Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 04 marzo 2021 - Aggiornato alle 19:27
Live
  • 19:07 | Sempre più famiglie si trovano in povertà assoluta
  • 18:09 | Il principe Filippo è stato operato al cuore
  • 18:06 | MotoGP: Aprilia Gresini Racing, presentata la nuova moto per il 2021
  • 17:30 | Covid, in Italia altri 339 morti
  • 16:00 | Sanremo 2021: la scaletta, gli ospiti e le cover della terza serata
  • 15:51 | Google e la nuova gestione dei profili del browser Chrome
  • 15:47 | Le scarpe preferite di Meghan Markle
  • 15:34 | Daniil Medvedev, sconfitta inattesa (e racchetta distrutta)
  • 15:33 | Sanremo 2021: i look della seconda serata
  • 15:19 | Sanremo 2021: i look beauty della seconda serata
  • 15:03 | La Juve cerca un regista: Locatelli o Jorginho?
  • 15:02 | Achille Lauro svela il significato dei suoi 5 "quadri" musicali
  • 15:02 | Rinviata la prima edizione di Arte in Nuvola a Roma
  • 14:30 | Differenza tra gasolio e benzina
  • 14:25 | La Germania rimarrà in lockdown fino al 28 marzo
  • 14:21 | Terrarium chiuso, come farlo e come curarlo
  • 14:05 | Emilio Estévez: chi è, vita privata e carriera
  • 13:54 | Chi è Lauren Graham: vita privata, curiosità e carriera
  • 13:15 | Le frasi più belle da dedicare alle sorelle
  • 13:05 | Tre strategie per diventare più creativi
Eurolega: Real Madrid battuto a domicilio dall’Olimpia Milano 76-80 Sergio Rodriguez - Credit: Simone Lucarelli / Fotogramma
basket eurolega 2020-2021 9 gennaio 2021

Eurolega: Real Madrid battuto a domicilio dall’Olimpia Milano 76-80

di Federico Bandirali

Impresa dell'Armani che vince in Spagna dopo 16 anni trascianata da Rodriguez e Delaney

Nel match valevole per la diciottesima e prima giornata del girone di ritorno dell’Eurolega di basket 2020/2021 l’Olimpia Milano torna a vincere battendo a domicilio la corazzata Real Madrid 76-80 passando nella capitale iberica dopo 16, lunghissimi, anni.

Armani priva Shields (contrattura muscolare, fuori almeno 2 settimane) e Micov (Covid), mentre per Laso out Randolph e Lull con Deck recuperato in extremis.

 

I lombardi hanno provato ad assestare lo strappo nel terzo quarto dopo il perfetto equilibrio alla pausa lunga (39-39), salvo veder rientrare i blancos per poi spuntarla nel finale grazie alle magie di Rodriguez (17), e ai punti di Delaney (14+5 assit) e LeDay (12)

 

L’impresa di Milano, però, è passata anche dalle mani di un Hines davvero solido nonostante i soli quattro punti a referto, dalle giocate di un Datome (9) sempre provvidenziale nel momento del bisogno e dal contributo di Tarczewski e Roll. La superba prestazione difensiva degli uomini di Ettore Messina, tornati a vincere dopo due ko consecutivi, trova invece perfetta esemplificazione nei 10 rimbalzi catturati da un solidissimo Riccardo Moraschini, che ha risposto presente in contumacia Shields.

 

A coach Pablo Laso, invece, non sono bastati i 20 di Jaycee Carroll, vera anima della rimonta blancos, e il solito contributo di Tavares nel verniciato (14+6 e 3 stoppate) e di un Thompkins autore sì di 13 punti ma con troppi errori dal campo (4/12).

Discreto Laprovittola (8), tenuto però in campo solo 11’. Per il resto poco altro dalla panchina del Real, illusa da due triple del rientrante Deck che ha poi chiuso a quota 6 collezionando soltanto errori dal campo (8).

 

L'Olimpia sbanca così Madrid e bissa il successo dell’andataal Forum (78-70), facendo suo anche il doppio confronto contro il Real con un successo che vale il settimo posto in classifica (10 vinte, 7 perse e la sfida contro lo Zenit da recuperare) in coabitazione col Valencia, atteso al Forum di Assago per il 19° turno di Euroleague martedì 12 gennaio alle 20.45.

 

Real Madrid – Olimpia Milano 76-80

La partita

Milano parte bene e apre il match portandosi subito sul 4-8 con una buona distribuzione delle responsabilità offensive. Il Real reagisce subito con un 8-0 aperto da una tripla di Abalde e chiuso da una di Causeur, LeDay replica con la stessa moneta ma a 2’15” dalla prima sirena l’Olimpia insegue (14-11) dopo un gran canestro di Thompkins.

