TimGate
header.weather.state

Oggi 03 luglio 2022 - Aggiornato alle 12:19

 /    /    /  Mondiali di nuoto, Martinenghi d’argento nei 50 metri rana
Mondiali di nuoto, Martinenghi d'argento nei 50 metri rana

- Credit: Fotogramma/IPA

a budapest22 giugno 2022

Mondiali di nuoto, Martinenghi d'argento nei 50 metri rana

di Franco Porto

L’azzurro tocca con appena 3 centesimi di troppo rispetto all’americano Fink

L’Italia continua ad alimentare il medagliere dei sogni ai campionati mondiali di nuoto, in svolgimento alla Duna Arena di Budapest. Nei 50 rana Nicolò Martinenghi torna sul podio, che invece scivola via negli 800 stile libero a Gregorio Paltrinieri, quarto, e Gabriele Detti, sesto. Quinto Simone Cerasuolo nei 50 rana, settimo Alberto Razzetti nei 200 farfalla. Solo 13 centesimi negano la gioia alla staffetta mista mixed, quinta. Alessandro Miressi guadagna la finale dei 100 stile libero con il talentuoso David Popovic che partirà avanti a tutti.

 

L’erede al trono di sir Adam Peaty si conferma da podio mondiale anche nei 50 rana per un argento che sa di consacrazione dopo il successo nei 100 ottenuto col record italiano di 58”26.

 

Il 22enne di Varese tocca in 26”48, tre centesimi di troppo rispetto all’americano Nic Fink, già terzo nei 100. Chiude il podio l’altro statunitense Michael Andrew in 26”72. Per Tete, che nei 50 aveva già conquistato alla Duna Arena il bronzo europeo nella primavera del 2021, è l’ennesima dimostrazione del cambio di passo avvenuto dopo i bronzi olimpici nei 100 individuali e nella staffetta mista con i podi iridati che seguono quelli in vasca corta dell’autunno scorso: il bronzo europeo e l’argento mondiale nei 50, l’oro europeo e l’argento mondiale nei 100.

 

“Questo argento ha due sapori: dolce per il podio, amaro perché ho sbagliato la partenza e ho lasciato i centesimi che probabilmente mi avrebbero consentito di vincere – racconta il 22enne di Varese allenato da Marco Pedoja per il CC Aniene – Sono comunque contento di essermi avvicinato al personale e della medaglia per cui avrei firmato cento volte alla vigilia del mondiale. Però adesso che ho assaporato l’oro non intendo più accontentarmi”.

 

Ottimo quinto posto per lo sfrontato debuttante Simone Cerasuolo, peraltro in dubbio fino alla vigilia del Mondiale, che ha raggiunto successivamente il gruppo italiano perché invischiato col covid. Il diciannovenne imolese chiude in 26”98. “Sono contento, sono riuscito a migliorarmi ogni turno. Ho nuotato ancora sotto i 27 secondi - racconta l’atleta allenato da Cesare Casella per Fiamme Oro e Imolanuoto - È un ottimo risultato. Martinenghi è in forte crescita, si merita tutti questi successi e per me è un esempio ed uno stimolo ad andare sempre più forte”.