• News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Tecnologia
    • Gossip e Celebrità
    • Spazio Solidale
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 18 gennaio 2022 - Aggiornato alle 22:37
News
  • 17:50 | Covid, i dati del 18 gennaio: tasso di positività al 15,4%
  • 17:41 | Perché l'Indonesia cambierà la capitale
  • 17:00 | A Fabriano la mostra sulla pittura del Trecento marchigiano
  • 16:50 | Conferenza annuale Esa, Aschbacher: in autunno i nuovi astronauti
  • 16:21 | Haiti a 12 anni dal terremoto
  • 14:58 | Inter, in due salutano: Sensi alla Samp e Vecino alla Lazio
  • 13:51 | L'addio di D'Aversa: 'Derby e media salvezza non sono bastati'
  • 13:34 | Chi è la nuova presidente del Parlamento europeo
  • 12:11 | Australian Open, Sinner non sbaglia e vola al secondo turno
  • 12:09 | In quali negozi NON servirà il Green Pass
  • 11:53 | Le “Creature Fantastiche” popolano gli Uffizi di Firenze
  • 11:49 | La cerimonia in ricordo di Sassoli, a Strasburgo
  • 11:15 | Scuola e Covid, i presidi lamentano "enormi difficoltà gestionali"
  • 10:40 | Il nuovo record di dosi settimanali
  • 10:31 | La Juve vuole subito un nuovo centrocampista
  • 10:22 | Il terremoto in Afghanistan
  • 09:58 | La gran vittoria della Fiorentina sul Genoa (6-0)
  • 08:53 | La Cina annulla la vendita dei biglietti per l’Olimpiade invernale
  • 08:37 | Il Napoli vince a Bologna e sale in classifica
  • 08:21 | Un errore arbitrale e il Milan perde con lo Spezia
MotoGP e Formula 1 al Montmelò per il GP di Catalogna fino al 2026 Miguel Oliveira (KTM), vincitore a Montmelò nel 2021 - Credit: Cordon Press / IPA / Fotogramma
MOTORSPORT 26 novembre 2021

MotoGP e Formula 1 al Montmelò per il GP di Catalogna fino al 2026

di Samuele Ghidini

Rinnovati gli accordi con il Circuit de Barcelona. Due gare dopo il 2022, e modifiche alla pista per le auto

MotoGP e Formula 1 continueranno a correre sul tracciato catalano del Montmelò fino al 2026.

Dorna, società organizzatrice del Motomondiale, ha infatti annunciato il prolungamento del contratto con il Circuit de Barcelona-Catalunya per i prossimi cinque anni. La nuova intesa tra le parti prevede che il GP di Catalogna trovi spazio nel calendario 2022 senza discussioni, mentre dal 2023 al 2026 saranno almeno due i GP sul tracciato, con ovvia possibilità di incremento.

 

Per quanto concerne la Formula 1, poi, la scadenza del nuovo accordo per il GP di Spagna è identica a quella della MotoGP, con la novità di modifiche e miglioramenti a pista e strutture dell’autodromo in modo da renderlo più adatto alle auto.

 

Il GP di Catalunya, storico appuntamento del Motomondiale dal 1992, nel 2022 per ora – la data è ancora provvisoria – dovrebbe ospitare l’evento il 5 giugno, mentre nelle intenzioni e salvo imprevisti nel quadriennio successivo saranno sicuramente due le gare a Montmelò, che si dovrebbero alternare con quelle su altri tracciati in Spagna.

 

“Questo rinnovo del contratto con il Circuit de Barcelona-Catalunya per altre cinque stagioni è una notizia fantastica per la MotoGP. Lo spettacolare tracciato catalano è legato alla MotoGP sin dai primi esordi di Dorna ed è stato un appuntamento chiave del calendario di ogni stagione”, il commento del CEO di Dorna Sports Carmelo Ezpeleta.  

 

Per quanto concerne la Formula 1, poi, il Circuit de Barcelona-Catalunya ospiterà il GP di Spagna fino al 2026, rinnovando una partnership avviata nel lontano 1991. E, in quest’ottica, gli organizzatori locali hanno accettato le richieste del Circus e modificheranno pista e strutture entro il 22 maggio, data della gara nel 2022. nell'ambito di una collaborazione con il Circus iniziata nel 1991.

 

Soddisfazione per il rinnovo anche per Stefano Domenicali, CEO della F1: “Ringrazio il promoter e le autorità per l'impegno nel mantenere la Formula 1 a Barcellona, con miglioramenti che verranno apportati alla pista e alle strutture, e per continuare la nostra lunga storia insieme . Squadre e piloti non vedono l'ora di correre sul circuito e i fan spagnoli continueranno a vedere da vicino i loro eroi nazionali, Fernando Alonso e Carlos Sainz".

I più visti

Leggi tutto su Sport