Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 21 ottobre 2020 - Aggiornato alle 12:54
Live
  • 12:28 | Islanda-Italia Under 21 si recupera il 12 novembre a Reykjavik
  • 12:26 | Europa League, Az Alkmaar partita per Napoli
  • 12:24 | Uefa, cancellati gli Europei Under 19 in Irlanda del nord
  • 12:00 | Fiorentina, Commisso dà ancora fiducia a Iachini
  • 11:53 | Chi era Gene Deitch, regista di Tom & Gerry
  • 11:40 | Tenere aperte le finestre a scuola aiuta davvero a disperdere il virus
  • 11:16 | Dua Lipa: in arrivo un nuovo singolo, alcuni duetti e una sorpresa per i fan
  • 11:14 | La presentazione di Hauge e Dalot al Milan
  • 11:00 | Roger Federer mette nel mirino gli Australian Open
  • 11:00 | I 57 Cavalieri della Repubblica nominati da Mattarella
  • 10:11 | La bella vittoria della Lazio sul Borussia Dortmund
  • 09:52 | La vittoria della Juventus a Kiev
  • 09:46 | "Ma Rainey's Black Bottom", l’ultimo film di Chadwick Boseman
  • 09:00 | “The Theory Of The Absolutely Nothing” è l’album di debutto di Alex the Astronaut
  • 09:00 | Che fine hanno fatto i Righeira?
  • 09:00 | Come calcolare classe energetica di casa
  • 09:00 | Come si formano i buchi neri
  • 09:00 | Citazioni per biografia Instagram
  • 09:00 | Perché gli italiani gesticolano tanto?
  • 09:00 | Chi ha inventato la scuola
Basket, Serie A 2020/2021: i top e flop della prima giornata Andrea Pecchia - Credit: Matteo Cogliati/PACIFIC P/SIPA / IPA / Fotogramma
BASKET UNIPOLSAI SERIE A 2020-2021 29 settembre 2020

Basket, Serie A 2020/2021: i top e flop della prima giornata

di Federico Bandirali

Promossi e bocciati del primo atto stagionale: Scola sempre “General”, esordio da incubo per Cremona

TOP: i promossi

Virtus Roma: partenza con il botto per la formazione capitolina, capace di battere contro ogni pronostico la Fortitudo Bologna nel primo match stagionale.

Notevole la prestazione di Dario Hunt al ritorno in Italia. L’ex Brescia si è fatto beffe sotto le plance di Ethan Happ, non esattamente l’ultimo arrivato, mettendo a referto 24 punti (con 11/12 da 2), 9 rimbalzi e 2 stoppate. Il tutto senza errori dalla lunetta, vero problema del nuovo centro della Virtus Roma nelle passate stagioni.

 

Luis Scola: 40 anni e non sentirli. Chiusa l’esperienza a Milano, “El General” ha scelto Varese per continuare il percorso di avvicinamento ai giochi Olimpici di Tokio con la sua Argentina. Non potendo reggere il doppio impegno settimanale, Scola ha quindi traslocato di pochi chilometri, e i risultati sono più o meno gli stessi. Difficoltà in difesa, ma anche il carisma e il Q.I. cestistico giusti per incidere nei momenti chiave. E nella vittoria all’overtime su Brescia, questo è quanto fatto dal lungo ex NBA. 23 punti, 11 rimbalzi, e tante giocate fondamentali per regalare a coach Bulleri la vittoria all’esordio su una panchina di Serie A. Eterno.

 

David Logan: non esattamente un ragazzino, come Scola, Eppure Logan, al terzo anno con a Treviso, ha dimostrato una volta di più di essere giocatore a dir poco affidabile nei momenti caldi. Trento sprofondata a -14, stava riaprendo il match e a poco meno di 6’ dal termine era sul +7. La scintilla giusta per innescare Logan, che a 38 anni suonati si è acceso regalando il successo alla truppa De’Longhi. 17 punti, 3 assist, e tante giocate da leader vero che non finiscono nel tabellino.

 

Flop: i bocciati

Cremona: nessuno si aspettava miracoli dopo l’iscrizione in extremis al campionato di Serie A. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, per la Vanoli sarà una stagione lunga e avara di soddisfazioni. Perdere all’esordio ci stava, ma il come non lascia per nulla sereni. In 20’ minuti Trieste ha spedito i lombardi sul -20, nei 10’ del terzo quarto li ha seppelliti (81-47 al 30’), e in quello conclusivo a permesso a Cremona di limare il gap, con una sconfitta di 25 punti che non è comunque accettabile. Anche perché 102 punti subiti sono segno di poca applicazione difensiva, e non è un fattore dovuto al budget.

 

Fortitudo Bologna: deludente Banks, certo, ma in generale la Effe ha steccato la prima oltre ogni aspettativa. Attacco pessimo, circolazione di palla inesistente, e anche in difesa buchi clamorosi che hanno permesso alla Virtus Roma di banchettare allegramente. Coach Meo Sacchetti ha definito la prestazione come “imbarazzante”. La difesa, ovviamente, non è il punto forte di Bologna. Ma con un attacco così sterile la strada è più in salita di quanto ipotizzabile.

 

Andrea Pecchia: 0 punti in 27’ sul parquet nella larga vittoria della Virtus Bologna sulla “sua” Cantù, con tanti buchi in difesa che hanno permesso ad Abass e Pajola di approfittarne per punire i brianzoli. Ma a preoccupare, per un ragazzo atteso al salto di qualità, è lo scaricare le responsabilità sui compagni. Vero che la partita contro i felsinei era quasi una mission impossible, vero anche che prendersi solo 3 tiri dal campo è sintomo di eccessiva timidezza per una promessa della pallacanestro italiana. La stagione è lunga, certo, ma partire così non è certo un bel segnale.

Leggi tutto su Sport