Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 24 gennaio 2021 - Aggiornato alle 12:46
Live
  • 15:45 | Le zone rosse, arancioni e gialle fino al 30 gennaio
  • 12:21 | La playlist di TIMMUSIC dedicata a John Belushi dei Blues Brothers
  • 12:01 | Riccardo Guarnaccia: età, vita privata e curiosità del ballerino di Amici
  • 10:26 | Scambio Dzeko-Eriksen: ecco perché l’Inter dice no
  • 10:23 | Cosmoprof: la fiera della cosmesi di Bologna
  • 09:48 | Stampe per cucina: idee creative
  • 09:20 | Differenza tra pianeti e pianeti nani
  • 09:14 | Microsoft Teams: Reflect aiuterà a capire come si sentono gli studenti
  • 08:24 | Ecco l’aggiornamento “Trailer Park” di Arizona Sunshine
  • 07:10 | Fiorentina-Crotone 2-1, la viola rialza la testa
  • 06:18 | Le previsioni meteo di lunedì 25 gennaio 2021
  • 06:00 | I titoli dei giornali di domenica 24 gennaio
  • 00:56 | Roma-Dzeko è rottura: il bosniaco pronto a lasciare
  • 00:49 | Recovery Plan, la Commissione europea chiede le riforme
  • 00:17 | Filippo Volandri nuovo capitano dell’Italia in Coppa Davis
  • 00:02 | Basket, Serie A: impresa di Brescia a Bologna, Virtus battuta 89-90
  • 00:01 | Basket, Serie A: Reggio Emilia torna vincere, Trento stesa 83-74
  • 22:35 | YouTube, cosa sono e come funzionano le nuove pagine per gli hashtag
  • 22:12 | Inter, pari e polemiche contro l’Udinese
  • 21:28 | Il Milan crolla contro una grande Atalanta (0-3)
EuroLega: l’Olimpia Milano domina l’Alba Berlino e vince 75-55 Sergio Rodriguez - Credit: Simone Lucarelli / Fotogramma
BASKET EUROLEGA 2020-2021 2 dicembre 2020

EuroLega: l’Olimpia Milano domina l’Alba Berlino e vince 75-55

di Federico Bandirali

Terza vittoria consecutiva in Europa per l’Ax, che dopo un avvio stentato schianta i tedeschi grazie alla difesa

Nel match valevole per il recupero della sesta giornata di EuroLega - rinviato causa quarantena dei tedeschi -, l’Olimpia Milano piega senza patemi l’Alba Berlino (senza l’ex Fontecchio ed Eriksson) 75-55 al Forum di Assago, prima sfida della settimana nella massima competizione europea per club del’Ax alla quale farà seguito quella casalinga (giovedì 3 dicembre alle 20.45) contro il Panathinaikos Atene.

Partita alla quale l’Armani arriva dopo una prestazione solida, a tratti sontuosa in difesa e con un'ottima circolazione di palla che ha annichilito i tedeschi, partiti bene e poi demoliti fino al 75-55 finale dalla truppa di coach Ettore Messina.

 

Milano conquista così il terzo successo europeo consecutivo (6-3 il record complessivo), con una prestazione solida e grazie alle buone prove offensive di Rodiguez (12 con 5 assist), LeDay, Punter e Shields, oltre al “solito” Delaney.

 

Olimpia Milano - Alba Berlino  75-55

Parte meglio l’Alba che vola subito sul 2-6, ma Milano non si scompone grazie al solito Delaney e sorpassa con Brooks. Berlino si riporta avanti, sembra in grado di opporre degna resistenza e conduce 11-13 a metà primo quarto, prima che l’Olimpia stringa le maglie in difesa trovando punti da Punter e Hines per il 19-13 interno alla prima sirena.

 

Il parziale dell’Armani si dilata fino al 16-0 in avvio di secondo quarto con LeDay a dare un ottimo contributo in uscita dalla panchina. L’Alba non vede letteralmente il canestro per oltre 7’ e Milano allunga ragiungendo il +14 (27-13).

 

I tedeschi provano a svegliarsi con un mini break di 0-4, complice una colossale dormita difensiva di Punter.  Micov, però, sblocca nuovamente Milano che ristabilisce le distanze con Datome - al rientro dopo 3 settimane di stop -  grazie a una difesa perfetta capace di forzare ben 11 perse (e 11 triple sbagliate) a metà gara, volando  sul +16 (36-20) autografato da una tripla di Rodriguez a 1’20”  dalla pausa lunga.

 

Siva tampona l'emorragia dalla lunetta, l’Olimpia non si scompone, il “Chacho” sale in cattedra e l’Armani chiude sul + 20 (42-22) dopo due canestri di Shavon Shields al rientro negli spogliatoi, aggrappata a una difesa sempre più intensa che concede quasi un punto al minuto ad un confusionario Alba Berlino.

 

Siva al rientro sul parquet sbaglia ancora dalla media ma si rifà recuperando palla sulla rimessa per regalare 2 comodi punti a Lammers. Delaney replica e ne mette 5 filati per il 47-24. L’Alba non trova il bandolo della matassa. la difesa meneghina è impenetrabile, mentre Punter continua a produrre (3/3 dal campo e 11 punti) e Milano doppia i tedeschi (49-24) dopo 2’30” del quarto con i titoli di coda “in rampa di lancio”.

 

Berlino piazza un altro 0-4 in uscita dal doveroso timeout, Punter ferma subito le timide velleità ospiti dalla lunetta e l’Olimpia conserva venticinque lunghezze di vantaggio (53-28) a metà quarto dopo un pregevole jumper dall’angolo di LeDay.

 

Shields buca la retina dalla lunga, poi arriva il massimo vantaggio dei padroni di casa sul +27 con 3' sul cronometro del quarto (61-34). L’Alba quantomeno non si scioglie ma a 10’ dal termine Milano ha la vittoria in mano con Rodriguez “al comando” (64-41): i titoli di coda partono nonostante Messina si arrabbi e non poco per alcune leggerezze di troppo dei suoi uomini.

 

L’Olimpia si rilassa un po’, i tedeschi provano ad approfittarne per ridurre il divario, ma Milano amministra senza patemi e a 5’ dal termine conduce ancora di 21 (69-48) dopo una tripla del solito Punter su assist di Brooks. L’Armani chiude imponendosi 75-55 dopo aver dominato l’Alba Berlino, concedendo ai tedeschi un misero 20% da 3 (5/24 ) e un pessimo 15/38 da due, oltre a forzare 17 palle perse.
 

Risultato Olimpia Milano-Alba Berlino: 75-55

Il tabellino

Parziali singoli quarti: 19-13, 23-9, 22-19, 11-14.

 

Olimpia Milano: Punter 14, Leday 12, Micov 5, Moraschini, Roll 2, Rodriguez 12, Delaney 9, Tarczewski 3, Shields 7, Hines 5, Brooks 3, Datome 3. All.: Ettore Messina.


Alba Berlino: Lo 11, Siva 11, Delow 2, Giffey 2, Mattisseck 3, Schneider 2, Nikic ne, Olinde 8, Thiemann 6, Granger, Sikma 6, Lammers 4. All.: Aito Garcia Reneses.

I più visti

Leggi tutto su Sport