TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 08:15

 /    /    /  La Ferrari tradisce Leclerc a Barcellona, vince Verstappen
La Ferrari tradisce Leclerc a Barcellona, vince Verstappen

- Credit: Fotogramma/IPA

formula 122 maggio 2022

La Ferrari tradisce Leclerc a Barcellona, vince Verstappen

di Franco Porto

Il monegasco si ferma quando era al comando: problema al motore

Il primo guasto tecnico della stagione toglie a Charles Leclerc la gioia della terza vittoria Mondiale. Il pilota della Rossa, dominatore incontrastato del primo terzo di gara, è costretto a fermarsi pochi giri dopo il primo pit stop e con un ampio margine sugli inseguitori a causa di un problema alla power unit. Il gran premio di Barcellona, dunque, va a Max Verstappen sulla Red Bull, bravo a capitalizzare una gara su una monoposto ancora una volta imperfetta.

 

L’olandese chiude davanti al compagno di squadra Perez e alla rinata Mercedes di Russel. Quarto Carlos Sainz, penalizzato da un errore in partenza (che gli è costato due posizioni) e qualche giro più tardi, con un testacoda che lo ha portato in ghiaia.

 

Lo stesso errore costato qualche posizione a Verstappen, bravo, però, a ricostruire la gara con una sosta in più rispetto a tutti gli altri. E la vittoria lo porta in testa alla classifica piloti del Mondiale con 6 punti di margine sul monegasco della Ferrari. Ferrari superata anche nel Mondiale costruttori (la Red Bull ora guida 195 a 169 punti).

 

“È un ritiro che fa molto male – esordisce Leclerc ai microfoni di Sky Sport - La squadra ha fatto comunque un lavoro straordinario sull’affidabilità, anche se questo ritiro fa davvero male. Stavamo dominando la gara, eravamo primi con grande tranquillità devo dire. Ora non ci resta che guardare il lato positivo del GP Spagna, tutto il lavoro del weekend: primi e veloci nelle prove libere, pole position e in gara sono tornato a sentire il feeling giusto come non mi succedeva da settimane. La gestione gomme era perfetta fino allo stop. Comunque il Mondiale è ancora lungo, io mi sento fiducioso”.