Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 07 marzo 2021 - Aggiornato alle 03:00
Live
  • 00:01 | MotoGP 2021: nei primi test in Qatar vola l’Aprilia di Espargaro
  • 23:55 | I Maneskin vincono Sanremo 2021, ecco le pagelle della finale
  • 22:29 | “Rothko”, Russell Crowe sarà il famoso pittore americano
  • 21:13 | “Limbo”, cosa sappiamo del nuovo film di Iñárritu
  • 20:59 | Il primo tweet della storia in vendita: asta milionaria
  • 20:50 | In arrivo biopic su Bob Marley
  • 19:44 | “Gotti - Il primo padrino”, il film con John Travolta
  • 18:30 | Covid, in Italia altri 307 morti
  • 16:52 | Group Transcribe: come funziona l’app per le trascrizioni live
  • 16:25 | Chi è Valeria Angione, l'influencer napoletana
  • 16:19 | Cole Tucker e Vanessa Hudgens, i pettegolezzi
  • 16:14 | Due nuovi corgi per la regina Elisabetta
  • 16:03 | Sanremo 2021: i look della quarta serata
  • 15:50 | Sanremo 2021: i beauty look della quarta serata
  • 15:49 | I videogames a tutela dell'ambiente
  • 15:44 | Tinture per capelli ecobio: come rispettare l'ambiente
  • 15:31 | Sanremo 2021: tutte le citazioni d’arte
  • 15:30 | Sanremo 2021, il programma e gli ospiti della serata finale
  • 12:33 | Le restrizioni contro il Covid: i colori delle regioni dall’8 marzo
  • 12:23 | La Juve contro la Lazio per continuare a crederci
Eurolega: l’Olimpia Milano non si ferma e batte Valencia 95-80 Luigi Datome - Credit: OLIMPIA MILANO / Fotogramma
BASKET EUROLEGA 2020-2021 13 gennaio 2021

Eurolega: l’Olimpia Milano non si ferma e batte Valencia 95-80

di Federico Bandirali

L’Armani chiude a 3 la striscia di k.o. casalinghi trascinata dai 27 di Datome ribaltando la differenza canestri

Nel match valevole per la diciannovesima giornata dell’Eurolega 2020/2021 l’Olimpia Milano interrompe la striscia di 3 ko casalinghi consecutivi battendo 95-80 Valencia al Forum di Assago.

I padroni di casa, appena rientrati dalla vittoriosa trasferta di Madrid nel capoluogo lombardo complice la neve, pur privi di Shields e Micov hanno inoltre ribaltato anche il’81-86 subito all’andata girando a proprio favore la differenza canestri contro una diretta concorrente per entrare tra le prime 8 al termine della regular season e centrare i playoff.

 

Con questo successo la truppa di Ettore Messina consolida quindi il proprio piazzamento in ottica postseason (11 vinte e 7 perse) e si lascia a due vittorie di distanza proprio gli iberici e l’Efes Istanbul. Questo principalmente grazie alla prova superlativa di Datome (27, career high in Eurolega eguagliato) e al contributo di Delaney, LeDay e Punter, in una serata nella quale Milano ha tirato complessivamente con il 60% abbondante dal campo (19/30 da 2 e 16/27 da 3).

 

Per gli ospiti pesante l’assenza della stella Dubljevic, con Kalinic e Derrick Williams ultimi a mollare guidando un disperato tentativo di rimonta nel terzo quarto, salvo dover alzare bandiera bianca dopo l’ennesima reazione di un’Olimpia quasi perfetta su ambo i lati del campo e attesa giovedì 14 gennaio dalla delicata trasferta in casa dell’Alba Berlino.

 

Olimpia Milano – Valencia 95-80

Ettore Messina come nella vittoriosa trasferta di Madrid lancia Moraschini in quintetto, le polveri in avvio di match sono a dir poco bagnate con un gioco da 4 punti convertito dalla guardia di Cento dopo 2’ esatti a smuovere il referto per Milano. Replica di Sastre dalla lunga, Tobey punisce dall’arco e Valencia impatta a quota 6 per poi sorpassare grazie ai primi due di Derrick Williams a 6’ dalla prima sirena.

