Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 27 ottobre 2020 - Aggiornato alle 09:15
Live
  • 23:27 | Le cinque varianti di coronavirus trovate in Italia
  • 23:09 | Covid, Francia: "In realtà siamo a 100mila casi al giorno"
  • 23:09 | Il pareggio tra Milan e Roma (3-3)
  • 22:58 | Milan-Roma 3-3, gol e spettacolo a San Siro
  • 20:21 | Conte: 'Shakthar forte, non si vince a Madrid per caso'
  • 20:15 | TIM Super WiFi: fibra sicura e WiFi certificato
  • 19:56 | Conte spinge i suoi: “Ora Lukaku e Lautaro devono vincere”
  • 19:39 | Chi è 24kGoldn, star della hit "Mood"
  • 19:18 | Juventus vs Barcellona pure sul mercato: piace Gravenberch
  • 19:14 | Le novità dell’app per dispositivi mobili di Youtube
  • 18:56 | “Per un pugno di dollari” diventa una serie tv
  • 18:53 | MotoGP 2020, le pagelle del GP del Teruel ad Aragon
  • 18:22 | Donnarumma: 'Sto bene, chi lotta contro il virus non molli'
  • 18:19 | Su WhatsApp ora si possono silenziare le chat “per sempre”
  • 18:15 | Ryan Reynolds vota per la prima volta negli USA
  • 17:55 | Grande Fratello Vip, tre nuovi ingressi nella Casa
  • 17:45 | Pesto alla genovese
  • 17:30 | Covid-19, Italia: diminuiscono i contagi (ma anche i test)
  • 16:22 | Bonucci, escluse lesioni ma la Champions è a rischio
  • 16:15 | Stati Uniti, come si elegge il presidente
Basket, Eurocup: Trento sbanca Bursa, Brescia va ko a Podgorica Toto Forray - Credit: Simone Lucarelli / Fotogramma
BASKET 7DAYS EUROCUP 2020-2021 29 settembre 2020

Basket, Eurocup: Trento sbanca Bursa, Brescia va ko a Podgorica

di Federico Bandirali

Successo prezioso in Turchia per l'Aquila. La Germani ci prova ma crolla negli ultimi 5’ in Montenegro

Si è aperta in modo agrodolce per l’Italia l’EuroCup 2020/2021, la seconda competizione continentale per importanza che vede al via ben quattro squadre italiane.

Nelle due partite di martedì 29 settembre, infatti, Trento è passata sul campo dei turchi del Bursaspor, mentre Brescia ha perso in Montenegro per mano del Buducnost Podgorica. Il tutto in attesa degli esordi della Virtus Bologna (impegnata in Lituania contro il Lietkabelis) e della Reyer Venezia (in casa contro l’Unics Kazan), in programma mercoledì 30 settembre.

 

Frutti Extra Bursaspor – Dolomiti Energia Trento 86-93

Trento, reduce dall’amaro esordio in campionato sul campo della De’Longhi Treviso, comincia con il piede giusto l’avventura in EuroCup passando in Turchia con una partita dai due volti. Primo tempo da dimenticare per gli uomini di coach Brienza, sommersi dal tandem Munford-Newman in avvio di gara per il 29-19 interno alla prima sirena complice una difesa rivedibile.

 

I padroni di casa insistono nel secondo quarto, con Browne che non trova punti dal campo e priva la Dolomiti di un’arma essenziale in attacco. La soluzione è provare a stravolgere il tutto inserendo Maye, che bagna l’esordio in bianconero con una tripla.

 

Batuk e dell’ex sassarese Kadji puniscono dalla lunga l’Aquila, che sprofonda a -13 ma riesce comunque a rintuzzare rientrando negli spogliatoi con 9 punti da recuperare (49-40) dopo un parziale di 6-10.

 

Al rientro in campo capitan Forray infila due triple di capitale importanza dando il là ad un break di 2-10 in apertura di terzo quarto che rimette tutto in equilibrio (51 pari). Kadji insiste e trova il fondo della retina con continuità, ma Williams si impadronisce letteralmente del verniciato per il primo sorpasso di Trento.

 

Vantaggio che si dilata in apertura di quarto periodo con due sortite di Sanders. I turchi non demordono e restano in scia, ma nel finale una tripla dello stesso Sanders e un paio di giocate circensi di Browne regalano a Trento una vittoria importante in trasferta.

 

Il tabellino

Buducnost Voli  Podgorica – Germani Brescia 93-81

Brescia cade per la seconda volta in 48 ore dopo la sconfitta all’overitme in campionato nel derby lombardo contro Varese. La trasferta in casa dei montenegrini del Buducnost, infatti, non sorride alla truppa di Esposito, che paga le fatiche del campionato nei 5’ conclusivi dopo essere rimasta in partita senza troppi patemi.

 

Si parte con le due squadre che scelgono di correre trovando difese allegre e il canestro con continuità, dando vita ad una serie di botta e risposta che preservano l’equilibrio. Ejim, Cobbs e Apic sono le armi migliori a disposizione di coach Mijović, e ribattono colpo su colpo alle sortite di Drew Crawford, Chery, Ristic e  Kalinoski.

 

Cobbs, invero, sembra un rebus irrisolvibile nella metà campo difensiva per la Germani, che finisce sotto di 4 ma piazza un parziale di 0-5 con Moss e Ristic rientrando negli spogliatoi sul +1 (42-43).

 

Al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia, Cobbs continua a trovare la via del canestro con facilità e riporta avanti Podgorica, con Brescia che risponde e la partita che scorre sul filo dell’equilibrio. Chery con una tripla prova a dare una spallata al match, ma alla penultima sirena è perfetta parità a quota 65.

 

L’inizio di quarto periodo vede entrambe le squadre faticare un po’, anche per poca lucidità. Popovic segna per il 67-65 con 8’ da giocare, mentre Kalinoski commette il suo 5° fallo e abbandona prematuramente la contesa.

 

Il Buducnost ne approfitta e scava il solco decisivo con Ivanovic, che ne mette 5 filati per il 79-67 interno con 3’ da giocare chiudendo un parziale di 12-2. La Germani ci prova con Burns ma le energie sono ridotte al lumicino, con Ejim che manda i titoli di coda segnando il canestro dell’84-71 con meno di 100” sul cronometro.

 

 

Nikolic, per non saper né leggere né scrivere, ne mette 5 a buoi scappati, con Brescia che non sbraca e contiene il passivo: importante nell’ottica doppio confronto, anche se gli uomini di Esposito devono fare di più nella metà campo difensiva se vogliono passare il turno senza patemi.

 

Il tabellino

Leggi tutto su Sport