Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 24 novembre 2020 - Aggiornato alle 15:30
Live
  • 15:04 | Covid, in base a cosa i medici scelgono chi ricoverare
  • 14:46 | La morte di Dinkins, primo sindaco afroamericano di New York
  • 14:46 | La correlazione tra sigarette e Covid, secondo uno studio francese
  • 14:44 | Alimentazione ecosostenibile
  • 14:37 | Differenza tra eolico domestico e minieolico
  • 14:30 | “Notturno” è il film che rappresenterà l’Italia agli Oscar
  • 14:22 | L’Inter attende il Real Madrid. Per Conte è una finale
  • 14:22 | Le 10 canzoni più amate dello Zecchino d'oro
  • 14:19 | Malesia, boom di contagi nella fabbrica di guanti in lattice
  • 14:04 | Vettel spiega i miglioramenti della Ferrari
  • 14:00 | George, Charlotte e Louis: già pronta la letterina per Babbo Natale
  • 14:00 | Film di fantascienza anni '80 da vedere
  • 13:49 | Quali sono i pesci più venduti in Italia
  • 13:17 | Fauci: "Dal 12 dicembre si parte con il vaccino in Usa e Italia"
  • 13:14 | Francesca Fioretti, cosa fa oggi la compagna di Davide Astori
  • 13:13 | Napoli, nessuna lite tra Gattuso e i giocatori
  • 13:09 | Ricetta futomaki fritto
  • 13:07 | Roma, nuovo infortunio per Smalling
  • 12:58 | F1 2020, disponibile la prima feature trial
  • 12:53 | Alexis Bledel oggi: figlio, marito e carriera
EuroLega: l’Olimpia Milano cade in casa contro la Stella Rossa Belgrado Ettore Messina - Credit: Simone Lucarelli / Fotogramma
BASKET EUROLEGA 2020-2021 19 novembre 2020

EuroLega: l’Olimpia Milano cade in casa contro la Stella Rossa Belgrado

di Federico Bandirali

I serbi si confermano bestia nera dell’Armani condannandola al primo stop casalingo in stagione

L’Olimpia Milano, al ritorno in campo in EuroLega dopo il rinvio causa false positività al Covid nel gruppo squadra contro Zenit San Pietroburgo e Khimki Mosca, non riprende il cammino europeo nel migliore dei modi perdendo la prima stagionale in casa contro i serbi della Stella Rossa Belgrado, vera e propria bestia nera dei lombardi dopo aver loro inflitto il sesto k.o.

nelle ultime sei sfide tra le due compagini biancorosse. A nulla è servito per Ettore Messina il rientro dell’ex di turno Kevin Punter, alla prima in EuroLega con la canotta dell’Armani, al pari di quello di Delane, con un discreto primo quarto al quale ha fatto seguito un secondo periodo davvero deficitario in difesa.


 

La successiva incapacità di Milano di riaprire definitivamente i conti quando possibile, infine, non ha lasciato scampo anche e soprattutto per merito degli ospiti, trascinati prima da O’Bryant e poi da Walden e Loyd, ma autori di un’ottima prova corale su ambo i lati del campo.

 

Olimpia Milano – Stella Rossa Belgrado 79-87

Milano recupera i lungodegenti Delaney e Punter, ma deve fare a meno di Gigi Datome, a bordo panchina in abiti civili causa problema muscolare. In avvio di match si segna con il contagocce, l’Armani fatica in attacco ma la Stella Rossa non è da meno, con i serbi che prevalgono a rimbalzo ma l’Olimpia brava nel chiudere avanti i primi 10’ capitalizzando al meglio le 10 gite in lunetta per il 23-18 con una bella inchiodata di Tarczewski.

 

L’equilibrio non si spezza e il metro arbitrale punisce oltremodo le difese aggressive, con Belgrado a trovare maggiormente precisa dalla lunga e avanti 29-31 grazie a una realizzazione di un inarrestabile Loyd. Milano entra in bonus dopo nemmeno 4’ del quarto e non difende, i serbi provano ad approfittarne mettendo a referto 30 punti in 10’ per il 44-48 esterno alla pausa lunga.

 

Al rientro sul parquet la Stella Rossa piazza un altro 0-4 dalla lunetta, mentre Milano non trova il bandolo della matassa in attacco e continua a patire maledettamente a rimbalzo, fino a trovarsi sul 49-58.

 

L’Olimpia, tuttavia, non alza bandiera bianca e con un contro-break di 9-2 si riporta sotto, prima che Loyd salga in cattedra con altri 4 punti filati per il 60-66 Stella Rossa alla penultima sirena.

 

Rodriguez prova a riaccendere Milano dall’arco, ma la speranza dura un attimo e Belgrado in un battito di ciglia trova il massimo vantaggio di serata volando sul +10 dopo un gioco da tre punti completato da Walden, incontenibile ogni volta che attacca il ferro anche per demeriti della difesa lombarda.

 

L’Olimpia sembra anche a corto di fiato e Loyd infierisce portando i suoi sul +12 (71-83), Delaney e Roll dall’arco provano a non arrendersi ma Walden furoreggia nel verniciato meneghino e a Messina non basta nemmeno la prova in doppia cifra di Vlado Micov, con LeDay che affonda nel finale limitando solo il passivo.

 

La partita finisce 79-87 e Milano, attesa venerdì dalla seconda sfida interna di EuroLega contro lo Zalgiris Kaunas, perde giustamente contro un’avversaria più in palla non riuscendo dunque a sfatare la recente tradizione per il 6° k.o. consecutivo contro i serbi negli ultimi anni.

 

AX Armani Exchange Milano – Stella Rossa Belgrado: il tabellino

Parziali quarti: 23-18; 21-30; 16-18; 19-21.

 

Milano: Punter 10, Leday 11, Micov 13, Moraschini ne, Roll 10, Rodriguez 11, Tarczewski 6, Biliga, Delaney 8, Shields 6, Brooks 2, Hines 2. All. Messina.

 

Stella Rossa: Rochestie 9, O’Bryant 11, Hall 7, Walden 15, Loyd 17, Davidovac 4, Lazic, Dobric, Simonovic 7, Jagodic-Kuridza 6, Kuzmic 2, Terry 9. All.: Obradovic.

I più visti

Leggi tutto su Sport