 

La coppia LeDay-Delaney confeziona un 5-0 per il nuovo sorpasso Olimpia, Valencia fatica in attacco e il play ex Barcellona, “lucrato” il secondo prematuro fallo di Tobey, tiene gli ospiti a distanza di sicurezza (15-9) dalla lunetta con il suo quinto punto.

Labeyrie ferma il parziale interno di 9-1 con 5 punti consecutivi, Punter risponde dalla lunga per il 18-14 a 3’ dalla fine del primo quarto poi Williams sale in cattedra e il duo Hermansson-Kalinic confeziona il contro-sorpasso con Milano manda comunque in archivio i primi 10’ sul 21-20.

 

Datome apre il secondo quarto inventando un gioco da 3 punti seguito da una tripla su assist di Rodriguez per il 27-20 Olimpia: timeout Ponsarnau. L’Armani insiste sull’asse Rodriguez-Hines e dilata il parziale interno fino all’11-0 in 2’.

Kalinic lavora bene a rimbalzo offensivo e rompe il digiuno ma Hines tiene gli spagnoli a distanza con Datome che trova la terza tripla del suo match che vale il 34-22.

 

Valencia litiga coi ferri del Forum, Rodriguez non si fa pregare e dall’arco realizza per il +15 e Ponsarnau è costretto a fermare nuovamente il gioco per parlarci sopra. Scambio di triple tra Van Rossom e Delaney, la difesa di Milano è reattiva e puntuale nelle rotazioni ma due perse banali regalano 4 punti comodi in contropiede agli iberici.

L’Olimpia è implacabile da 3 (9/11), Williams ci prova ma l’asse Punter-Delaney non si scompone e i lombardi restano sul +15, con Ponsarnau disperato per il terzo fallo di Tobey e Milano avanti a metà gara 54-36 dopo l’ennesima tripla dall’angolo di LeDay.

 

L’ala statunitense al ritorno sul parquet inchioda per il +20, Punter dal cuore dell’area buca la retina, ma tre liberi di Williams fanno sì che non partano anzitempo i titoli di coda. Delaney vuole chiuderla e piazza un gioco da 4 punti per il 62-38 Olimpia dopo 1’30”. Kalinic è un leone, tante perse banali dell’Ax e Tobey inchioda il 65-48: timeout Messina.

Datome è una sentenza da tre, Van Rossom risponde allo stesso modo e Valencia prova a restare a galla, ma i 20 dell’azzurro e due di Roll in chiusura di quarto regalano a Milano sedici lunghezze di vantaggio (76-60) alla penultima sirena.

 

Tripla inventata di Prepelic, Vives non trema dalla lunetta poi Labeyrie firma chiude il parziale esterno di 0-7 in 2’ che vale il -9 Valencia (76-67) e sembra girare l’inerzia del match. Datome non è d’accordo e tampona, Punter e Delaney lo sono ancor meno e con due triple consecutive restituiscono un comodo +23 Milano con 5’31" da giocare.

 

La difesa di Milano non cala, Hines fa partire i titoli di coda autografando il +25 e, dopo la tripla del 93-73 di un gigantesco Gigi Datome, all’Olimpia non resta che amministrare per battere Valencia 95-80 e ribaltare la differenza canestri dopo il -5 dell'andata.

 

A|X Armani Exchange Milano – Valencia Basket 95-80: il tabellino

(21-20, 33-16, 22-24, 19-20)

 

Milano: Punter 14, LeDay 15, Moraschini 4, Roll 5, Rodriguez 3, Tarczewski 2, Biligha ne, Cinciarini ne, Delaney 17, Brooks 2, Hines 6, Datome 27. All.: Ettore Messina.

 

Valencia: Prepelic 12, Padilla, Puerto ne, Labeyrie 7, Van Rossom 6, Tobey 7, Kalinic 15, Vives 6, San Emeterio 4, Williams 17, Hermansson 2, Sastre 4. All.: Jaume Ponsarnau.

I più visti

Leggi tutto su Sport