Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 08 dicembre 2021 - Aggiornato alle 16:06
News
  • 11:14 | Addio Angela: in Germania inizia l'era Olaf
  • 10:54 | "La situazione pandemica in Europa è molto grave"
  • 10:46 | Ema ed Ecdc hanno approvato la vaccinazione eterologa
  • 10:36 | L’Atalanta sfida il Villarreal per gli ottavi
  • 10:24 | Sainz traccia il primo bilancio dopo un anno in Ferrari
  • 10:17 | Il monologo sugli uomini di Federica Pellegrini alle Iene
  • 10:15 | L’Europa e l’obbligo vaccinale
  • 10:01 | L’esonero di Luca Gotti
  • 09:23 | Partite così contro il Real possono far crescere l'Inter
  • 09:00 | Patrick Zaki sarà scarcerato ma non è stato assolto
  • 07:00 | Mattarella alla Scala, il vertice Biden-Putin e le altre notizie in prima pagina
  • 23:58 | Valentino Rossi e Tony Cairoli saranno ricevuti da Mattarella
  • 23:25 | Il Milan è fuori dall’Europa
  • 22:32 | Basket, EuroCup: la Reyer Venezia cede in casa contro il Valencia 67-81
  • 19:35 | Come vedere in tv tutte le partite della Serie A TIM, della Champions e molto altro
  • 18:30 | Bansky offre 10 milioni di sterline al carcere di Reading
  • 17:09 | Atalanta-Villarreal, Gasperini: 'Un solo obiettivo, vincere'
  • 17:08 | Allegri vara il turnover, poi 'priorità al campionato'
  • 17:00 | Covid, i dati del 7 dicembre: tasso di positività al 2,3%
  • 16:56 | Quattro opere d’eccezione per il Natale d’arte a Milano
f1-turchia-bottas - Credit: Fotogramma/IPA
formula 1 10 ottobre 2021

Leclerc prova il colpaccio, ma in Turchia vince Bottas

di Franco Porto

La Ferrari tenta la strategia estrema, ma chiude quarta

La Ferrari ci ha provato, ma il rischio alla fine non ha pagato come ci si aspettava.

In Turchia vince Valtteri Bottas sulla Mercedes, seguito dalle due Red Bull di Verstappen e Perez. Ai piedi del podio Leclerc, davanti a Hamilton che cede il passo a Verstappen in testa al mondiale piloti.

 

Sulla pista bagnata di Istanbul, la Ferrari parte bene. A due terzi di gara, quando Bottas e Verstappen si fermano per il pit stop, Leclerc prova a tirare. Prosegue per parecchi giri, fin quando si rende conto che la strategia non avrebbe pagato quanto ci si aspettava, ma comunque è valsa la pena provare a fare qualcosa di diverso alla ricerca del colpaccio. Ottava l’altra Ferrari di Sainz, partita ultima.

 

A spiegare la strategia della Rossa, lo stesso pilota: “Abbiamo provato ad andare fino alla fine senza fermarci, queste intermedie funzionavano in modo strano, perché quando tutti gli altri hanno messo le nuove eravamo più veloci di loro nei primi 6 o 7 giri, quindi ci siamo detti che forse non c'era tanto da guadagnare con un nuovo treno, ma dopo altri 6 o 7 giri una volta che ripulivi il graining c'era tanta prestazione con la nuova intermedia”.

 

A un certo punto, però, la sosta era inevitabile: “In quel momento ci siamo fermati perché avremmo perso troppo, ma ormai era troppo tardi e alla fine ho fatto fatica proprio perché ero nella fase in cui c'è tanto graining. Appena fuori dai box ho sentito che il grip al posteriore era molto molto basso, una volta avuto graining anche davanti la macchina ha trovato di nuovo un certo equilibrio ma ormai era troppo tardi, eravamo già a 5 o 6 secondi da Perez. Sicuramente abbiamo avuto una buona macchina oggi, soprattutto nel primo stint, mentre il secondo stint è difficile da giudicare, perché le gomme non erano nella condizione giusta. È stato un weekend positivo in generale, ma ovviamente sono un po’ deluso dalla fine”.

I più visti

Leggi tutto su Sport