 

Entra Rodriguez, Hines accorcia poi una persa banale del "Chacho" regala ad Alocen due punti facili seguiti da un jumper dall’angolo di Thompkins per il 18-13 interno. LeDay rompe il digiuno biancorosso dalla lunetta, il Real pasticcia con 22” sul cronometro e Rodriguez lo punisce a fil di sirena per il 18-17 interno dopo 10’ di gioco.

 

Thompkins dopo un fallo ingenuo di Punter manda a bersaglio 3 tiri liberi, Rodriguez punisce subito dall’arco e Datome lanciato da Hines in contropiede appoggia per il sorpasso Ax, dilatato da un gioco da tre punti di Roll che vale il 21-25 e chiude un parziale esterno di 3-12.

 

Carroll rompe il digiuno Real, Datome risponde poi Deck dall’arco trova 3 punti per il 28-27 interno trovando però la replica immediata dell’ala ex Fenerbahçe, poi Roll dall’angolo realizza per il 30-32 Milano a metà frazione. La difesa della truppa di Ettore Messina è intensa e di livello, Laprovittola insiste ma Datome è ispirato su ambo i lati del campo e un libero di Delaney vale il 34-37 ospite a 97” dall’intervallo. L’equilibrio non si spezza, tripla di Deck dall’angolo e alla pausa lunga è perfetta parità a quota 39.

 

Al rientro sul parquet Tarczewski imbeccato da Delaney riapre le danze, la formazione di Laso litiga coi ferri e lo statunitense si mette in proprio mandando a bersaglio la tripla del +5, seguita da un tap-in del centro dell’Olimpia (46-39) che apre il terzo quarto con un parziale di 0-7: timeout blancos.

 

Punter dilata il vantaggio ospite, la difesa di Milano è sempre “sul pezzo” con rotazioni e pre-rotazioni puntuali ma viene punita dai centimetri di Tavares che sblocca il Madrid dopo quasi 4’. LeDay, però, risponde dall’arco per il +10, che diventa 41-53 grazie a due in entrata di Delaney a metà quarto.

 

Rottura prolungata del Real complice la difesa dei lombardi, il play ex Barcellona firma il +14 e tiene aperto un parziale di 2-16 poi Punter dall’arco lo dilata ulteriormente e l’Armani vola sul 41-58 a 3’ dalla penultima sirena.

 

Carroll ridà ossigeno ai blancos con 5 punti consecutivi, Alocen manda a bersaglio solo un libero e Rodriguez in step-back realizza dall’arco poi la guardia statunitense di Laso realizza in contropiede per il 49-61 Ax alla penultima sirena.

 

Hines “bullizza” Tyus ma non segna il libero supplementare, il Real si aggrappa a Carroll e dopo diversi errori banali un suo gioco da tre punti riporta i blancos sul -9 (56-65) a 7’ dal termine. Milano non vede più il canestro, Carroll si ripete e il Madrid torna a -6 con 17 punti dell’ex Teramo.

 

LeDay interrompe il parziale di 8-0, ma la guardia del Real insiste con un’altra tripla e Tyus firma un altro 5-0 per il 64-67 con 5’ sul cronometro. Delaney tampona l’emorragia dalla lunetta solo in parte, Tavares “cancella” Punter ma dopo una difesa sempre intensa l’ex Hawks non trema più dalla linea della carità firmando il +6 Milano (64-70) a 3’ dalla fine.

 

LeDay allunga ulteriormente, Moraschini continua a fare la voce grossa a rimbalzo (10), Tavares prova a ricucire ma una rubata clamorosa di Hines lancia Rodriguez in contropiede per il 66-74 Olimpia con 1’18” da giocare.

 

Il capoverdiano insiste dopo un rimbalzo offensivo, Thompkins dall’arco realizza per il nuovo -3 Real con Rodriguez e il lungo blancos a ripetersi tenendo vive le speranze dei madrileni a 13” dal termine. L’ex di turno (insieme a Messina) non trema dalla lunetta, Delaney invece sbaglia il secondo libero a 7” dal termine ma fissa il punteggio finale sul 76-80 dopo una tripla sbagliata da Thompkins.

 

Real Madrid – Olimpia Milano 76-80: il tabellino

(18-17, 21-22, 10-22, 27-19)

 

Real Madrid: Causeur 3, Abalde 3, Tyus 4, Laprovittola 8, Alocen 5, Deck 6, Garuba, Carroll 20, Tavares 14, Thompkins 13, Tisma ne, Taylor. All.: Pablo Laso.

 

Milano: Punter 7, LeDay 12, Moraschini 2, Roll 5, Rodriguez 17, Tarczewski 8, Biligha ne, Cinciarini, Delaney 14, Brooks 2, Hines 5, Datome 9. All.: Ettore Messina.

I più visti

Leggi tutto su Sport