Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 08 dicembre 2021 - Aggiornato alle 16:06
News
  • 11:14 | Addio Angela: in Germania inizia l'era Olaf
  • 10:54 | "La situazione pandemica in Europa è molto grave"
  • 10:46 | Ema ed Ecdc hanno approvato la vaccinazione eterologa
  • 10:36 | L’Atalanta sfida il Villarreal per gli ottavi
  • 10:24 | Sainz traccia il primo bilancio dopo un anno in Ferrari
  • 10:17 | Il monologo sugli uomini di Federica Pellegrini alle Iene
  • 10:15 | L’Europa e l’obbligo vaccinale
  • 10:01 | L’esonero di Luca Gotti
  • 09:23 | Partite così contro il Real possono far crescere l'Inter
  • 09:00 | Patrick Zaki sarà scarcerato ma non è stato assolto
  • 07:00 | Mattarella alla Scala, il vertice Biden-Putin e le altre notizie in prima pagina
  • 23:58 | Valentino Rossi e Tony Cairoli saranno ricevuti da Mattarella
  • 23:25 | Il Milan è fuori dall’Europa
  • 22:32 | Basket, EuroCup: la Reyer Venezia cede in casa contro il Valencia 67-81
  • 19:35 | Come vedere in tv tutte le partite della Serie A TIM, della Champions e molto altro
  • 18:30 | Bansky offre 10 milioni di sterline al carcere di Reading
  • 17:09 | Atalanta-Villarreal, Gasperini: 'Un solo obiettivo, vincere'
  • 17:08 | Allegri vara il turnover, poi 'priorità al campionato'
  • 17:00 | Covid, i dati del 7 dicembre: tasso di positività al 2,3%
  • 16:56 | Quattro opere d’eccezione per il Natale d’arte a Milano
Basket, la Virtus vince la Supercoppa 2021, Milano stesa 84-90 Marco Belinelli "alza" la Supercoppa 2021 - Credit: Simone Lucarelli / Fotogramma
BASKET SUPERCOPPA 2021 21 settembre 2021

Basket, la Virtus vince la Supercoppa 2021, Milano stesa 84-90

di Federico Bandirali

Le Vu Nere conquistano per la seconda volta il trofeo dopo 26 anni battendo meritatamente l’Olimpia. Pajola MVP

La Virtus Bologna ha vinto la Supercoppa italiana 2021 di basket battendo l’Olimpia Milano 84-90 nella finale delle Final Eight disputatesi alla Unipol Arena della città emiliana.

Sergio Scariolo, nuovo coach delle Vu Nere, allunga così la striscia vincente dei bianconeri sui meneghini dopo il 4-0 che è valso lo scudetto 2021 nella serie finale, regalando al suo nuovo club il trofeo per la seconda volta nella storia dopo quello conquistato nel 1995 dal compianto coach Alberto Bucci a cui sono seguite otto sconfitte nell’atto finale, inclusa quella del 2020 proprio contro i lombardi: rivincita centrata.

 

Bologna, priva di Mannion e Udoh (in cerca di un sostituto), ringrazia Jaiteh nel verniciato (19 e 9 rimbalzi) e il supporto fondamentale al francese dato da Alibegovic in una serata non da ricordare per il fin qui devastante Hervey.

 

MVP di serata, però, è il prodotto delle giovanili della Virtus Alessandro Pajola, sempre più convincente e autore di una prestazione da 14 punti, 3 rimbalzi e 7 assist e delle giocate risolutive. Bene anche Weems e un Teodosic spentosi un po’ alla distanza, con Alexander protagonista nel respingere la disperata rimonta milanese nel finale e un Belinelli silente ma autore di 9 punti pur senza segnare da 3.

 

Per Milano si salvano Shields, ultimo a mollare e top scorer di serata (19), e Sergio Rodriguez, cresciuto di minuto in minuto dopo un avvio di partita (e di stagione) quantomeno rivedibile, con Melli solido in attacco e a rimbalzo (10+10) ma in affanno nel contenere la fisicità di Jaiteh, oltre alla discreta prova del nuovo arrivato Devon Hall.

 

Male, invece, un impalpabile Datome e il trio Mitoglou-Hines-Delaney nonostante le statistiche collezionate, con il centro statunitense comunque commovente in difesa e il play ex Barcellona deleterio sebbene autore di 8 punti. Nulla di buono per Messina, vista la prestazione dei suoi alla prima partita “vera” di stagione e con l’Eurolega alle porte.

Olimpia Milano – Virtus Bologna 84-90

 

In contumacia Udoh Scariolo lancia in quintetto Jaiteh che risponde subito presente, Hines impatta poi Belinelli apre uno 0-8 chiuso da una tripla di Shields. Il lungo di Bologna domina nel verniciato e col sesto punto personale autografa il 5-12 al passaggio di metà quarto. La reazione di Milano è tanto improvvisa quanto veemente: Delaney non trema dalla lunetta, Mitoglou e Hall in uscita dalla panchina fanno subito male alla Virtus e con un controbreak di 9-0 l’Olimpia sorpassa (14-12).

 

Alibegovic dopo un timeout obbligato del tecnico bresciano riporta avanti le Vu Nere mettendone 4 in un amen, Rodriguez e Teodosic si iscrivono a referto con l’asso serbo a dare tre lunghezze di vantaggio a Bologna (20-23) alla prima sirena imbucando una tripla allo scadere.

