Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 07 maggio 2021 - Aggiornato alle 01:00
Live
  • 07:22 | Microsoft elaborerà ed archivierà i dati europei nei Paesi Ue
  • 05:59 | Perché Twitter ha deciso di comprare Scroll
  • 00:01 | SBK 2021, nei test di Aragon Rea abbatte il record della pista
  • 19:53 | Amy Winehouse, esce la raccolta speciale delle sue esibizioni più belle
  • 19:25 | Torna il "Power Hits Estate", tanti artisti live all'Arena di Verona
  • 18:00 | Patate hasselback vegan
  • 17:50 | Le date del tour estivo di Willie Peyote
  • 17:45 | Covid, in Italia altri 258 morti
  • 17:28 | I 60 anni di George Clooney
  • 17:24 | Il 5G come leva per il potenziamento e l’evoluzione del business
  • 17:07 | Serie tv sulla lotta ad Al Capone nella Chicago degli anni 20
  • 17:03 | Cosa preparo per cena? Insalata con cetrioli, pomodori e feta
  • 16:46 | Gli Uffizi vietano la condivisione di foto sui social
  • 16:41 | Nick Kamen, il toccante ricordo di Madonna e dei Duran Duran
  • 16:38 | Su Netflix una nuova commedia su tre figli viziati e superficiali
  • 16:21 | Il vaccino Moderna è efficace contro le varianti più aggressive
  • 16:18 | In asta da Sotheby's nuove opere di Modigliani e di Mirò
  • 16:17 | Conseguenze Brexit: sfida in mare intorno all'isola di Jersey
  • 16:00 | Scozia, perché sono così importanti queste elezioni
  • 16:00 | Observer: System Redux sarà disponibile dal 16 luglio
binotto-deluso-ferrari - Credit: Fotogramma/IPA
formula 1 3 maggio 2021

Binotto deluso per la prestazione della Ferrari

di Pierfrancesco Catucci

Il team principal fa mea culpa anche per alcune scelte al box

Il bilancio conclusivo del gran premio di Portimao per la Ferrari è di un sesto e un undicesimo posto che non può soddisfare la scuderia di Maranello, anche alla luce dell’andamento di tutto il weekend portoghese.

E il team principal Mattia Binotto fa un’analisi che guarda proprio in questa direzione e apre a qualche riflessione sulle strategie di gara nei prossimi gran premi.

 

“Sicuramente siamo delusi da questa gara – commenta Binotto – perché volevamo un risultato diverso e soprattutto migliore. Si è visto già dalle premesse in qualifica, insomma siamo arrivati a Portimao su una pista che sulla carta eventualmente poteva favorirci rispetto ai nostri concorrenti diretti, ma non lo è stato. Già sabato non siamo stati perfetti, ad esempio con Leclerc. E anche in gara, se penso al primo stint”.

 

È evidente che qualcosa non ha funzionato, anche perché proprio le McLaren sono sembrate più in forma: “Tutto sommato Sainz sulle soft è stato veloce quanto Norris, forse anche un po’ di più perché avevamo ancora più margine di velocità rispetto alla Mclaren che non abbiamo sfruttato. Poi abbiamo voluto tentare un undercut che però non ha funzionato, al contrario ha messo Carlos in difficoltà. Per tutto il resto della gara ha spinto troppo e con le medie ha accusato troppo graining. E in qualche modo tutto questo lo ha portato fuori dalla zona punti: non è decisamete il risultato che volevamo e ci aspettavamo”.

 

È evidente, dunque, che qualcosa non ha funzionato con le strategie: “Più che sbaglio è ambizione di voler passare e superare Norris già da quel momento e fase della gara. Dovevamo essere pazienti molto di più visto che la gara era ancora lunga e dovevamo aspettare indicazioni migliori con le soft, stavamo girando bene. In quel momento abbiamo esagerato nella nostra ambizione nel voler superare per forza”.

 

Il prossimo step, dunque, sarà il GP di Barcellona: “Sarà un ottimo banco prova, una di quelle piste che mettono in gioco. Se uno va forte lì di solito va forte anche in altri circuiti in campionato. Noi ci prepareremo al meglio tra una settimana: c'è tanta voglia di riscatto, credo che i valori in campo rivisti e confermati qui a Portimao, li rivedremo in Spagna. Abbiamo potenziale sia in qualifica che in gara, cercheremo di arrivare pronti e vogliamo assolutamente fare un risultato migliore”.

I più visti

Leggi tutto su Sport