TimGate
header.weather.state

Oggi 02 ottobre 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Italbasket, Petrucci: “Quando l'Italia chiama si deve rispondere”
Italbasket, Petrucci: “Quando l'Italia chiama si deve rispondere”

Il presidente della FIP Gianni Petrucci- Credit: Simone Lucarelli / Fotogramma

BASKET - NAZIONALE21 giugno 2022

Italbasket, Petrucci: “Quando l'Italia chiama si deve rispondere”

di Samuele Ghidini

Il presidente della Federbasket con il nuovo CT Pozzecco torna sulle rinunce alle convocazioni: d’ora in poi “pugno duro”

Dopo che il nuovo CT dell’Italbasket, Gianmarco Pozzecco, ha dichiarato: “I big? Nessun no, al massimo qualche nì,  ci risentiremo” al primo giro di convocazioni, il presidente della Federazione Italiana Pallacanestro Gianni Petrucci, intervistato da “La Nuova Sardegna” è tornato su un argomento – ovvero le convocazioni in Nazionale dei migliori giocatori italiani – che da tempo lo infastidisce.

 

“Non esiste dire che una squadra concede i giocatori - ha detto-. È un diritto della Federazione, sulla base delle convocazioni del Commissario tecnico della Nazionale, chiamare chi ritiene opportuno. E se questi giocatori non vengono in Nazionale i regolamenti ci sono e noi adotteremo i provvedimenti del caso. Ovviamente, fanno eccezione gli infortunati. Ma il termine ‘concedere’ non esiste, finora l’ho sopportato ma evidentemente siamo stati deboli, e in futuro non lo saremo più. Poi sarà Pozzecco a fare le sue valutazioni e decidere chi chiamare".

 

Un modo per dire, nemmeno tra le righe, che se i nì diventeranno no quando conterà davvero, la FIP si attiverà per tutelarsi e sospendere i rinunciatari adottando la linea dura senza transigere.

 

Petrucci ha parlato anche della rimodulazione di tutti i campionati: “Era fisiologico, ne ho parlato con tutte le parti e la proposta è passato con l'accordo di tutte le componenti - spiega -. Se qualcuno dice di non essere d’accordo sostiene il falso, perché tutte le componenti hanno partecipato”. Dopo il periodo più buoi causa pandemia da Covid-19, “questo campionato è andato benissimo. nel bilancio federale ci avevamo rimesso 15 milioni ma ora stiamo recuperando. Abbiamo avuto 70.000 spettatori totali nella serie di finale, stiamo crescendo".