Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 30 novembre 2020 - Aggiornato alle 09:30
Live
  • 09:00 | Qual è stato il primo prodotto di bellezza?
  • 06:08 | Il Napoli vince nel nome di Maradona: 4-0 alla Roma
  • 06:00 | I titoli dei giornali di lunedì 30 novembre
  • 23:54 | Ecco la task force che gestirà il Recovery Fund in italia
  • 23:31 | La classifica delle città in cui si vive meglio nel 2020
  • 21:45 | David Lynch lavora a una nuova serie tv (per Netflix)
  • 21:20 | L'omaggio del San Paolo prima di Napoli-Roma
  • 21:13 | Chi è Arianna Gianfelici e perchè è stata sospesa da Amici
  • 20:00 | Cagliari-Spezia 2-2, Nzola riaggiuanta i sardi al 96'
  • 19:48 | F1 in Bahrein: Grosjean è salvo, ma che paura!
  • 19:31 | Il commosso omaggio di Lionel Messi a Maradona
  • 19:24 | Cesare Cremonini e la schizofrenia: "Così mi sono salvato"
  • 19:10 | Operazione Risorgimento Digitale: "Verso l’eccellenza digitale"
  • 18:49 | Ancora un rapper ucciso negli Usa, chi era Lil Yase
  • 18:30 | Dove trascorrerà il Natale la regina Elisabetta?
  • 18:14 | Com'è "Love Not War", il nuovo singolo di Jason Derulo
  • 17:35 | Federica Laviosa: chi è e che lavoro fa l'ex di Piero Chiambretti
  • 17:30 | Covid-19, calo dei decessi in Italia: 541 in 24 ore
  • 17:25 | Come si fa il riso soffiato in casa: la ricetta
  • 17:07 | Sotto inchiesta il medico personale di Maradona
Basket, Serie A: la Virtus Bologna cade in casa contro Reggio Emilia - Credit: Tommy Bodreau / Unsplash
BAKET LBA UNIPOLSAI SERIE A 2020-2021 18 ottobre 2020

Basket, Serie A: la Virtus Bologna cade in casa contro Reggio Emilia

di Federico Bandirali

Seconda sconfitta interna per la Segafredo. Baldi Rossi fa valere “la legge dell’ex” mettendone 18

Nel derby emiliano della quarta giornata del campionato di basket LBA UnipolSai Serie A 2020/2021 la Virtus Bologna cade ancora tra le mura amiche perdendo contro l’Unahotels Reggio Emilia 67-77 e allunga a due la striscia di sconfitte consecutive in campionato dopo l’inatteso k.o contro la Vanoli Cremona della terza giornata.

Gli uomini di coach Martino, reduci dalla sconfitta di misura contro Brindisi, devono molto a Taylor (19) e  Bostic (17) - rebus irrisolvibili per le V-Nere - e ad un’ottima difesa, capace di imbrigliare un opaco Milos Teodosic lasciando spazio a un “Pippo” Ricci in versione lusso (18 con 8/10 dal campo) e a Julian Gamble.

 

I due sono gli unici uomini in doppia cifra tra quelli a disposizione di coach Djordjevic, con il secondo che come contrappeso ha fatto registrare un -18 di plus/minus nei 24’ sul parquet. Dato pessimo – “superato” solo da quello di Teodosic (-20 con lui in campo) – ed esplicativo delle difficoltà dei felsinei più di mille parole.

 

Antimo Martino, scaricato dai "cugini" della Fortitudo, può invece sorridere anche per la vittoria e per l’ottima prova di Filippo Baldi Rossi, caldissimo dal campo con 18 punti conditi da 7 rimbalzi e 3 recuperi nella più classica delle “vendette” dell’ex di turno.

 

Segafredo Virtus Bologna – Unahotels Reggio Emilia 67-77

Il derby si apre nel migliore dei modi per la Virtus, che trova un Pippo Ricci ispiratissimo sin dalla palla a due e autore di 9 punti nel break interno di 12-0 che sembra indirizzare l’esito del match dopo pochi minuti. Taylor si carica sulle spalle l’attacco di Reggio, ma la Segafredo fa il bello e il cattivo tempo nel verniciato difendendo alla grande, con il primo errore dal campo della Virtus che arriva dopo 5’30” di partita.

 

Tutto facile e discorso chiuso? Nemmeno per idea. La Virtus sembra in controllo, ma dopo il primo errore inizia a vedere il canestro sempre più piccolo con l’Unahotels che non si fa certo pregare e ricuce fino al 24-18 della prima sirena.

 

Adams prova a mettersi subito in partita con la tripla del +9, ma Baldi Rossi è rovente e sale in doppia cifra già in avvio di secondo quarto. Gli ospiti, superata la mareggiata iniziale, sono mentalmente nel match. Kyzlink e Talyor si mettono in proprio e, a dimostrazione di quanto detto, mettono a referto i punti del -2 ospite (31-29), son lo stesso Taylor dall’arco a regalare ai suoi il primo vantaggio di serata. Girata l’inerzia, le squadre rientrano negli spogliatoi sul 42-44 con la partita riaperta definitivamente.

 

Al rientro sul parquet è sempre Ricci a sbloccare la Segafredo. Taylor non ci sta e risponde con una tripla mentre, per entrambe le squadre, il canestro diventa tabù e si segna con il contagocce, con Reggio sempre avanti di misura ma incapace di andare in fuga. Adams, oggetto misterioso, completa la rimonta della Virtus segnando dall’arco per il 57-56 alla penultima sirena, ma il suo è un lampo in una serata no alla quale si aggiungono quelle da dimenticare di Teodosic e Markovic.

 

Il quarto conclusivo si apre con un parziale esterno di 0-4 che vede Candi protagonista, poi Bostic scalda la mano dall’arco e buca per due volte la retina dando il +8 a Reggio (59-67), con la Segafredo alle corde come un puglie suonato. Il k.o da tecnico diventa materiale, la Virtus non ha più risposte per tornare in partita e cede, senza nemmeno lottare, 67-77 agli uomini di Martino.

 

I felsinei perdono così altri due punti dalla capolista Milano che, al solito, ha letteralmente passeggiato al Forum di Assago battendo senza difficoltà la Virtus Roma. Pessima notizia per le V-Nere, con la netta sensazione che per tornare a stupire come nella scorsa stagione la Segafredo abbia un disperato bisogno di mettere mano al roster intervenendo, al più presto, sul mercato.

Il tabellino

Virtus Bologna: Abass 4, Ricci 18, Gamble 13, Nikolic N.E, Markopvic 0, Teodosic 9, Alibegovic 7, Weems 2, Hunter 4, Adams 6, Abass 4, Tessitori 4. All.: Djordjevic.

 

Reggio Emilia: Bostic 17, Kyzlink 10, Blums 0, Bonacini 0, Talyor 19, Diouf 0, Giannini ne, Baldi Rossi 18, Candi 7, Porfillo ne, Elegar 3, Johnson 3. All.: Martino.

I più visti

Leggi tutto su Sport