 

Un Melli “attivo” in attacco, il solito Jaiteh e Mitoglou aprono il secondo quarto e con i lombardi che tornano a -1. Belinelli per gentile concessione di Moraschini fa 2/3 dalla lunetta poi Abass dilata il vantaggio bianconero, Melli non ci sta e ricuce ma Alexander e Jaiteh ricacciano a -5 l’Armani. Hall lucra e converte tre liberi, Pajola e Weems non si lasciano impressionare e infilano due triple in rapida successione per il nuovo +9 bolognese a 2’ dall’intervallo: Messina è costretto a fermare tutto e parlarci sopra.

 

Shields in uscita dal minuto di sospensione ne mette subito due, si ripete dopo il percorso netto di Pajola dalla linea della carità, ma Alibegovic risponde ad un'altra sortita dell’ex Trento con quattro punti e la Virtus alla pausa lunga conduce 35-44.

 

Al rientro sul parquet della Unipol Arena i bianconeri strappano con quattro punti filati, Milano replica allo stesso modo grazie a Delaney ma un altro 0-4 aperto da Jaiteh e chiuso da Hervey vale il nuovo +13 Virtus (52-42) a meno di 6’ dalla penultima sirena. Hines stoppa il centro virtussino, Shields si alza e colpisce con una tripla dall’angolo poi, dopo un timeout di Scariolo, perde palla e Alexander in contropiede trova l’antisportivo di Rodriguez (in palese difficoltà) che regala altri 5 punti a Bologna dopo una tripla di Teodosic in uscita dai blocchi che vale il +15 (42-57).

 

Rottura prolungata dell’Olimpia, Hines ne regala due facili a Mitoglou per tamponare l’emorragia ma Alexander dalla lunga punisce la difesa pigra biancorossa. Shields lo imita, Weems e Alibegovic anche dopo un appoggio di Rodriguez per il 49-66 Virtus. 

 

l play spagnolo si alza dai 6,75 e finalmente trova il fondo della retina, Teodosic sbaglia due liberi su tre sapientemente lucrati e dopo due falli in attacco in rapida successione su ambo i lati del campo il “Chacho” spara ancora dall’arco per il 55-67 che tiene in partita Milano a 10’ dalla fine contro una Bologna superiore.

 

Alibegovic apre il quarto conclusivo, Rodriguez imbuca la terza tripla di serata ma Belinelli d’astuzia guadagna e converte due gite in lunetta ridando 13 punti di vantaggio a Bologna (58-71).

 

Antisportivo di Alexander su Melli che non trema dalla lunetta, poi schiaccia e riporta Milano a -9 su assist del play spagnolo, abile a mettersi in proprio subito dopo per il 64-71 a 7’30 dal termine: timeout Scariolo. Alibegovic attacca bene il ferro e chiude il 6-0 biancorosso, Belinelli si invola in solitario a canestro dopo palla recuperata ma l’ex Ricci dai 6,75 tiene l’Olimpia a -8 (67-75).

 

Jaiteh è sontuoso nel verniciato ma non converte un potenziale gioco da 3 punti, Hall replica lucrando due gite in lunetta ma con meno di 5’ da giocare l’Armani resta a -8. Pajola inventa per il nuovo +10 bolognese firmato ancora Jaiteh, Shields replica con tripla a cui replica però subito lo stesso Pajola, l’ex Trento si ripete dall’angolo e tiene in vita Milano a 3’ dall’ultima sirena (75-82).

 

Teodosic prova ad allungare, anche Hall colpisce dai 6,75 ma dopo una gran difesa di Melli Shields non trova la tripla del -3 e dall’altra parte Jaiteh corregge il proprio errore per il +8 Bologna che chiude virtualmente i conti con 1’15” da giocare. La Virtus amministra bene nel convulso finale, non trema nonostante la pressione sulla palla milanese e vince la Supercoppa 2021 battendo ancora Milano 84-90 dopo il successo, ben più importante, nelle finali scudetto della stagione passata.

 

Il nuovo coach delle Vu Nere Sergio Scariolo inaugura la stagione nel migliore dei modi il debutto ufficiale sulla panchina bianconera, regalando ai felsinei sia la rivincita sull’Olimpia dopo la sconfitta del 2020 nella finale della competizione, regalando al suo nuovo club la seconda Supercoppa della sua storia a 26 anni di distanza da quella conquistata nel 1995 sotto la guida del compianto Alberto Bucci interrompendo la striscia di 8 sconfitte nell’atto conclusivo.

A|X Armani Exchange Milano-Segafredo Virtus Bologna 84-90:il tabellino

(20-23, 35-44, 55-67)

 

Milano: Delaney 8, Shields 19, Datome, Biligha ne, Melli 10, Hines 4, Moraschini, Hall 13, Ricci 3, Mitoglou 8, Alviti 2, Rodriguez 17. All.: Ettore Messina.

 

Bologna: Pajola 14, Belinelli 9, Weems 10, Hervey 4, Barbieri ne, Jaiteh 18; Alibegovic 13, Teodosic 9, Abass 6, Alexander 7, Ruzzier ne, Tessitori. All.: Sergio Scariolo.

I più visti

Leggi tutto su Sport