Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 18:08
Live
  • 18:04 | Filippo Ganna è campione del mondo di ciclismo a cronometro
  • 17:41 | Il bonus da 3000 euro a chi userà carte di credito anziché contanti
  • 17:26 | Massimo Giletti riparte da "Non è L'Arena" e da RTL 102.5
  • 17:19 | Ecco come cambia il Torino Film Festival
  • 17:12 | Fienga: 'Fonseca non è in discussione, Dzeko il nostro capitano'
  • 17:05 | Google: stop alle estensioni a pagamento nel Chrome Web Store
  • 17:05 | Conte e Marotta: 'Nessuna incomprensione, si lavora insieme'
  • 17:02 | Com'è "Bella storia", il nuovo singolo di Fedez (già su TIMMUSIC)
  • 16:56 | “Downton Abbey”, già pronta la sceneggiatura del sequel
  • 16:34 | JLo e Maluma duettano in "PA TI" e "Lonely": ascolta i brani su TIMMUSIC
  • 16:32 | MotoGP, Catalogna: Morbidelli vola nelle libere del venerdì al Montmelò
  • 16:07 | Zucchero compie 65 anni, ma il regalo lo fa lui ai suoi fan
  • 16:00 | Emma Stone e Dave McCary si sono sposati
  • 15:40 | Cosa succede se Trump non accetta la sconfitta alle elezioni
  • 14:53 | La playlist con le Nuove Uscite della settimana su TIMMUSIC
  • 14:42 | “Guida romantica a posti perduti”: il film italiano di Clive Owen
  • 14:30 | Carlo, Diana e la cognata Fergie
  • 14:27 | Michael Douglas e Catherine Zeta Jones compiono gli anni
  • 14:17 | Pavimento vinilico adesivo, più pro che contro per un'innovazione da non sottovalutare
  • 14:10 | Boiserie moderne per pareti: bianche e in legno
MotoGP 2020: Zarco strappa la pole a sorpresa, Honda in crisi Franco Morbidelli seguito da Valentino Rossi - Credit: Luca Marenda/PACIFIC PRES/SIPA / IPA / Fotogramma
MOTOMONDIALE 2020 8 agosto 2020

MotoGP 2020: Zarco strappa la pole a sorpresa, Honda in crisi

di Federico Bandirali

Il francese con la Ducati Avintia precede Quartararo e Morbidelli. Rossi 10°, Dovizioso addirittura 18°

Qualifiche strane con esito a sorpresa quelle del GP della Repubblica Ceca a Brno, con la Honda sostanzialmente spettatrice in contumacia Marquez e Johann Zarco che, contro ogni pronostico, ha conquistato la pole girando con la sua Ducati del team Avintia in 1’55”687.

Alle spalle del francese, che ha evidentemente giocato un bello scherzo ai rivali, le due Yamaha del team Petronas con Fabio Quartararo (scivolato nell’ultimo disperato time-attack) in seconda posizione (+0”303) e Franco Morbidelli a chiudere la prima fila +(0”311).

 

Il miglior tempo fatto segnare dal francese, oltre ad essere inatteso, è arrivato in una giornata a dir poco complicata per le Ducati, con Dovizioso fuori dalla Q2 che partirà dal fondo dello schieramento, trovandosi in 18esima posizione (peggior risultato del forlivese nella lunga carriera in MotoGP).

 

Altre sorprese in seconda fila, con Aleix Espargaro che ha fatto segnare il quarto tempo di giornata (+0”387) su un’Aprilia in grande spolvero: un risultato che, a prescindere da come andrà la gara, rappresenta una bella iniezione di fiducia per la casa di Noale, capace di lasciarsi alle spalle anche la prima delle M1 ufficiali guidata da Maverick Vinales.

 

Vero che Pol Espargaro aveva fatto segnare il secondo riferimento cronometrico prima di vedersi cancellare il giro veloce, con la sua KTM che chiuderà la seconda fila, ma la costanza e il passo gara sorridono al costruttore italiano a prescindere.

 

A chiudere la top ten, nell’ordine, Brad Binder con la seconda KTM (+0”612), la Ducati ufficiale di Danilo Petrucci (+0”767), Joan Mir con la prima delle Suzuki (+0”825) e Valentino Rossi con l’ultima Yamaha in pista. Il “Dottore”, che ha provato a sfruttare la scia del “Morbido” nel primo time-attack, continua a faticare nel trovare il giusto setting per la sua M1, patendo oltremodo il poco grip degli pneumatici.

 

Salvo miracoli nel warm-up, ed è già successo quindi mai dire mai, difficilmente il nove volte iridato riuscirà a centrare il 200° podio in carriera nella classe regina (tra 500 e MotoGP), visto che con le temperature mattutine più miti ha dimostrato di essere veloce ma non altrettanto appena la temperatura sale mettendo in crisi le gomme.

 

Undicesima piazza per Alex Rins, con l’iberico della Suzuki ancora in difficoltà fisiche dopo l’infortunio patito nel primo dei due GP stagionali a Jerez, seguito da un altro convalescente come Crutchlow che, seppur 12° e caduto nell’ultimo giro veloce in curva 9, è il migliore dei piloti Honda (team LCR), mentre Alex Marquez con la Honda ufficiale ha staccato il peggior crono di giornata facendo capire a tutti perché il costruttore nipponico ha già deciso di rimpiazzarlo nel 2021 con Pol Espargaro.

Leggi tutto su Sport