Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 07 agosto 2020 - Aggiornato alle 12:00
Live
  • 11:40 | Trump ha obbligato i cinesi a vendere TikTok
  • 09:30 | I giornali di venerdì 7 agosto
  • 09:00 | Chi è Mariana Rodriguez
  • 09:00 | Perché è famoso Alessandro Basciano
  • 09:00 | “Inescapable” è il quinto album dei Godsticks: l’intervista
  • 09:00 | Perché i cani amano i bambini?
  • 09:00 | Buon compleanno Scooby-Doo, il cane combinaguai compie 50 anni
  • 09:00 | Come funziona il bonus baby sitter per i nonni
  • 09:00 | Perché potare le rose?
  • 09:00 | Agricoltura idroponica, cos'è e come funziona
  • 08:46 | Ora Twitter permette di scegliere chi può replicare ai propri tweet
  • 08:45 | Licenziamenti vietati o no? L'importanza della decisione
  • 08:35 | NBA: Pelicans ko con i Kings, vittorie per Portland e Phoenix
  • 07:38 | Neil Young porta in tribunale Donald Trump
  • 07:13 | Roma eliminata, Dzeko durissimo nel dopo gara
  • 06:54 | Europa League, il tabellone dei quarti di finale
  • 06:37 | “Cosa sarà”, film di chiusura della Festa del Cinema di Roma
  • 06:16 | “I segreti di Wind River”, un bel film su TIMVISION
  • 21:40 | La Roma dà primo dispiacere a Friedkin, fuori dall'Europa League
  • 19:50 | Stai pensando di acquistare un divano colorato?
ferrari-lenta-leclerc-secondo Il podio del GP di Austria - Credit: HOCH ZWEI/Pool/LEONHARD FOEGER / IPA / Fotogramma
formula 1 5 luglio 2020

La Ferrari è lenta, ma Leclerc fa il fenomeno e va sul podio

di Pierfrancesco Catucci

Incredibile gran premio d’esordio del Mondiale di Formula 1 in Austria

Neanche nelle più rosee delle previsioni qualcuno avrebbe potuto immaginare una Ferrari sul secondo gradino del podio del primo gran premio di Formula 1 della stagione, in Austria.

Invece Charles Leclerc ha indossato il mantello di Superman e, nei giri finali, ha piazzato due super sorpassi che, con la complicità della penalizzazione di 5 secondi comminata a Hamilton per un incidente con Albon, si piazza alle spalle di un super Valtteri Bottas che, dopo la pole position, conquista anche la vittoria di un gran premio dominato dal primo all’ultimo giro.

 

È stata una gara dalle mille emozioni, con la safety car che entrava e usciva, qualche incidente e tanti problemi di affidabilità che hanno coinvolto le Red Bull (entrambe fuori), ma anche le Mercedes e le Racing Point (praticamente la Mercedes dello scorso anno dipinta di rosa) con problemi di gestione della temperatura.

 

Chi, invece, ha altro genere di problemi, ma non di affidabilità, è la Ferrari. La partenza è lenta: Leclerc prova a incalzare Perez in avvio, ma non riesce a sorpassarlo. Vettel (partito undicesimo e che ha chiuso decimo) fatica ai margini della zona punti e non riesce a sorpassare le auto che lo precedono.

 

Poi la prima safety car e la danza dei pit stop. Leclerc torna più aggressivo e, mentre è in lotta con Sainz, lo spagnolo si scontra con Vettel che provava ad approfittarne per infilarsi. Vettel perde parecchie posizioni e si trova a lottare (con fatica) addirittura anche con la Williams di Russel.

 

Nel finale, mentre le monoposto motorizzate Mercedes arrancavano per i problemi di temperatura, è venuto fuori il fenomeno che è in Leclerc che si è mangiato Perez e Norris e si è messo alle spalle di Hamilton, poi penalizzato.

 

Leggi tutto su Sport