Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 27 luglio 2021 - Aggiornato alle 17:22
Live
  • 17:16 | Il nuovo progetto della Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia
  • 17:15 | Covid, i dati del 27 luglio: aumentano contagi e ricoveri
  • 17:04 | L’esplosione a Leverkusen, in Germania
  • 16:32 | La medaglia di bronzo della spada femminile a squadre
  • 14:35 | Camila Giorgi non si ferma più: è ai quarti di finale!
  • 14:14 | Covid, così aumenta il rischio per i non vaccinati
  • 13:55 | In che senso le due Coree hanno ripreso a parlarsi
  • 13:41 | Scuola, l'obbligo vaccinale è sempre più verosimile
  • 13:04 | Ancora un successo per le azzurre del volley
  • 11:49 | Lazio, c’è l’autocandidatura di Shaqiri
  • 11:30 | La concorrenza nei servizi pubblici: ancora una riforma del governo Draghi
  • 11:13 | Caos Tunisia, il presidente Saied: 'Questo non è colpo di Stato'
  • 10:15 | Pallanuoto, grande rimonta del Settebello con la Grecia
  • 10:09 | Pellegrini nella storia: quinta finale olimpica come Phelps
  • 10:03 | Naomi Osaka perde a sorpresa, eliminata dalle Olimpiadi
  • 01:00 | I vaccini obbligatori per i docenti e le altre notizie sulle prime pagine
  • 22:10 | Aperta la Bourse de Commerce - Collection François Pinault a Parigi
  • 20:02 | Tunisia, il Parlamento: le decisioni del presidente sono 'nulle'
  • 18:43 | Scherma: chi è Daniele Garozzo, medaglia d’argento nel fioretto
  • 17:20 | Francia, i vaccini obbligatori per il personale sanitario
Basket, finale scudetto 2021 Virtus-Milano: le pagelle di gara 4 La festa dei giocatori della Virtus Bologna - Credit: Gianni Schcchi / Fotogramma
BASKET LBA SERIE A FINALE SCUDETTO 2021 12 giugno 2021

Basket, finale scudetto 2021 Virtus-Milano: le pagelle di gara 4

di Simone Colombo

Bologna campione d'Italia dopo 20 anni, partita dominata dal duo Belinelli-Weems

La Virtus Bologna, confermando quanto lasciato intuire nei primi tre episodi della serie di finale scudetto della LBA 2020/2021, non ha fallito il primo match point riportando il tricolore in bacheca – il 16° nella storia del club – a 20 anni di distanza dall’ultima volta.

Festa grande per i neo campioni d’Italia, e solo bocconi amari per l’Olimpia Milano, rivale storica partita con i favori del pronostico ma annichilita sul campo da una Segafredo perfetta e spietata, anche nella decisiva gara 4.

 

Virtus Bologna: 7

Weems: 8

Protagonista assoluto di tutta la serie, in difesa morde come un mastino e in attacco spara triple di peso specifico importante. Non è bello da vedere come Teodosic, ma una fetta di scudetto è sua. Leader silente.

Abass: 6

In attacco non incide, in difesa sì. Partite migliori molte, ma non era necessario facesse altro.

Alibegovic: 6.5

Difesa, attacco, sfrontatezza, e futuro in crescendo. Il figlio di Teo, idolo dell’altra sponda di “basket city”, fa centro al primo colpo. E pensare che avrebbe potuto giocare la finale con la canotta degli avversari…

Belinelli: 8

Ci mette difesa, triple e giocate preziose. Teodosic non produce? Ecco il “Beli”, e d’altronde era tornato dall’NBA per questo.

Markovic: 6.5

Parte forte, poi sfodera la consueta regia impeccabile a cui si somma una fase difensiva da leader.

Pajola 7,5

Fa un po’ tutto, compreso rubare palloni a raffica. La sua energia è contagiosa, Milano non ha risposte e lui domina in lungo e in largo. Pensando ai margini di miglioramento, può davvero diventare un fattore sempre ad altissimi livelli.

Gamble 5,5

Hines si sveglia e lui soffre, ma in difesa tiene e quantomeno non sbraca. Zero punti, ma uno scudetto vale sicuramente di più.

Ricci: 6

Dopo due partite da fenomeno, a Bologna torna umano salvo far partire i titoli di coda mandando a bersaglio la tripla che chiude i conti dopo un assist al bacio di Teodosic.

Hunter: 6

Come Gamble, soffre Hines ma quantomeno in difesa si fa sentire. E non serviva altro.

Teodosic: 6

Partita normale, pessima al tiro, ma da vero fuoriclasse. Produce per i compagni, poi spacca la partita con la tripla in chiusura di terzo quarto che manda Bologna in paradiso.

 

Olimpia Milano: 5,5

Hines: 7

Dopo essere andato sotto in due episodi, prova a riscattarsi e ci riesce ma predica nel deserto.

Rodriguez: 3

Deleterio, non segna nemmeno in una vasca da bagno e la regia è quantomeno rivedibile, Da campione navigato ci prova comunque, ma gli esiti sono quantomeno rivedibili.

LeDay: 4

Messina lo ha escluso dai 12 in gara 3, e il lungo statunitense ha accusato il colpo psicologico rientrando senza produrre nulla. Pesce fuor d’acqua, rispetto al secondo episodio rifugge le responsabilità offensive e difensive.

Punter: 5

Tiri complessi, forzature, difesa sui generis. Dopo una stagione convincente, contro la sua ex squadra crolla. Ma con una Milano così in crisi, fare altro era difficile.

Shields: 6

Insiste fino a quando c’è speranza, e ha il merito di essere l’ultimo a mollare lasciando il tiro dalla lunga ad altri per attaccare, con profitto, il ferro.

Brooks: s.v.

Lascia Milano senza squilli, e in tre anni non se ne sono visti molti. Il passaporto è cambiato, ma anche lui è lontano parente del giocatore visto a Cantù e Sassari.

Micov: 4

In gara 3 era stato l’arma a sorpresa, nell’atto conclusivo (anche della sua avventura milanese?) marca visita. Come nel resto della stagione.

Biligha: 6

Cuore e grinta, salti e rimbalzi, ma il talento è limitato e si vede.

Datome: 5.5

Parte forte, poi pian piano scompare dal match soffrendo nel duello contro Belinelli.  

Cinciarini: 6

Arma della disperazione, non lesina abnegazione e ci mette tutto. Ma ha poco senso proseguire un matrimonio da separati in casa.

I più visti

Leggi tutto su Sport