Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 24 gennaio 2021 - Aggiornato alle 06:00
Live
  • 00:56 | Roma-Dzeko è rottura: il bosniaco pronto a lasciare
  • 00:49 | Recovery Plan, la Commissione europea chiede le riforme
  • 00:17 | Filippo Volandri nuovo capitano dell’Italia in Coppa Davis
  • 00:02 | Basket, Serie A: impresa di Brescia a Bologna, Virtus battuta 89-90
  • 00:01 | Basket, Serie A: Reggio Emilia torna vincere, Trento stesa 83-74
  • 22:35 | YouTube, cosa sono e come funzionano le nuove pagine per gli hashtag
  • 22:12 | Inter, pari e polemiche contro l’Udinese
  • 21:28 | Il Milan crolla contro una grande Atalanta (0-3)
  • 20:24 | Covid, l'epidemia in Italia "resta in fase delicata"
  • 20:00 | Il Milan crolla in casa con l'Atalanta, l'Inter pareggia a Udine
  • 19:56 | L’interactive virtual art al Metropolitan di New York
  • 19:25 | Basket, Serie A 2020/2021: il programma della diciassettesima giornata
  • 19:12 | Netflix e tre nuovi programmi contro il razzismo
  • 18:45 | Fonseca: 'Squadra unita e di Dzeko non parlo'
  • 18:45 | Il nuovo look di Ricky Martin
  • 17:38 | Il campo profughi di Lesbo è pieno di piombo
  • 17:30 | Covid, in Italia ancora 488 morti
  • 17:07 | Roma-Spezia 4-3, Pellegrini regala il successo nel recupero
  • 17:07 | Perché il Portogallo dovrebbe temere l'avvento di André Ventura
  • 16:30 | Il messaggio di Kamala Harris alla pronipote
MotoGP, Portogallo: Oliveira chiude il mondiale vincendo a Portimao Miguel Oliveira - Credit: Cordon Press / IPA / Fotogramma
MOTOMONDIALE 22 novembre 2020

MotoGP, Portogallo: Oliveira chiude il mondiale vincendo a Portimao

di Federico Bandirali

Il portoghese chiude con una vittoria. Morbidelli (3°) è vicecampione del mondo. Alla Ducati il titolo costruttori

 

Nel GP di chiusura della stagione 2020 in Portogallo, il “padrone di casa” Miguel Oliveira dopo essere scattato dalla pole ha vinto la gara classe MotoGP disputata sullo spettacolare circuito de Portimao.

Il centauro della KTM (team Tech 3) si congeda così dal mondiale con il secondo successo, stagionale e in carriera, facendo sostanzialmente corsa a sé.

 

Sul podio, al termine della riedizione del duello per la vittoria nel GP di Valencia ma a parti invertite, l’australiano Jack Miller, secondo con la Ducati del team Pramac prima di passare a quella ufficiale, dopo aver sorpassato all’ultimo giro utile la Yamaha del team Petronas (in versione 2019) di Franco Morbidelli, che grazie al terzo posto in Algarve si prende il secondo posto nella classifica iridata consacrandosi tra i big del Motomondiale.

 

Ultima cosa da decidere nell’ultima gara stagionale riguardava il titolo costruttori, vinto dalla Ducati che ha approfittato della pessima giornata delle Suzuki (Rins 15°). Una situazione quasi paradossale, visto che le 5 moto schierate in griglia da Borgo Panigale hanno vinto soltanto due Gran Premi, a fronte dei 7 conquistati da Yamaha. Che, però, è stata penalizzata per aver messo in pista motori con valvole non regolamentari nel GP di Spagna.

 

Per Ducati si tratta del secondo mondiale costruttori vinto dopo quello conquistato nel 2007, ma i dubbi sulla reale efficacia delle Desmosedici e dei suoi piloti pende come una spada di Damocle sul risultato.

 

Alla gara d’addio, visto che nel 2021 si prenderà un anno sabbatico, Andrea Dovizioso chiude il lungo e turbolento rapporto con Ducati centrando un buon sesto posto, mentre Valentino Rossi lascia la “sua” Yamaha ufficiale prima di passare nel team Petronas con un deludente 12° posto, immediatamente dietro al compagno di scuderia Vinales e davanti al suo erede Fabio Quartararo, quattordicesimo al traguardo.

 

Pol Espargaro dice addio alla KTM per passare in Honda con un buon 4° posto, davanti a Nakagami con la Honda LCR. Ottavo Aleix Espargaro, al miglior risultato stagionale per l’Aprilia, con Alex Marquez e Zarco a chiudere la top ten.

 

Finisce nel nulla, invece, la gara del neo campione del mondo Joan Mir, costretto a concludere anzitempo il GP nel corso del sedicesimo giro, con Bradl ottimo sesto in sella alla Honda ufficiale.

I più visti

Leggi tutto su Sport