Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 08 dicembre 2021 - Aggiornato alle 16:06
News
  • 11:14 | Addio Angela: in Germania inizia l'era Olaf
  • 10:54 | "La situazione pandemica in Europa è molto grave"
  • 10:46 | Ema ed Ecdc hanno approvato la vaccinazione eterologa
  • 10:36 | L’Atalanta sfida il Villarreal per gli ottavi
  • 10:24 | Sainz traccia il primo bilancio dopo un anno in Ferrari
  • 10:17 | Il monologo sugli uomini di Federica Pellegrini alle Iene
  • 10:15 | L’Europa e l’obbligo vaccinale
  • 10:01 | L’esonero di Luca Gotti
  • 09:23 | Partite così contro il Real possono far crescere l'Inter
  • 09:00 | Patrick Zaki sarà scarcerato ma non è stato assolto
  • 07:00 | Mattarella alla Scala, il vertice Biden-Putin e le altre notizie in prima pagina
  • 23:58 | Valentino Rossi e Tony Cairoli saranno ricevuti da Mattarella
  • 23:25 | Il Milan è fuori dall’Europa
  • 22:32 | Basket, EuroCup: la Reyer Venezia cede in casa contro il Valencia 67-81
  • 19:35 | Come vedere in tv tutte le partite della Serie A TIM, della Champions e molto altro
  • 18:30 | Bansky offre 10 milioni di sterline al carcere di Reading
  • 17:09 | Atalanta-Villarreal, Gasperini: 'Un solo obiettivo, vincere'
  • 17:08 | Allegri vara il turnover, poi 'priorità al campionato'
  • 17:00 | Covid, i dati del 7 dicembre: tasso di positività al 2,3%
  • 16:56 | Quattro opere d’eccezione per il Natale d’arte a Milano
Ktm vorrebbe un terzo team in MotoGP, ma non subito Brad Binder - Credit: Cordon Press / IPA / Fotogramma
MOTOMONDIALE 14 ottobre 2021

Ktm vorrebbe un terzo team in MotoGP, ma non subito

di Simone Colombo

Il Direttore Motorsport Beirer polemico con Dorna. Ma finché la moto non sarà al top l’opzione non si pone

 

 

Dopo aver centrato cinque vittorie (due di Brad Binder, tre di Miguel Oliveira) in una stagione e mezza abbondante, KTM non intende per nulla mollare nonostante nel 2021 i progressi siano stati limitati, e nel progetto per competere al top in MotoGP vorrebbe schierare almeno tre team anziché due.

Una scelta funzionale per avere più dati e informazioni e facilitare lo sviluppo della moto, sbarcata nella classe regina nel 2016, con il costruttore austriaco che, come spiegato dal direttore Motorsport, Pit Beirer, in un’intervista al sito tedesco Speedweek, sta creando generando polemiche tra la casa di Mattighofen e gli organizzatori del Motomondiale della Dorna.

 

Beirer, infatti, una volta svelato come l’intenzione fosse questa già dal 2019, ha parlato di fallimento del progetto per questioni “politiche”: “Nelle ultime stagioni, non abbiamo cercato attivamente alcun partner perché ci è stato detto dalla Dorna che sarebbe stato meglio avere due squadre per ogni produttore”.

 

Poi la stoccata: “Di conseguenza ci siamo tirati indietro, quando abbiamo notato che stava succedendo qualcosa con Avintia e Gresini. Eppure ora vediamo la Ducati con quattro squadre e noi con due fino al 2024. Ci sembra di non essere stati informati correttamente”. Aggiungendo che avere quattro team contrattualizzati rispetto agli attuali due (oltre a quello ufficiale il francese Tech3) “significa avere un grande potere”.

 

Velatamente, l’idea è strappare almeno una terza squadra, ma le tempistiche restano da definire con il manager del costruttore austriaco a chiarirlo: “Non appena vedremo le formazioni più stabili e prestazioni di alto livello, punteremo ad avere realmente un altro team in MotoGP”.

 

Lapidario, anche rispetto ai tanti alti e bassi di KTM, attesa a Misano per la festa di Valentino Rossi dopo aver avuto due moto in ultima fila nella prima gara in riva all’Adriatico.

I più visti

Leggi tutto su Sport