbaglia a fil di sirena con l’Olimpia avanti 70-56 a 10’ dal termine.

 

Il play spagnolo apre il quarto conclusivo realizzando dall’arco, Mickey sale in doppia doppia e i moscoviti replicano con uno 0-4, fermato da una tripla di Micov per il 75-60 con 6’ sul cronometro. Milano stacca un po’ mentalmente e permette al Khimki di tornare a -11 (75-64) dopo due comodi in contropiede di Voronov a 4’ dalla fine, Hines ferma il mini-parziale ospite con 4 filati per il 79-66 Ax.

 

Zaytsev tiene vive le speranze dei russi, Bertans firma il -8 dalla linea della carità con 130” da giocare ma una inchiodata di Tarczewski su “alzata” di Rodriguez da pick’n’roll scaccia i fantasmi per il nuovo +10 interno. Il resto, nonostante qualche fischio (o non fischio) clamoroso, è ordinaria amministrazione,

 

Shields mette il punto esclamativo alla sua sontuosa partita dalla lunga e l’Olimpia Milano batte 84-74 il Khimki Mosca, tornando a vincere dopo il ko a San Pietroburgo per restare al 3° posto incollata alle due squadre che la precedono (Barcellona e CSKA).

 

AX Armani Exchange Milano – Khimki Moscow Region 84-74:il tabellino

(29-26, 27-17, 13-14, 14-18)

 

Olimpia Milano: Punter 2, Micov 4, Moraschini 3, Roll 0, Rodriguez 13, Tarczewski 10, Biligha ne, Delaney 8, Shields 17, Evans, Hines 12, Datome 15. All.: Ettore Messina.

 

Khimki Mosca: McCollum 15, Karasev 2, Zaytsev 7, Vialtsev 2, Monia 12, Sharapov ne, Ponkrashov, Voronov 2, Bertans 11, Mickey 23. All.: Andei Maltsev.

I più visti

Leggi tutto su Sport