Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 20 settembre 2020 - Aggiornato alle 18:46
Live
  • 18:46 | Cambiano le sedi delle partite della Nazionale
  • 18:38 | Monster Truck Championship: arrivano i colossi su quattro ruote
  • 18:33 | Fiumicino è il miglior aeroporto nella lotta al Covid-19
  • 18:25 | Il messaggio lanciato da Justin Bieber nel video di "Holy"
  • 18:00 | Il convincente esordio del Genoa di Maran
  • 17:16 | Pioli: 'Abbiamo un'identità. Avere pressioni è un privilegio'
  • 17:13 | Genoa-Crotone 4-1, volano i rossoblù di Maran
  • 17:08 | Amore al tempo del Covid: Dua Lipa canta le "New Rules" da seguire
  • 16:31 | MotoGP 2020, Vinales ha vinto il GP dell’Emilia Romagna a Misano
  • 16:21 | Chris Cornell, spunta una versione inedita di "Only These Words"
  • 15:52 | Perché in Italia si vota nelle scuole e non altrove
  • 15:34 | Ricetta grissini
  • 15:19 | Thom Yorke si è sposato in Sicilia, ecco le foto delle nozze
  • 15:15 | “Suburra 3” sarà disponibile su Netflix dal 30 ottobre
  • 13:51 | Playoff Nba: Boston stende Miami in Gara 3 e riapre la Finale ad Est
  • 13:15 | Decorare casa con i poster: consigli per non commettere errori
  • 11:50 | Le misure sanitarie per il referendum e le elezioni
  • 10:16 | L'arrivo di Vidal all'Inter
  • 10:11 | Su Disney+ arriverà la serie tv Marvel “She-Hulk”
  • 09:00 | Antonia Liskova attrice e compagna di Gabriele Guidi
Basket, Datome a Milano “per vincere con una squadra italiana” Luigi "Gigi" Datome durante la presentazione ufficiale Olimpia (3 agosto) - Credit: Duilio Piaggesi / Fotogramma
BASKET 4 agosto 2020

Basket, Datome a Milano “per vincere con una squadra italiana”

di Federico Bandirali

Il nuovo arrivato in casa Armani presentato ufficialmente: “Pronto per una nuova sfida, qui per tanti motivi”

Il capitano della nazionale ed ex Fenerbahçe, dopo 5 stagioni in Turchia sotto la guida di coach Obradovic ricche di soddisfazioni e successi, inclusa l'EuroLega, il 3 agosto dopo una seduta di allenamento della sua nuova squadra, l’Olimpia Milano di Ettore Messina, si è presentato al popolo milanese pronto ad affrontare la nuova sfida.

La presentazione ufficiale dell’ala dell’Ax si è svolta all’Armani Teatro di Milano, con il General Manager, Christos Stavropoulos, a consegnarli la sua nuova canotta biancorossa numero 70. “Oggi è un giorno importante per l’Olimpia, ricominciamo ufficialmente la stagione. Voglio dare il benvenuto a Gigi Datome: ha tutte le caratteristiche di leadership, esperienza e atletismo che potranno servire alla nostra squadra e che cercavamo, e lui del resto è venuto con grande entusiasmo”, ha affermato l’ex GM dell’Olympiacos.

 

- LEGGI ANCHE - Basket, Datome è ufficialmente un nuovo giocatore dell’Olimpia Milano

 

Datome: “Qui per tanti motivi, voglio vincere con una squadra italiana”

Parole colte letteralmente al balzo dal nuovo arrivato in casa Armani, dopo aver firmato un triennale con il club meneghino: “Sono tanti i motivi che mi hanno portato qui, adesso sotto con il lavoro. Milano in questi anni è cresciuta molto, sotto tutti i punti di vista come società, ambizioni, struttura. Avevo sempre dentro di me la voglia di vincere con una squadra italiana: Armani, Olimpia, Milano, rischio magari di andare sul retorico. C’è Ettore Messina come coach, ci sono compagni di squadra di altissimo livello, insomma i motivi sono tanti. Dobbiamo essere pronti per tutto, dobbiamo saper gestire, il roster doveva essere di 15 giocatori viste le esigenze tra campionato ed Eurolega”.

 

Le trattative e gli obiettivi

L’azzurro ha poi descritto il percorso che lo ha portato alla corte di coach Messina e della lunga trattativa: “L’ho vissuta bene, volevo lasciare un club a cui ero molto legato - e che ringrazio – nel modo ‘giusto’. per uscire nel modo giusto. C’erano dei tempi da aspettare, sapevo che si sarebbe fatto perché c’era intenzione, non avevo alcuna fretta. Sono contento che tutto sia stato fatto nella maniera corretta”,

 

Tornare in Italia diverso dal ritorno in Europa

Datome ha quindi marcato le similitudini, ma soprattutto le differenze, tra il rientro in Europa dall’avventura nell’Nba e quello in Italia: “Dopo l’esperienza in Nba cercavo una situazione e condizioni di gioco che mi permettessero di competere per obiettivi prestigiosi, e quello che è successo in Turchia spero avvenga anche adesso”.

 

Di certo, il capitano azzurro ha accumulato quell’esperienza al vertice necessaria per alzare l’asticella dell’Olimpia, e dall’altro della sua maturità ne è consapevole: “Secondo me ogni giocatore deve portare al club il proprio bagaglio di esperienza. Gli anni con il Fenerbahçe mi hanno insegnato molto, spero di aiutare la squadra ad arrivare ad alto livello, dove conta anche il ‘vissuto’”.

 

Il lungo stop utile per allenarsi al meglio

Il 32enne natio di Montebelluna ma sardo d’adozione, ha chiarito come il lungo stop abbia inciso sul suo fisico: “Ho visto in questa estate l’opportunità di lavorare sul mio corpo come mai fatto prima visti gli impegni con la Nazionale e l’ho fatto, spero di trarne benefici. Ora sono contento di allenarmi col gruppo perché ero stanco di allenarmi da solo”.

 

La pandemia vista dall'estero: "Situazione particolare"

Ovviamente, ad un cestista capace di affrontare temi complessi, sorge spontaneo domandare come ha percepito l’Italia dall’estero, e come abbia vissuto la pandemia da lontano non solo in ambito sportivo: “Viviamo una situazione storica particolare, la speranza è che la pallacanestro nel suo piccolo possa aiutare la gente a pensare ad altro e faccia divertire le persone. Da fuori come la vedevo? Un bellissimo posto, tutti adorano l’Italia. Per quanto riguarda il basket, il campionato aveva perso appeal con budget risicati, ma dal 2019 il livello si è alzato e si alzerà ancora, credo, anche quest’anno”.

 

Anche perché, come rammentato da Datome, “la passione non è mai venuta meno e me la ricordo bene”.

Leggi tutto su Sport