TimGate
header.weather.state

Oggi 23 maggio 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  In Arabia il primo match point per Verstappen
In Arabia il primo match point per Verstappen

- Credit: arabia match point verstappen f1

formula 103 dicembre 2021

In Arabia il primo match point per Verstappen

di Franco Porto

Ecco cosa dovrebbe accadere perché vinca il mondiale con un GP d’anticipo

“Io corro per il Mondiale, non contro Lewis o la Mercedes”. Parola del leader del Mondiale di Formula 1, l'olandese Max Verstappen che, a due gare dalla fine conduce la classifica con 8 unti di vantaggio su Hamiton. In Arabia, domenica, sarà già match point. L’olandese della Red Bull, infatti, vincerebbe matematicamente il mondiale se vincesse la gara e Hamilton arrivasse oltre la sesta posizione (o la quinta, ma con il giro veloce), ma anche se arrivasse secondo con Hamilton decimo (se Verstappen facesse il giro veloce) o fuori dai punti.

 

L’olandese, però, non ci pensa: "Sono molto ‘neutro’ sulle cose che mi circondano, non penso a cosa può succedere. La squadra è motivata, sappiamo che è una grande opportunità per noi, vogliamo essere competitivi ma per ora è tutto relativo e teorico. Non posso ancora dire come sarà il rapporto di forza con Mercedes su questa pista. Il circuito è un grande punto interrogativo, cercheremo di dare il massimo, ma nessuno sa davvero come si comporteranno le macchine su un circuito nuovo, prima di provarlo”.

 

E infine, un pensiero che la dice lunga su come sia concentrato: “Battere la Mercedes? Sono tanti anni che proviamo, ogni anno del loro dominio, ma se vinceremo quest’anno sarà bello per noi, non perché avremo battuto gli altri. Vincere un Mondiale credo sia un risultato grandioso per chiunque, anche per chi ha già vinto. Contro la Mercedes come Germania-Olanda nel calcio? No, se pensassi questo avrei una mentalità ristretta. La F1 non è il calcio, il calcio non è la F1, qui sono coinvolte persone da ogni parte del mondo che lavorano per diversi team”.

 

“Lottare con Lewis – prosegue – è importante perché aiuta a migliorarsi, e credo che questa lotta faccia bene allo sport. Comunque finisca io credo sarà stata una bella stagione per entrambi”.

 

Verstappen esclude incidenti tra i due “Non penso a un contatto o un incidente, io sono qua per fare il massimo in pista andando forte durante la corsa”.

 

E conclude: “Giocarsi il Mondiale è più divertente che stressante, nel 2020 mi sono annoiato, non è facile quando un solo team è nettamente più forte degli altri. Comunque vada il 2021 sarà una stagione soddisfacente per Red Bull. Di sicuro ora sono più competitivo che all’inizio della mia carriera, in questo con Lewis credo ci sia differenza perché penso che dopo una certa età l’esperienza non faccia tutta questa differenza, a 35 anni non hai tanta meno esperienza che a 40, per dire”.