TimGate
header.weather.state

Oggi 03 ottobre 2022 - Aggiornato alle 13:02

 /    /    /  MotoGP 2022, Giappone: Miller 'brucia' Bagnaia nelle libere del venerdì
MotoGP 2022, Giappone: Miller 'brucia' Bagnaia nelle libere del venerdì

Jack Miller- Credit: Maxime Le Pihif/SIPA / IPA / Fotogramma

MOTOMONDIALE 202223 settembre 2022

MotoGP 2022, Giappone: Miller 'brucia' Bagnaia nelle libere del venerdì

di Samuele Ghidini

Le due Ducati precedono Quartararo e Aleix Espargaro a Motegi. Caduta per Bastianini, fuori dalla top ten

 

Ducati non si ferma e monopolizza anche la prima e unica sessione di prove Libere del venerdì in vista del GP del Giappone della MotoGP a Motegi, complice programma ridotto per via del contesto e delle difficoltà logistiche nell'arrivare da Aragon al circuito nipponico.

 

Con cielo nuvoloso e qualche goccia di pioggia a inumidire l'asfalto (il meteo è un'incognita con un tifone che potrebbe colpire l'area dell'autodromo di Motegi nel fine settimana) al punto da far esporre ai commissari di gara la tradizionale bandiera con la croce di Sant'Andrea, infatti, le Desmosedici ufficiali piazzano l'ennesima doppietta nelle FP1, con Jack Miller che girando in 1'44''509 (nonostante sia stato rallentato nel time attack dal collaudatore Suzuki Takuya Tsuda) si prende prima posizione, seguito a soli 28 millesimi di secondo da Francesco Bagnaia.

 

 

Terzo il leader del mondiale della Yamaha Fabio Quartaro, con il terzo in classifica Aleix Espargaro quarto a 68 millesimi dall'australiano di Borgo Panigale. Distacchi risicatissimi, in generale, con ben quindici piloti racchiusi in mezzo secondo, e prestazione comunque convincente per Bagnaia visti i problemi all'elettronica accusati dalla sua GP22 durante la sessione.

 

Qualche lampo dal redivivo Morbidelli, solo sedicesimo a fine turno ma capace di mettersi in luce prima del time-attack conclusivo, con la Ducati del team VR46 di Lica Marini in quinta posizione a precedere, nell'ordine, un Marc Marquez convincente nella gara di casa per Honda il compagno dell'otto volte iridato Pol Espargaro (7°), le due KTM ufficiali di Brad Binder (+0''226) e Miguel Oliveira (+0''234) e Vinales a chiudere la top ten con la seconda Aprilia a tre decimi scarsi da Miller.

 

Fuori dal giro che conta e che, al momento, garantisce l'accesso diretto alle Q2, Enea Bastianini. Il riminese, vittorioso ad Aragon in volata, complice una caduta in curva 5 con la Ducati GP21 del team Gresini non è andato oltre alla quattordicesima posizione, pericolosa in caso di pioggia sabato in ottica accesso alle Q2. Malino anche Zarco, undicesimo con la Ducati del team Pramac a un solo millesimo da Vinales con tanto di caduta.

 

Per quanto riguarda gli altri italiani, Marco Bezzecchi è 19° con la Ducati VR46 e Fabio Di Giannantonio 24° con la Desmosedici del team Gresini. Molto male in una sessione durata un'ora e un quarto Jorge Martin, solo 15° con la seconda Ducati Pramac, con Rins a impressionare a inizio sessione salvo accontentarsi del 13° posto dopo aver visto la sua Suzuki perdere letteralmente per strada un pezzo della carena azzurra. Alle 3.50 italiane della notte fra venerdì 23 e sabato 24 settembre le FP2, con la Qualifiche in programma dalle 8.05.