Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 21 aprile 2021 - Aggiornato alle 14:51
Live
  • 14:30 | Facebook: ecco le Live Audio Room per sfidare Clubhouse
  • 14:00 | Come vincere bici, monopattini e giardini idroponici con TIM Party
  • 14:00 | Le grandi mostre che riaprono il 26 aprile
  • 13:45 | “E dentro sono blu” è il nuovo singolo di Francesco Arpino, l’intervista
  • 13:44 | Covid, quali paesi hanno applicato il coprifuoco
  • 13:15 | Quali sono gli stili di arredo più amati
  • 12:48 | Deddy, inediti e testi del cantante di Amici 20
  • 12:38 | Coltivazione della soia e impatto ambientale, cosa dobbiamo sapere
  • 12:25 | Quali sono gli uccelli più rari?
  • 12:15 | La Cappella degli Scrovegni su Haltadefinizione
  • 12:14 | Setter irlandese: info e carattere di questa razza
  • 12:10 | Tutto su "Anna", la serie tv di Niccolò Ammaniti
  • 12:04 | 5 curiosità su Napoleone Bonaparte
  • 11:34 | Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas festeggiano la figlia
  • 11:29 | Usa, condannato l'agente che uccise George Floyd
  • 11:18 | Il Borussia Dortmund vuole André Silva
  • 11:15 | Barbabietola al forno per un contorno light
  • 11:05 | L’ok dell’Ema al vaccino Johnson&Johnson
  • 10:49 | La vittoria della Fiorentina a Verona
  • 10:31 | Da maggio studenti in classe al 60 per cento
Sinner e l’intervista a L’Equipe: cosa ha detto Jannik Sinner - Credit: Jonas G?Ttler / IPA / Fotogramma
TENNIS 5 marzo 2021

Sinner e l’intervista a L’Equipe: cosa ha detto

di Giovanni Teolis

“Allenarmi con Nadal per 15 giorni la cosa migliore che potesse capitarmi”

Lunga intervista di Jannik Sinner al quotidiano francese L'Equipe.

Una lunga chiacchierata a 360 gradi su più argomenti: dalla sua folgorante crescita negli ultimi mesi alle nuove aspettative che ora può nutrire l’Italia nei tornei del Grande Slam, ma anche di cosa abbia significato per lui avere avuto l'opportunità di allenarsi per due settimane con Rafael Nadal prima degli Australian Open.


Sinner, numero 34 al mondo, è il più giovane membro nella Top 100 e con le vittorie dell’Open di Sofia e del Great Ocean Road Open è diventato il più giovane giocatore a vincere due titoli dai tempi di Novak Djokovic nel 2006. 

La crescita

"A volte hai bisogno di molto tempo per superare le tappe, e a volte va molto veloce. Per me, passare dal 500° al 50° posto è stato molto veloce, e ancora di più passare dai tornei Future a quelli dell'ATP. Non ho giocato nei junior, ho preferito andare nei Futures per giocare contro gli adulti. La mia traiettoria è stata veloce, ma sto guardando avanti. I prossimi tre anni sono cruciali per me. Devo lavorare, perdere partite, capire perché ho perso e giocare più partite possibili per migliorare. Quando avrò 200 partite ATP in tabellone, inizierò a conoscermi meglio".

Federer il riferimento

"Ho bisogno di due o tre anni per capire meglio le cose dentro e fuori dal campo. Voglio rimanere rilassato, perché il mio obiettivo è quello di giocare per altri 20 anni. Sì, sono diventato professionista a 18 anni, quindi voglio giocare fino a 38 anni!".

Gli Slam

"Tutti si aspettano uno Slam ma non mi preoccupa. Ho ancora 19 anni, la strada è lunga e la pressione più grande che sento è quella che metto su me stesso.. Prima di poter vincere questi grandi tornei, devi perdere grandi partite. Fa male, ma ti fa crescere. Come la mia sconfitta contro Shapovalov al primo turno degli Australian Open. Ho fatto fatica a prenderla, ho parlato molto con la mia squadra. Il nostro compito è vincere ma, lo ripeto, è anche importante perdere quando si è giovani".

Nadal

"La partita contro Nadal al Roland Garros l'anno scorso è stata molto importante per me. E il mio allenamento con lui prima del Melbourne Open è stato ancora più importante che giocare a Melbourne. A 19 anni, allenarsi per quindici giorni con un giocatore che ha vinto 20 Grand Slam è stata la cosa migliore che potesse capitarmi. Non solo per la mia carriera, ma anche come esperienza di vita. Non lo dimenticherò mai".

 

I più visti

Leggi tutto su Sport