Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 22 settembre 2020 - Aggiornato alle 17:00
Live
  • 16:49 | Italia-Olanda a Bergamo in memoria delle vittime del Covid
  • 16:49 | Risotto zucchine e stracchino
  • 16:42 | Totti: 'Il mio futuro? Farò delle cose carine'
  • 16:31 | Ufficiale, 0-3 alla Roma per il pasticcio Diawara
  • 16:26 | Gillette e Givenchy entrano nel gaming con Animal Crossing
  • 16:16 | La playlist di TIMMUSIC con le più belle copertine di album
  • 16:00 | Ultimo, il nuovo singolo "22 settembre" è su TIMMUSIC
  • 15:46 | Spadafora: 'Dal 7 ottobre apertura stadi in percentuale'
  • 15:15 | Cinque spunti di riflessione dopo la prima di Serie A
  • 15:00 | Juve, il nuovo attaccante è Alvaro Morata
  • 14:44 | Presto il seguito de “La Passione di Cristo” di Mel Gibson
  • 14:21 | Belen e il party a sorpresa per i suoi 36 anni: ecco chi c'era
  • 13:30 | Coperte a plaid
  • 13:06 | Chi è Robert Kardashian
  • 12:00 | Torta pesche e yogurt
  • 11:53 | Sampdoria in marcatura su Candreva che però prende tempo
  • 11:42 | Il prestito di Esposito alla Spal
  • 11:18 | Napoli e le spine di mercato Milik e Koulibaly
  • 11:14 | Suarez, domande concordate per l'esame di italiano
  • 10:11 | “Waiting for the Barbarians”, c'è un cattivissimo Johnny Depp
MotoGP 2020: Brad Binder su KTM ha vinto il GP di Brno Brad Binder - Credit: Hendrik Schmidt / IPA / Fotogramma
MOTOMONDIALE 2020 9 agosto 2020

MotoGP 2020: Brad Binder su KTM ha vinto il GP di Brno

di Federico Bandirali

Primo successo nella classe regina per il sudafricano con Morbidelli 2° e Rossi 5°. Trionfi azzurri in Moto2 e Moto3

l GP della Repubblica Ceca, il terzo in una stagione a dir poco strana per la MotoGP sul circuito di Brno, ha regalato sorprese il sabato con la pole conquistata da Zarco con la Ducati 2019 del team Avintia, non ha tradito le attese.

Primo successo in carriera alla terza uscita nella classe regina per il rookie sudafricano Brad Binder e per la sua KTM, mai così in alto in MotoGP. Secondo posto per Franco Morbidelli, che dopo essere scattato come un fulmine dalla terza casella sulla griglia di partenza ha provato la fuga in sella alla Yamaha del team Petronas salvo cedere il passo dopo una decina di giri ma comunque capace di cogliere il primo podio in carriera. E infine proprio Zarco, che nonostante un “long lap run” per una carenata tra la sua Ducati e la KTM di Pol Espargaro (con caduta dell’iberico), si è dimostrato costante e rapido.

 

La gara, vera e propria lotta contro l’usura della gomma posteriore per tutti i protagonisti, non poteva essere più “varia”, con la lenta risalita di Alex Rins dalle retrovie fino al quarto posto finale (nonostante il perdurare dei problemi alla spalla), con quattro costruttori a spartirsi le prime quattro posizioni. Bene anche Valentino Rossi, magari non come a Jerez ma comunque veloce e in grado di recuperare fino al 5° posto finale dopo qualifiche da dimenticare con la M1 ufficiale.

 

Male, invece, le altre due M1, con Fabio Quartararo a chiudere in settima posizione mantenendo comunque la testa della classifica iridata e Vinales addirittura 14° al termine di un GP che per lo spagnolo è stato più una lotta, con la moto e con sé stesso visto che questa volta il distacco patito da Rossi è stato abissale.

 

La KTM, ad ogni modo, avrebbe potuto far meglio senza l’attacco suicida di Pol Espargaro su Zarco, ma si consola con il 6° posto strappato da Oliveira, mentre dopo qualifiche convincenti il Aleix Espargaro ha chiuso in decima posizione con l’Aprilia, perdendo colpi dopo un bello scatto al via. Pessime le due Ducati ufficiali di Dovizioso (11°) e Petrucci (12°), preceduti anche dalla Rossa del team Pramac di jack Miller (9°) e dalla Honda del team LCR di Nakagami, ottavo.

 

L’assenza di Marquez, che ha detto definitivamente addio alla corsa per il titolo dopo la seconda operazione e non sarà al via nei prossimi due GP in programma a Zeltweg, lascia tutto aperto con la lotta per succedere al fuoriclasse di Cervera che, dopo Brno, si “allarga” anche alla KTM. Impronosticabile.

 

Moto2: Bastianini concede il bis

Paganini non ripete, Enea Bastianini sì. Il centauro italiano sulla Kalex del team Italtrans, dopo il successo nel GP di Andalusia, è partito a razzo senza mai voltarsi indietro, e ha centrato la vittoria che lo issa in vetta alla classifica iridata.  Dietro di lui Sam Lowes e Joe Roberts, mai in grado di impensierirlo davvero, con Luca Marini che strappa un prezioso 4° posto e ora è secondo nel mondiale a 15 punti da Bastianini.

 

Alle spalle del fratello di Rossi l’iberico Fernandez e, 6°, il suo compagno nel team VR46 Marco Bezzecchi, con Bulega a punti ma solo 14°.

Moto3: prima vittoria in carriera per Dennis Foggia

Dennis Foggia in sella alla Honda Leopard si aggiudica senza troppe difficoltà la prima vittoria in carriera mostrando i muscoli nella seconda metà di gara, quando Arenas (2°) e Ogura (3°), hanno provato invano a togliergli il meritato successo con una serie di attacchi velleitari. Quarto Niccolò Antonelli, con altri tre italiani a punti: 8° Tony Arbolino, 9° Romano Fenati e 10° Stefano Nepa, preceduti da McPhee (5°), Fernandez (6°) e Alcoba.

Leggi tutto su Sport