TimGate
header.weather.state

Oggi 05 ottobre 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  Italvolley femminile al Mondiale, le emozioni delle debuttanti
Italvolley femminile al Mondiale, le emozioni delle debuttanti

- Credit: Federvolley media

pallavolo23 settembre 2022

Italvolley femminile al Mondiale, le emozioni delle debuttanti

di Franco Porto

Gennari, Bonifacio e Fersino all'esordio Mondiale come Alessia Orro

Si avvicina l’esordio della Nazionale femminile di volley al Campionato del Mondo, in programma in Olanda e Polonia dal 23 settembre al 15 ottobre.

 

Venerdì è prevista la giornata inaugurale della rassegna iridata, per la Pool A (quelle delle azzurre) si affronteranno l’Olanda e il Kenya. Tutte le prime partite delle 24 squadre si giocheranno al Gerledome di Arnhen: stadio multifunzionale, all’interno del quale sono stati allestiti tre campi di gioco.

 

Le ragazze di Mazzanti in mattinata hanno preso confidenza con l’impianto che sabato le vedrà affrontare il Camerun (ore 15 diretta RaiDue e SkySport 1). Si tratterà della prima sfida in assoluto tra la formazione italiana e quella africana.

 

Il match contro il Camerun segnerà l’esordio in una rassegna iridata per quattro azzurre: Alessia Orro, Sara Bonifacio, Alessia Gennari ed Eleonora Fersino.

 

‘È il mio primo mondiale – racconta Sara Bonifacio –. È stata una preparazione molto lunga. Abbiamo aspettato questo momento davvero per troppo tempo e non vediamo l’ora di cominciare. L’aver vinto sia l’Europeo che la Volleyball Nations League sicuramente un po' di pressione ce la mette, d’altra parte i risultati ottenuti dalla nazionale maschile però ci danno quella carica in più, sicuramente non vogliamo essere da meno. A livello personale come vivo l’attesa di questa rassegna iridata? Non vedo l’ora, essendo il mio primo Mondiale sono veramente carica ed elettrizzata. Nella manifestazione sarà molto importante mantenere la lucidità in tutte le partite cercando di esprimere il nostro miglior gioco, con la speranza di arrivare più in fondo possibile'.

 

'L’emozione è davvero grande – prosegue Alessia Gennari –. Sono molto felice di stare qui adesso e soprattutto con questo gruppo. Siamo molto affiatate e non vediamo l’ora di cominciare. Differenze nel disputare un Mondiale dopo aver fatto Olimpiadi ed Europei? In realtà adesso è ancora difficile dirlo. Una differenza può essere il fatto di stare in un hotel, caso un po' eccezionale, da sole diversamente da altre volte nelle quali siamo state insieme anche a tante altre formazioni. Siamo un po' in una specie di ritiro spirituale e questo aiuta a concentrarci. Vedremo poi dopo la prima partita quale sarà l’atmosfera. Già questa mattina abbiamo visto il palazzetto dove disputeremo le partite; sarà un po' strano disputare match in contemporanea, perciò dovremmo essere brave a rimanere sempre concentrate. Il Mondiale sarà molto lungo, giocheremo (spero) tante partite per cui bisognerà dosare attentamente le energie. Sulla carta abbiamo un avvio abbastanza soft e penso che i primi match saranno di fondamentale importanza per prendere ritmo e trovare i giusti meccanismi, andando avanti le sfide si faranno sempre più difficili, ma noi siamo qua per questo'.

 

'Abbiamo lavorato molto duramente durante quest’estate – conclude Eleonora Fersino – sono stati 5-6 mesi intensi, durante i quali ci siamo concentrati sia sulla preparazione tecnica, che fisica, entrambi gli aspetti sono fondamentali in un torneo con così tante partite. Dovremo salire di livello con il proseguire della competizione. Sicuramente il mondiale ha grande prestigio, ma le emozioni sono le stesse che ho provato alla Vnl, c’è grande gioia e soddisfazione a scendere in campo con la maglia azzurra, oltre a un grande senso di responsabilità'.