TimGate
header.weather.state

Oggi 07 ottobre 2022 - Aggiornato alle 21:00

 /    /    /  L’idea di Magic Johnson: 'Ritiriamo la 6 di Bill Russell dalla NBA'
Idea di Magic Johnson: 'Ritiriamo la 6 di Bill Russell dalla NBA'

Bill Russell- Credit: Ron Sachs / ipa-agency.net / Fotogramma

BASKET NBA03 agosto 2022

Idea di Magic Johnson: 'Ritiriamo la 6 di Bill Russell dalla NBA'

di Federico Bandirali

L'ex stella dei Lakers rilancia con un tweet la 'modalità' per omaggiare il giocatore più vincente di sempre

La morte improvvisa del leggendario Bill Russell non è stata certo facile da mandare giù per tutti gli appassionati di basket e non solo, visto che nell'ultimo giorno di luglio del 2022 si è spento il giocatore più vincente di sempre e non solo, visto che per sua stessa ammissione quando condusse i Boston Celtics alla vittoria di 11 titoli NBA (su 12 finali, di cui 2 da allenatore/giocatore in 13 anni di carriera) non lo ha fatto per il tifosi dei biancoverdi, in anni nei quali il razzismo era la norma negli Usa, ma per la squadra in sé e per i compagni.

 

- LEGGI ANCHE - La morte di Bill Russell, il giocatore più vincente della storia Nba

 

Un personaggio capace, anche a carriera conclusa, di entrare nell'immaginario collettivo come un 'unicum' irripetibile, uomo capace di segnare una svolta in campo con il suo modo di giocare e fuori con le sue tante battaglie civili.

 

Difficile dunque trovare la giusta commemorazione per una figura di questo calibro, o quantomeno un gesto che possa simboleggiarne la grandezza. Per dare un suggerimento in questo senso si è scomodata un'altra leggenda del basket a stelle e strisce, che in una carriera troncata dall'HIV ha scritto comunque altre pagine indelebili dando vita all'epico duello proprio contro Boston, ai tempi di 'Larry Bird': Magic Johnson.

 

'Il commissioner Adam Silver dovrebbe ritirare la maglia numero 6 da tutte le squadre, in onore dell'eredità di Bill Russell', ha infatti suggerito Magic in quella che sarebbe una prima assoluta per l'NBA, dove solitamente spetta alle franchigie e non alla Lega ritirare i numeri dei giocatori che hanno scritto la loro storia.

 

Ma i precedenti, tanto nel baseball con il ritiro del numero 42 indossato da Jackie Robinson, primo giocatore di colore della MLB e quindi segno di un'altra svolta epica, quanto nell'hockey su ghiaccio con il ritiro dalla NHL del numero 99 di Wayne Gretzky, miglior marcatore della storia del gioco.

 

Vero anche che Bill Russell non è l'unico numero 6 che ha scritto pagine indelebili nella NBA. Dopo di lui, negli anni '50, fu infatti la volta di Neil Johnston, campione nel 19566 con i Philadelphia Warriors ed MVP nelle tre annate precedenti.

 

Poi, sempre a Philadelphia ma col nome di 76ers, venne il turno di Julius Erving, ovvero 'Doctor Jay', fino alle pagine recenti scritte da Lebron James che con la numero 6 ha vinto giocando a Miami, e che usa ancora quel numero ai Lakers con i quali, nel 2020, ha centrato il quarto titolo in carriera arricchendo un palmares in cui ci sono 2 ori olimpici conquistati a Pechino 2008 e Londra 2012, 4 nomine ad MVP della regular season e altrettante delle Finals.

 

Nulla a che vedere, però, con il palmares e la carriera, anche fuori dai parquet, di Bill Russell, che degli 11 anelli se ne mise al dito 8 consecutivamente per entrare dritto nella Hall of Fame di Springfield quale giocatore e migliore centro nella propria metà campo di sempre nel 1975, per poi entrarci anche nel 2021 ma come allenatore.

 

Difficile che il Commissioner, Adam Silver, accolga la richiesta di Magic Johnson e, come in altre leghe professionistiche di sport statunitensi, vada oltre le regole. Difficile, appunto, ma non impossibile. Anche perché una figura come quella di Bill Russell, giocatore più vincente della storia NBA e non solo, merita qualcosa di davvero speciale per omaggiare a dovere la triste scomparsa dell’uomo che, per primo, ha cambiato il gioco.