TimGate
header.weather.state

Oggi 12 agosto 2022 - Aggiornato alle 11:00

 /    /    /  Basket, Europei 2022: Banchero salterà i due match in Estonia
Basket, Europei 2022: Banchero salterà i due match in Estonia

Il CT della Nazionale Romeo Sacchetti- Credit: Simone Lucarelli / Fotogramma

QUALIFICAZIONI EUROPEI 2022 24 novembre 2020

Basket, Europei 2022: Banchero salterà i due match in Estonia

di Redazione

La promettente ala forte classe 2002 ha preferito restare negli Usa: un familiare accusa sintomi assimilabili al Covid

La nazionale italiana di pallacanestro, dopo la convocazione di 16 giocatori in vista della doppia sfida per le qualificazioni agli Europei 2022 nella “bolla” in Estonia contro Macedonia del Nord e Russia, ha perso un pezzo. Il talentino italo-americano Paolo Banchero, infatti, non si è presentato al raduno della Italbasket lunedì 23 novembre a Roma con il CT, Meo Sacchetti, che ha convocato Leonardo Totè al suo posto. Tra i 16 azzurri, di cui 12 voleranno alla volta di Tallinn mercoledì 25 novembre per disputare i due match con l’Italia già qualificata alla manifestazione in quanto Paese ospitante, non ci sarà dunque la promettente ala forte classe 2002 di Seattle, costretto a rinunciare all’ultimo minuto a causa di una leggera influenza di un familiare che ha consigliato a Banchero di non imbarcarsi dagli Usa con destinazione Roma in via precauzionale.

 

18enne di Seattle resta negli States per precauzione. Al suo posto convocato Leonardo Totè. Azzurri in raduno da oggi a Roma. Sabato contro la Macedonia del Nord la prima sfida nella “bolla” per le qualificazioni all’Europeo 20220

 

“Mi dispiace davvero non poterci essere e non vedo l’ora di avere una nuova opportunità per vestire la maglia azzurra. Faccio un grande in bocca al lupo alla squadra per le partite in Estonia” le parole di Banchero dopo la decisione.

 

Ad ogni modo, presa la cittadinanza italiana, il futuro gioca a favore del 18enne di Seattle, Che avrà modo di rifarsi nei prossimi match del girone di qualificazione degli azzurri per mostrare lampi di quel talento cristallino ancora da sgrezzare capace di catalizzare l’attenzione di molti addetti ai lavori, anche oltreoceano.